1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4387596
    Ven 09 Giu, 5:01 PM

    E` durato oltre sette ore l`interrogatorio dell`addetto agli arbitri del Milan Meani presso l`Ufficio Indagini Figc. Interrogatorio fiume, dunque, nella sede della Figc di via Po per Leonardo Meani, che risulta tra gli indagati dalla Procura di Napoli nell`ambito dell`inchiesta sul `Sistema Moggi`. Nessuna dichiarazione all`uscita, ne` da parte di Meani ne` dei suoi legali.



    Pirrone risponde a Bergamo: "Orgoglioso per suoi attacchi"

    Ven 09 Giu, 4:11 PM

    Dopo le dichiarazioni di Paolo Bergamo a Matrix che aveva bocciato l''operato di Riccardo Pirrone, e'' arrivata a breve giro la risposta dell''ex arbitro: "Le sue parole di ieri sera mi inorgogliscono e mi fanno onore. Se io ero considerato un arbitro scarso, fa piacere vedere che gli arbitri che lui riteneva bravi sono quelli che poi sono finiti nelle inchieste giudiziarie".

    "Per lui evidentemente ora e'' importante trovare giustificazioni per quello che ha fatto e vuole trasformare in lecito quello che era illecito - ha proseguito non senza polemica -. L''intervista che ha rilasciato ieri sera a Matrix e'' in linea con tutta la sua condotta di designatore. Il pubblico avra'' capito da solo la differenza morale tra me e lui. La sua mi e'' sembrata una figura che cerca di trovare spiegazioni, anche le piu'' assurde, a quello che e'' successo, come le cene con i dirigenti dei club".

    Alla trasmissione di Mentana Bergamo aveva detto che Pirrone si era dimesso nel 2001 perche'' cosciente che a fine stagione sarebbe stato escluso dalle liste per la stagione successiva. "L''evidente malafede di affermazioni del genere - prosegue l''ex fischietto - e'' dimostrata dai documenti che ha acquisito il dottor Borrelli nei quali ci sono le mie lettere di dimissioni in tempi non sospetti con motivazioni e cause completamente differenti da quelle che ha detto Bergamo che tra l''altro dal 2001 e'' a conoscenza di questi documenti. Quando ha detto che lui rappresenta il passato arbitrale, non posso dargli torto: Bergamo non puo'' dire a Pirrone la stessa cosa. Non solo io non rappresento il passato arbitrale, ma ho messo in queste settimane la mia faccia perche'' mi sento ancora arbitro e voglio essere utile a questo mondo".
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4387597
    Calciopoli: Lotito scortato lascia la Figc

    Ven 09 Giu, 2:41 PM

    E` durato circa tre ore l`interrogatorio del presidente della Lazio Lotito davanti all`Ufficio Indagini della Figc. Lotito, che risulta indagato dalla Procura di Napoli nell`ambito dell`inchiesta sul `Sistema Moggi`, e` uscito dagli uffici di via Po da un ingresso secondario scortato dalla Polizia. Ad `accogliere` Lotito al suo arrivo un nutrito gruppo di tifosi della curva della Lazio, che di fronte agli uffici Figc hanno affisso un manifesto in cui veniva ritratta una pagina del quotidiano ‘Il Messaggero’ del 14 novembre 1992, dove veniva riportato l’arresto di Lotito per una questione di appalti relativa a un affare di 27 miliardi di lire. Alla fine del manifesto una frase con scritto: ‘Da quale pulpito arriva la predica?’ .




    Calciopoli: Carraro `Ho fatto bene a dimettermi`

    Ven 09 Giu, 12:00 PM

    Franco Carraro, ex presidente della Federcalcio, e` uscito dagli uffici della Figc dopo tre ore di interrogatorio. Carraro, sentito direttamente dal capo dell’Ufficio Indagini Francesco Saverio Borrelli, era entrato in via Allegri alle 8.50, e alla fine ha commentato laconicamente: ”Mi ero gia` dimesso, e penso a questo punto di aver fatto bene. Ora lasciatemi andare. Non parlo ne` oggi, ne` domani, ne` dopodomani” . Carraro e` uscito a piedi dagli uffici di via Allegri, dirigendosi poi verso via Po.
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4387598
    Calcio, Moggi rifiuta di essere interrogato da Borrelli

    Ven 09 Giu, 12:25 PM

    ROMA (Reuters) - Luciano Moggi, l'uomo al centro dello scandalo che nelle ultime settimane ha sconvolto il calcio italiano, si è rifiutato di rispondere alle domande dell'Ufficio Indagini della Federcalcio sulle presunte partite truccate. Lo hanno reso noto la Federazione Italiana Giuoco Calcio (Figc) e il suo avvocato.

    L'ex direttore generale della Juventus, le cui conversazioni telefoniche con arbitri e alti dirigenti sono state intercettate, dando inizio alle indagini il mese scorso, era atteso per essere ascoltato lunedì scorso dall'ex-pm Francesco Saverio Borrelli, l'uomo alla guida dell'Ufficio Indagini.

    Ma in un comunicato inviato alla Federazione, l'avvocato di Moggi Fulvio Gianaria ha spiegato che dato che il suo cliente non fa più parte del mondo del calcio, non si sarebbe recato da Borrelli per essere interrogato.

    "In seguito alla richiesta esposta a Luciano Moggi di comprarire davanti all'Ufficio Indagini della Federcalcio, rendiamo noto che, alle luci delle sue dimissioni, ora è fuori dal mondo del calcio", si legge nel comunicato. "Per queste ragioni non sarà presente alle audizioni in corso".

    Moggi, dg della Juventus dal 1994, si era dimesso il 14 maggio, dopo che la squadra aveva sconfitto la Reggina, aggiudicandosi il 29esimo scudetto di serie A della sua storia.

    "Il mondo del calcio non è più il mio mondo", aveva detto ai giornalisti dopo quell'incontro.

    Il più grande scandalo che abbia colpito il calcio italiano negli ultimi 20 anni ha innescato le indagini di quattro procure (Roma, Napoli, Parma, Torino) e dell'Ufficio Indagini della Figc.

    Il consiglio di amministrazione della Juventus, la cosiddetta "triade" composta da Moggi, Antonio Giraudo e Roberto Bettega, si è dimesso in blocco così come ha fatto l'allora presidente della Figc Franco Carraro.

    La lista delle persone indagate comprende 41 persone, tra cui arbitri, dirigenti e funzionari della Federazione, accusati di associazione a delinquere e frode sportiva. Tra le società indagate ci sono Milan, Lazio, Fiorentina e Juventus.

    La Juventus, soprannominata "Vecchia Signora", potrebbe venire relegata in serie B se i suoi funzionari dovessero venire giudicati colpevoli per aver tentato di influenzare i risultati delle gare.

    La Procura di Roma sta conducendo un'indagine parallela sulla Gea World, la società che gestisce la carriera di numerosi calciatori e allenatori italiani.

    Lo scambio di documenti tra la Procura di Roma e la Figc, che invece sta indagando sugli illeciti sportivi, avverrà solo quando l'inchiesta giudiziaria sarà ultimata, secondo le previsioni di Borrelli a metà di questo mese.
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4387600
    L'addetto del Milan alle terne arbitrali interrogato per sette ore. Torchiato pure Carraro, che dice di non essersi accorto di nulla.

    Meani scarica se stesso, Carraro non scarica nessuno. Erano loro due i più attesi ieri all'Ufficio indagini. Mercoledì Adriano Galliani aveva preso le distanze da quello che definisce «un collaboratore»e che non risulta neanche sul sito ufficiale dei rossoneri. Galliani nel suo colloquio con Borrelli era stato chiarissimo: «Il Milan non ha mai fatto nulla di illecito e se qualche comportamento di Meani può ritenersi irregolare, ha agito di sua spontanea volontà». Ieri il «collaboratore» non poteva certo smentirlo: «Le mie telefonate? Anche molta millanteria, qualche superficialità e tanto "cazzeggio"». E le volte che passava il telefono a Galliani nelle telefonate con Bergamo? «Un saluto e niente più». Insomma scaricato dal Milan, a Meani non resta, coerentemente, che scaricarsi da solo. L'appuntamento di Collina con Galliani al ristorante di Lodi? «Non c'è stato e poi Pierluigi spesso mi passava a salutare». L'idea del millantatore Meani potrebbe anche accreditarla, difficile dimenticare, però, le inequivocabili richieste fatte al responsabile dei guardalinee Mazzei e le successive designazioni di quest'ultimo.

    Millanterie forse sono quelle relative alle telefonate fatte a Galliani: «Tutto a posto, non si preoccupi», ma di queste telefonate Galliani ha dichiarato: «Non ho mai creduto a quello che diceva Meani». Ma allora perché affidargli un ruolo (di addetto agli arbitri) così delicato? Un quesito che Borrelli, rientrando a Milano in aereo ieri sera, avrà cercato di chiarire. Anche Carraro non smentisce il ruolo: il sistema va tutelato, protetto. Non si è mai accorto che le cose non andassero bene. Non ha mai pensato che ci fosse un «sistema» che potesse condizionare il campionato. Certo il suo pensiero ricorrente era quello di cambiare, voleva comunque cambiare i designatori. «Soltanto perché avevano fatto il loro tempo. Dopo cinque anni era giusto cambiare e Collina prima della mia rielezione (siamo ancora nel 2004, ndr) aveva anche dato un assenso di massima, Poi nel 2005 ha cambiato idea e ho confermato Bergamo e Pairetto, aspettavo la sua disponibilità». E la cupola? Le telefonate a Moggi per chiedere a Lippi di impiegare Totti e Gilardino? «Nulla di strano, telefonate tra conoscenti che dialogano di calcio».
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4387602
    Scandalo calcio, Giraudo interrogato 3 ore da Borrelli

    Lun 12 Giu, 1:56 PM

    ROMA (Reuters) - L'ex amministratore delegato della Juventus Antonio Giraudo è uscito dalla sede della Federcalcio dopo tre ore di interrogatorio nell'ufficio indagini guidato da Francesco Saverio Borrelli. Lo ha detto il suo avvocato, Luigi Chiappero, che al momento non ha voluto commentare i contenuti del colloquio.

    Il nome di Giraudo, insieme a quello dell'ex direttore generale bianconero Luciano Moggi, compare nella vicenda delle intercettazioni, pubblicate da molti giornali, sulle quali oltre alla giustizia sportiva indagano le procure di Torino e Napoli, per accertare se l'intreccio emerso tra designatori arbitrali e dirigenti di alcune squadre, la Juventus in primis, abbia prefigurato illeciti nel condizionare l'esito di alcune partite.

    Giraudo, è indagato dalla procura di Torino per falso in bilancio per fatti che risalgono al 2004 e dalla procura di Napoli per associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva.

    Stamattina Borrelli entrando nella sede di via Allegri aveva ribadito ai giornalisti la sua intenzione di chiudere i lavori dell'ufficio indagini entro settimana prossima.

    "Siamo verso la fine delle audizioni. Entro la fine della settimana prossima dovremmo presentare (i risultati alla commissione disciplinare). Dovremmo farcela", ha detto Borrelli entrando in ascensore
  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4387604
    Calciopoli: Giraudo `Parleremo in tribunale`

    Lun 12 Giu, 1:04 PM

    Antonio Giraudo e` uscito dagli uffici romani della Figc di via Allegri dopo un colloquio con Borrelli di tre ore. L`ex dirigente bianconero, che e` stato ascoltato nell`ambito dell`inchiesta riguardante lo scandalo che sta sconvolgendo il mondo del calcio, come al solito non ha rilasciato dichiarazioni fiume, ma si e` limitato a dire: ` Parleremo solo nelle aule di tribunale` .

    Questo fa prevedere che l`ex amministratore delegato del sodalizio bianconero sara` coinvolto appieno nella vicenda, e che quindi dovra` difendersi in un`aula di tribunale.
  7.     Mi trovi su: Homepage #4387605
    Originally posted by massituo
    +ore di interrogatorio->posizione +dubbia...quelli della giuve neanche li ascoltano:asd:
    7 ore di interrogatorio --> son ca22i vostri :asd: :asd:
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te
  8.     Mi trovi su: Homepage #4387606
    Originally posted by lucafiQo
    L'addetto del Milan alle terne arbitrali interrogato per sette ore. Torchiato pure Carraro, che dice di non essersi accorto di nulla.

    Meani scarica se stesso, Carraro non scarica nessuno. Erano loro due i più attesi ieri all'Ufficio indagini. Mercoledì Adriano Galliani aveva preso le distanze da quello che definisce «un collaboratore»e che non risulta neanche sul sito ufficiale dei rossoneri. Galliani nel suo colloquio con Borrelli era stato chiarissimo: «Il Milan non ha mai fatto nulla di illecito e se qualche comportamento di Meani può ritenersi irregolare, ha agito di sua spontanea volontà». Ieri il «collaboratore» non poteva certo smentirlo: «Le mie telefonate? Anche molta millanteria, qualche superficialità e tanto "cazzeggio"». E le volte che passava il telefono a Galliani nelle telefonate con Bergamo? «Un saluto e niente più». Insomma scaricato dal Milan, a Meani non resta, coerentemente, che scaricarsi da solo. L'appuntamento di Collina con Galliani al ristorante di Lodi? «Non c'è stato e poi Pierluigi spesso mi passava a salutare». L'idea del millantatore Meani potrebbe anche accreditarla, difficile dimenticare, però, le inequivocabili richieste fatte al responsabile dei guardalinee Mazzei e le successive designazioni di quest'ultimo.

    Millanterie forse sono quelle relative alle telefonate fatte a Galliani: «Tutto a posto, non si preoccupi», ma di queste telefonate Galliani ha dichiarato: «Non ho mai creduto a quello che diceva Meani». Ma allora perché affidargli un ruolo (di addetto agli arbitri) così delicato? Un quesito che Borrelli, rientrando a Milano in aereo ieri sera, avrà cercato di chiarire. Anche Carraro non smentisce il ruolo: il sistema va tutelato, protetto. Non si è mai accorto che le cose non andassero bene. Non ha mai pensato che ci fosse un «sistema» che potesse condizionare il campionato. Certo il suo pensiero ricorrente era quello di cambiare, voleva comunque cambiare i designatori. «Soltanto perché avevano fatto il loro tempo. Dopo cinque anni era giusto cambiare e Collina prima della mia rielezione (siamo ancora nel 2004, ndr) aveva anche dato un assenso di massima, Poi nel 2005 ha cambiato idea e ho confermato Bergamo e Pairetto, aspettavo la sua disponibilità». E la cupola? Le telefonate a Moggi per chiedere a Lippi di impiegare Totti e Gilardino? «Nulla di strano, telefonate tra conoscenti che dialogano di calcio».



    ------------

    Il "cazzeggio" di MEANI continua ancora.....e non è al telefono....!
    Seguito dei "cazzeggi" di GALLIANI e peggio ancora di quelli del pirla di Arcore...


    :nah:

  Calciopoli: Meani, oltre 7 ore di interrogatorio

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina