1.     Mi trovi su: Homepage #4396597
    "Godo nel prendermi insulti avversari"

    Carlos Tevez non usa mezze misure per presentare la sfida Argentina-Germania: "Spero che l'arbitro ci fischi un rigore a favore - ha detto - In quel momento sul dischetto vorrei andarci io, mirerei alla testa del portiere e poi 'sparerei' una cannonata. Se sbaglio, pazienza. Altrimenti segno e stacco la testa o una parte dello stomaco a Lehmann. Godo nel prendermi gli insulti del pubblico avversario".

    Il fair-play non è sicuramente lo stile di vita dell'attaccante dell'Argentina, che rischia di surriscaldare terribilmente una sfida già tesa per l'importanza della posta in palio e la rivalità tra le due Nazionali. Dichiarazioni quasi da censura, che fanno rabbrividire e che non aiutano certamente a trascorrere una vigilia tranquilla da parte dei tifosi.
    "Mi piacciono le sfide particolarmente difficili - dice l'asso del Corinthians - e soprattutto quelle giocate fuori casa. Godo nel prendermi gli insulti del pubblico avversario, e spero che ciò avvenga anche a Berlino. Sono questi i momenti in cui un giocatore deve dimostrare che ha i giusti attributi, e di essere un campione. Sapete qual è la verità? Quella di venerdì a Berlino è una sfida da 'machos', per uomini veri".

    Un uomo vero si vede sul campo, lottando dal primo all'ultimo minuto magari giocando anche al limite delle regole, cercando di aiutare la propria squadra a superare gli avversari. Non cercando di eliminarli fisicamente...
  2.     Mi trovi su: Homepage #4396599
    "Aiuta a trovare la concentrazione"

    Curioso allenamento della formazione tedesca, in vista della sfida di venerdì nei quarti di finale contro l'Argentina: Klinsmann ha fatto esercitare Ballack e compagni nel tiro con l'arco. "I ragazzi si sono esercitati sotto la supervisione dell'allenatore della nazionale tedesca di tiro con l'arco - ha spiegato il vice allenatore Low - E' un ottimo esercizio che aiuta a trovare la giusta concentrazione".

    Mancano ancora 48 ore all'attesissima gara contro l'Argentina, sicuramente (assieme a Brasile-Francia) la sfida più affascinante dei quarti di finale, e in casa tedesca si cerca di allentare la tensione. Il ct Juergen Klinsmann ha trovato un modo molto singolare per far svolgere l'allenamento di mercoledì mattina: esercitarsi nel tiro... con l'arco.
    Lo strano episodio, fotografato e visto dai molti giornalisti presenti alla seduta della "Mannschaft", è stato spiegato da Joachim Low, vice allenatore della Nazionale: "I ragazzi si sono esercitati sotto la supervisione dell'allenatore della nazionale tedesca di tiro con l'arco. E' un ottimo esercizio che aiuta a trovare la giusta concentrazione".

    Non è la prima iniziativa curiosa decisa dal tecnico tedesco per cercare di rompere la monotonia del ritiro. Già nello stage in Svizzera, prima dell'inizio del Mondiale, l'ex interista aveva organizzato per i suoi giocatori una visita in un atelier di orologeria. Chissà cosa riuscirà a fare se la Germania arriverà in semifinale...

    ----------------------------------------------

    Tevez vuole staccare la testa a Lehmann e allora i tedeschi si esercitano con il tiro con l'arco.....non si sa mai :D :D
  3.     Mi trovi su: Homepage #4396601
    Originally posted by Pezzotto
    "Godo nel prendermi insulti avversari"

    Carlos Tevez non usa mezze misure per presentare la sfida Argentina-Germania: "Spero che l'arbitro ci fischi un rigore a favore - ha detto - In quel momento sul dischetto vorrei andarci io, mirerei alla testa del portiere e poi 'sparerei' una cannonata. Se sbaglio, pazienza. Altrimenti segno e stacco la testa o una parte dello stomaco a Lehmann. Godo nel prendermi gli insulti del pubblico avversario".

    Il fair-play non è sicuramente lo stile di vita dell'attaccante dell'Argentina, che rischia di surriscaldare terribilmente una sfida già tesa per l'importanza della posta in palio e la rivalità tra le due Nazionali. Dichiarazioni quasi da censura, che fanno rabbrividire e che non aiutano certamente a trascorrere una vigilia tranquilla da parte dei tifosi.
    "Mi piacciono le sfide particolarmente difficili - dice l'asso del Corinthians - e soprattutto quelle giocate fuori casa. Godo nel prendermi gli insulti del pubblico avversario, e spero che ciò avvenga anche a Berlino. Sono questi i momenti in cui un giocatore deve dimostrare che ha i giusti attributi, e di essere un campione. Sapete qual è la verità? Quella di venerdì a Berlino è una sfida da 'machos', per uomini veri".

    Un uomo vero si vede sul campo, lottando dal primo all'ultimo minuto magari giocando anche al limite delle regole, cercando di aiutare la propria squadra a superare gli avversari. Non cercando di eliminarli fisicamente...

    :clap: :clap:
    + Tevez
    - Del Piero

  Tevez: "Stacco la testa a Lehmann"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina