1. having fun with the blues  
        Mi trovi su: Homepage #4394828
    ...secondo la cazzetta.

    Ecco come potrebbe finire dopo i processi: Milan penalizzato ma in Champions, Fiorentina in Uefa con Palermo e Livorno, Lazio in A ma senza Europa, Roma e Chievo in Champions

    MILANO, 24 giugno 2006 - Ci vogliono difensori abili. E non stiamo parlando di Materazzi e Cannavaro, ma di avvocati. Con quelli, con il supporto delle stesse 109 pagine dell’istruttoria del procuratore federale Stefano Palazzi tra le cui pieghe spunta qualche attenuante di non poco conto, Fiorentina, Lazio, Milan e anche la conciatissima Juventus possono puntare a delle sentenze commestibili. È il quadro che si ricava due giorni dopo i deferimenti, quando ne mancano ancora 5 all’inizio del megaprocesso su Moggiopoli. Il totosentenze è già cominciato e sarà un esercizio lungo e complicato. La Commissione d’appello federale di Cesare Ruperto, impermeabile a tutto, farà il suo lavoro. Con una squadra ristretta (saranno cinque in tutto) e altamente qualificata, senza pizzini e, a scanso di equivoci, con due bei tritacarte nuovi di zecca a sostegno.
    Un processo che si svilupperà su due direttrici. Quella del "sistema", e quella delle singole partite. È lecito ritenere che ai giudici della Caf, come d’altra parte al Procuratore federale, stia molto più a cuore il primo delle seconde, in merito alle quali è assai più complicato dimostrare che certi illeciti si siano davvero consumati. Il gioco delle sentenze dice che la Juve è messa malissimo. Per come Palazzi ha costruito il suo impianto accusatorio rischia (oltre allo scontato "ritiro" di due scudetti) non solo la B, ma la B con ampia penalizzazione e addirittura la C1 o la C2.
    È per questo che alla fine, una sentenza di "sola" serie B, in qualche misura già digerita dalla proprietà, finirà col rappresentare il male minore. Juve retrocessa all’ultimo posto del campionato 2005-2006, che al contrario di quello precedente la Caf dovrà giocoforza considerare regolare, poichè non esiste uno straccio di prova che dica il contrario. Sarà quell’ultimo posto a fare da unità di misura per tutto il resto. Perché nel conto delle responsabilità il distacco tra la Juve e le altre era e resta abissale. Penalizzazione per tutte, dunque. Per la Fiorentina, che ha una buona arma di difesa in quelle pagine nelle quali Palazzi ammette e sottolinea come il club viola fosse tenuto sotto schiaffo dal "sistema Moggi".
    Per la Lazio, che può vantare, lei sola, di avere avuto in Lotito un presidente che ha interagito telefonicamente coi soli Carraro e Mazzini, cioè le istituzioni, senza mai passare per Bergamo e Pairetto. Per il Milan di Meani (piuttosto che di Galliani), il cui ruolo, con buona pace di Borrelli, è stato già ridimensionato dal procuratore federale. La penalizzazione, per avere un valore, deve essere afflittiva. Deve cioè "togliere" qualcosa, qualche titolo sportivo conquistato sul campo, al club che la subisce. Il Milan, con la Juve retrocessa all’ultimo posto, perderà il suo sopraggiunto primo posto. Ha chiuso il campionato con 12 punti sull’Inter e 19 sulla Roma, ne prenderà da 13 a 20 di penalizzazione.
    Champions League salva, se diretta o partendo dai preliminari si vedrà. Stessa sorte per la Fiorentina: era in Champions, sarà penalizzata fino a perderla (almeno 21 punti) ma conservando l’Europa dell’Uefa. Idem per la Lazio: era in Uefa, la perderà (anche in questo caso più di 20 punti di penalizzazione) ma salvando la serie A. Una classifica che sarà dunque interamente riscritta: con Roma e Chievo che guadagneranno i preliminari di Champions (per la Roma c’è anche l’ipotesi di accesso diretto), con Palermo e Livorno che raggiungeranno la Fiorentina in Uefa. Quel giorno, prima del 27 luglio previsto dall’Uefa come data ultima per consegnare le iscritte italiane all’Europa, il Commissario straordinario Guido Rossi avrà vinto la sua più grande scommessa. E con essa anche il diritto, tutto suo e non della Caf, di stabilire se lo scudetto 2005-2006 dovrà essere assegnato o non assegnato. O Inter, o nessuno.
  2. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4394832
    Mah, posto che in Italia ne abbiamo viste di tutti i colori, non capisco in quale misura il concetto di pena afflittiva sia soddisfatto dalla penalizzazione di punti al Milan. Se non c'è penalizzazione fattiva (il Milan rimarrebbe secondo, senza alcuno svantaggio) non serve nemmeno applicare la pena allora.
  3.     Mi trovi su: Homepage #4394833
    Originally posted by ScudettoWeb
    Mah, posto che in Italia ne abbiamo viste di tutti i colori, non capisco in quale misura il concetto di pena afflittiva sia soddisfatto dalla penalizzazione di punti al Milan. Se non c'è penalizzazione fattiva (il Milan rimarrebbe secondo, senza alcuno svantaggio) non serve nemmeno applicare la pena allora.


    credo che la penalizzazione in punti sulla scorsa stagione, che si rivelerebbe inutile, sia assolutamente da escludere

    perchè ho sentito parlare da qualche parte di pena efficace, come se fosse un articolo del regolamento .. e quella non sarebbe efficace
    ma forse intendevano penalizzazione nel prossimo campionato

    ma secondo me la Gazzetta ha scritto una roba che non sta nè in cielo nè in terra, dopotutto cambiando le carte ogni giorno, si vendono anche più giornali
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4394835
    Borrelli: "Coinvolti altri club, l'inchiesta deve continuare"

    Gli ispettori dell'Ufficio Indagini al lavoro sui nuovi filoni: Gea e calcio scommesse.

    Borrelli non ha dubbi: "È lo scandalo più grande della storia del calcio". È questa l'affermazione conclusiva delle 193 pagine di relazione con cui l'ex capo di Mani Pulite illustra al procuratore federale Palazzi i meccanismi interni della cupola del calcio. Nello stesso documento Borrelli annuncia la necessità di continuare ad indagare sugli altri aspetti di questo scandalo: "La sua unicità, la vastità del contesto, il numero davvero ampio di società e soggetti coinvolti, i plurimi filoni indagativi che sin da ora emergono e che vieppiù emergeranno nel prosieguo, non permettono di ritenere conclusa l'opera di individuazione delle responsabilità eventualmente attribuibili ad altre società e ad altre persone fisiche". Il suo Ufficio Indagini sta già lavorando al filone calcioscommesse emerso alle procure di Parma e Udine (Buffon e Iaquinta), agli imbarazzanti interrogatori sul filone Gea della procura di Roma, (Nesta, Cannavaro, Trezeguet) e a nuovi profili di illeciti disciplinari emersi dagli interrogatori sportivi. È un documento dai toni definitivi quello firmato da Borrelli: "Tale sistema si è affermato avendo come principale soggetto di riferimento il Moggi ed ha visto come prima beneficiaria dei relativi effetti la Juventus. Del medesimo sistema che si potrebbe definire "dominante" si sono nel tempo giovate altre squadre. In tal senso va inquadrata l'attività della Fiorentina e della Lazio. Parallelamente, il Milan ha sviluppato proprie e autonome vie per ottenere determinati favori arbitrali; ciò in considerazione del ruolo di antagonista istituzionale rivestito da tale società rispetto alla Juventus".

    La Juve- scrive Borrelli- "ha esercitato negli anni una posizione di assoluto dominio sull'intero mondo del calcio tanto da ingenerare dubbi e perplessità sulle modalità con le quali, in Italia, sono stati raggiunti, nel tempo, risultati di vertice". "Giraudo e (soprattutto) Moggi sono apparsi come elementi fondanti di quell'associazione che tanto ha influito sul regolare andamento del campionato di calcio di serie A 2004-'05 ma la cui nascita deve certamente, farsi risalire anni addietro. Questa associazione è emersa così numericamente consistente, strutturata e pervasiva, capace di occupare tutti gli spazi relativi al mondo del calcio, che non è davvero lontanamente immaginabile che la stessa possa essersi come d'incanto materializzata ed affermata soltanto in un campionato".

  Juve in B, le altre in A (Fiorentina senza champions' league)

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina