1.     Mi trovi su: Homepage #4387664
    Rigettato il ricorso di un poliziotto che fece avances a una collega. «Ogni contatto non richiesto nelle zone erogene è punibile»
    STRUMENTI
    VERSIONE STAMPABILE
    I PIU' LETTI
    INVIA QUESTO ARTICOLO
    ROMA - Un bacio sul collo o il solo tentativo di bacio sulle labbra rientrano nella sfera degli «atti sessuali» e sono punibili penalmente se connotati da costrizione con violenza o abuso di autorità. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione respingendo il ricorso di un funzionario di Polizia condannato nel 2002 dalla Corte di Appello di Genova a un anno e due mesi di reclusione per violenza sessuale: il poliziotto, già condannato in primo grado dal Tribunale di San Remo, nel '94 aveva costretto una collega di grado inferiore a subire baci sul collo e aveva tentato poi di baciarla anche sulla bocca dopo averla stretta a se con forza all'interno di una vettura di servizio.

    IL CASO -Il funzionario di Polizia aveva proposto il ricorso per insussistenza del reato spiegando che le sue erano state semplici «avances» e che non incidevano sulla sfera sessuale della donna. Con la sentenza n. 19808 depositata oggi a piazza Cavour la Suprema Corte ha rigettato il ricorso confermando la condanna. In questo ambito, secondo la terza sezione penale della Cassazione, «il punto focale è la disponibilità della sfera sessuale da parte della persona che ne è titolare» e che il reato di violenza sessuale «ricomprende oltre ad ogni forma d

    i congiunzione carnale, qualsiasi atto che, rivelandosi in un contatto corporeo se pur fugace ed estemporaneo, sia finalizzato a porre in pericolo la libertà di autodeterminazione del soggetto passivo».

    LA SENTENZA - I giudici della Cassazione hanno quindi confermato le considerazioni prese nel 2004 con sentenza n. 37395, nella quale avevano fissato i limiti della condotta tipica del reato di violenza sessuale, ovvero «qualsiasi condotta che possa ledere il bene giuridico di libertà sessuale, non solo quindi la congiunzione carnale o gli atti di libidine»: per questo fu confermata la condanna per un magistrato accusato di aver dato una pacca sul sedere proprio a una dirigente del Palazzaccio e ad altre impiegate.

    ATTO SESSUALE - Come sancito da diverse pronunce della Suprema Corte, anche palpeggiamenti e i toccamenti - spiega il relatore della sentenza odierna, Aldo Fiale - possono costituire una indebita intrusione nella sfera sessuale ed il riferimento del sesso non deve limitarsi alle zone genitali, ma comprende pure quelle ritenute erogene dalla scienza medica, psicologica ed antropologica. I giudici di Piazza Cavour hanno quindi respinto il ricorso del funzionario di Polizia confermando la condanna della Corte di Appello di Genova a un anno e due mesi di reclusione ed addebitando all'imputato le spese di giudizio.

    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2006/06_Giugno/09/bacio.shtml

    Non si può fare un cacchio...:cool:

  lBacio sul collo «rubato» è molestia

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina