1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4427547
    "Dai successi del mio Barca alla conquista degli altri sport". E intanto il club firma un accordo con l'Unicef.

    "Per chiudere i conti con la storia, il minimo e' vincere la terza Champions League". Non e' il delirio di onnipotenza di un invasato del calcio iberico ma l'obiettivo secco, il chiodo fisso che un patron del calibro di Juan Laporta ha tutte le carte in regola di perseguire. Non fosse altro che stiamo parlando del Barcellona, quello di Ronaldinho e Messi, perfetto in attacco e rinforzato in difesa dagli arrivi di Zambrotta e Thuram.
    "Credo nella forza del lavoro e nel barcellonismo dello sport". A sentirlo parlare, vengono quasi i brividi. Laporta ha lanciato una sorta di offensiva totale, che dal calcio passa per il basket, la pallamano e l'hockey, ma che vede nelle gesta di Dinho e soci il maggior specchietto per le allodole: "Grazie alle vittorie del nostro club stiamo ricevendo una serie di ritorni d'immagine:- continua il patron- abbiamo chiuso un accordo con l'Unicef, a tutto vantaggio dell'immagine del club iberico. Il Barcellona partecipera' ai progetti dell'Unicef, donando 1,5 milioni di euro per i prossimi cinque anni". Barcellonismo, roba da globalizzazione del calcio, e non solo.

  Laporta e la sua smania di onnipotenza

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina