1.     Mi trovi su: Homepage #4400621
    Sono convinto che uno degli obblighi morali di chi videogioca da anni sia quello di tramandare alle nuove generazioni di appassionati il "patrimonio culturale videoludico" assorbito con l’esperienza.

    Traducendo: "ci sono giochi che mi hanno fatto divertire come un matto, e ora vi dico quali sono!".

    Ricordo con gioia la capatina che feci al castello del Signor Wolfenstein: escludendo gli zombie che all’improvviso saltavano fuori dalle loro nicchie (rigorosamente alle mie spalle, simpatici!) e l’esercito di super-soldati desiderosi di fare la mia conoscenza, devo ammettere che fu una gran bella gita!
    Per referenze: Return to Castle Wolfenstein .

    Come scordare, poi, la lotta contro i malvagi terroristi della quale fui protagonista unico e insostituibile (sotto le mentite spoglie di John Mullins) nel bellissimo Soldier of Fortune II ?
    Tra le meraviglie del sistema di danni localizzati (capii la differenza che passa tra un fucile a pompa e una pistola qualunque...), la grafica da urlo e il carisma del buon John (che potrebbe mangiarsi un certo Chuck a colazione!!!) passai ore e ore di sano tiro al bersaglio.

    La campagna di guerra attraverso un Europa segnata dal secondo conflitto mondiale, infine, la ricordo con emozione. Call of Duty mi immerse in maniera magistrale nell’atmosfera del periodo, gettando me e i miei commilitoni virtuali sui terreni fangosi di Carentan, Saint Mère-Eglise, Stalingrado...e ne sono uscito intero!

    Potrei andare avanti per ore (che volete? E’ stata dura giocare, e giocare, e giocare...), ma devo ricacciare all’inferno i demoni di Doom 3 , e come potrete immaginare è una faccenda abbastanza urgente!

    Per ulteriori informazioni sul "patrimonio culturale videoludico" (tradotto: su altri giochi da non perdere!) cliccate qui , o qui.

    Videogame.it
  2.     Mi trovi su: Homepage #4400623
    sai cosa penso?
    forse erano più belli perchè erano...i primi.
    oggi, che siamo abituati a veder meraviglie, abbiamo forse un po' perso la magia della sorpresa, la voglia della scoperta, lo stupore del pixel-senza-anti-aliasing. ai tempi c'era un terreno vergine da esplorare, e ogni idea era (sembra una banalità assurda, ma non lo è) nuova.

    recentemente, però, ho provato la demo di un gioco che mi ha risvegliato il "neurone del videogiocatore". si tratta di Prey. il fatto che la primitiva idea del gioco risalga al 1997 mi pare significativo...
  3.     Mi trovi su: Homepage #4400624
    Uno dei miei preferiti è stato "Lady Tut", "Ghost&Goblin", "Mission Impossible", "Summer Games" e "Kung Fu Master". Poi abbiamo superato gli 8 colori e siamo passati a "Golden Axe", Fire&Ice e l'intramontabile SENSIBLE SOCCER (serie intera)!!!!
    Poi siam passati al pc ed i vari "TD", "Dungeon Master", "Eye Of the Beholder", la serie di "Ultima", Diablo la serie "THEME" , i vari SIM CITY CLASSICI ed i CIVetc.

    Quelli che mi han fatto divertire di più in assoluto.... STARCRAFT(!!!!) Quake (serie), TRIBES, COD, MOHAA, AVP 2.

    Sicuramente me ne son scordato qualcuno! :D
  4.     Mi trovi su: Homepage #4400625
    Originally posted by OTAN Sicuramente me ne son scordato qualcuno! :D

    ...hai citato la Storia dei videogiochi!
    ogni tanto, però, mi frulla in testa una domanda. oggi, abituati a giochi mossi da motori grafici mostruosi, come reagiremmo di fronte ai capolavori che ci hanno fatto impazzire in...gioventù?
    con il passare del tempo l'aspetto grafico dei videogiochi è migliorato in maniera sostanziale, e da questo punto di vista non c'è paragone tra uno Starcraft e un Rise & Fall.
    quanto è importante oggi, per un appassionato, la grafica? lo è tanto da farci guardare con un occhio diverso i giochi che ci hanno appassionato agli esordi della nostra "carriera videoludica"?

    Io ricordo con gioia il primo Age of Empires, e sinceramente se lo riprendessi oggi penso che mi divertirei ancora un mondo!
  5.     Mi trovi su: Homepage #4400627
    Originally posted by Sempavor
    quanto è importante oggi, per un appassionato, la grafica? lo è tanto da farci guardare con un occhio diverso i giochi che ci hanno appassionato agli esordi della nostra "carriera videoludica"?[/QUOTE]
    C'è da dire che il primo impatto è fortemente penoso. Riprendendo a giocare a TR1, dopo un'avventura grafica come Tomb Raider Legend sono rimasto alquanto scioccato... Ma poi col tempo riaffiorano i vecchi ricordi di pomeriggi interi spesi ad esplorare le ambientazioni per cercare una misera chiave... :asd: E la passione è riaffiorata completamente! :approved:
    [QUOTE]Originally posted by OTAN
    ho ancora il C64 funzionante! :asd:

    Beato te! Io ho cambiato 5 Nintendo nel giro di tre anni! :rolleyes:


    [COLOR=seagreen]Membro del Legend Rescue Team[/COLOR]
  6.     Mi trovi su: Homepage #4400628
    Originally posted by The_Archeologist
    poi col tempo riaffiorano i vecchi ricordi di pomeriggi interi spesi ad esplorare le ambientazioni per cercare una misera chiave... :asd: E la passione è riaffiorata completamente!

    vero. alla fine è come tornare in posti che avevamo visitato, e che ci avevano regalato bei momenti.
    a me è successo con il primo Hidden & Dangerous, solo per citare l'ultimo...ritorno di fiamma!

  La memoria del videogiocatore

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina