1.     Mi trovi su: Homepage #4402696
    Le tragedie in Campania e in Liguria

    Tre persone hanno perso la vita nei festeggiamenti che hanno impazzato per la vittoria Mondiale della Nazionale. Un pregiudicato napoletano, Michele Coscia, è stato ucciso in un agguato a Chiaiano, alla periferia Nord della città. Alberto Cavenaghi è morto dopo essere caduto in mare, tra Rapallo e Santa Margherita Ligure. Un ragazzo di 16 anni è deceduto a Salerno a causa del ribaltamento dell'auto su cui viaggiava.

    L'Italia paga a caro prezzo i festeggiamenti per la conquista della quarta Coppa del Mondo della sua storia: man mano che passa il tempo, infatti, arrivano storie davvero incredibili da ogni parte del Paese, con morti, feriti e incidenti più o meno gravi capitati dopo la partita. Un giovane di circa 20 anni è morto in mare: secondo le prime informazioni giunte al comando generale delle capitanerie di porto, il giovane ed un suo amico sono saliti a bordo di un gommone diretti da Rapallo a Santa Margherita ligure. Durante il tragitto i due sono caduti in mare in circostanze imprecisate. Nel tentativo di risalire sul piccolo natante, uno dei due giovani potrebbe essere stato colpito dal motore e non è più riemerso; il suo amico è riuscito a raggiungere la riva a nuoto. Il cadavere del giovane è stato avvistato sul fondo del mare da uomini della guardia costiera e da sommozzatori dei vigili del fuoco. Un giovane di 16 anni, di Buccino (Salerno), è morto la notte scorsa mentre festeggiava in auto con alcuni amici la vittoria dell'Italia. Luigi Salimbene, questo il nome della vittima, era a bordo di una automobile con i suoi amici, quando improvvisamente l'auto si è ribaltata. Grande caos a Rieti: un ventunenne di Poggio Moiano ha perso due dita di una mano, probabilmente per lo scoppio di un petardo.

    Restano anche le tracce dei vandalismi e delle intemperanze a Roma, come alcune vetrine danneggiate a via del Corso, una cabina telefonica distrutta in piazza Sant'Emerenziana, l'auto di una pattuglia della municipale lievemente danneggiata a Ponte Vittorio. Un bambino di sette anni, di Napoli, e' rimasto ferito durante i festeggiamenti: il bambino era sul balcone di casa, in viale Colli Aminei quando è stato colpito al capo da un bicchiere lanciato da ignoti, probabilmente nell'euforia del momento. Stavano festeggiando la vittoria della nazionale poco prima di mezzanotte quando il mezzo sul quale si trovavano a Lanusei, in Sardegna, è stato bersagliato dal lancio di alcune bombe molotov. Sette ragazzi, gran parte minorenni, sono rimasti feriti e ustionati e sono ora ricoverati nell'ospedale di Lanusei.

    Un giovane di 20 anni è ricoverato all'ospedale di Leonforte in prognosi riservata dopo essere caduto dal tetto di un'auto. E' accaduto a Regalbuto, nell'Ennese. Il giovane pare abbia perso l'equilibrio. Tre feriti per lo scoppio di petardi, auto e cassonetti dell'immondizia danneggiati da vandali in Molise.



    :( :( :( :(

  Italia, festa con dramma: tre morti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina