1. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4444935
    Bojinov segna e lancia una dedica in dialetto leccese alla telecamera piu’ vicina. A fine gara, non dimentica la Puglia, lanciando un messaggio d’affetto ed un ringraziamento a chi lo ha cresciuto. Cosi’, quando dopo la doccia si ritrova davanti alle telecamere e collegato da Lecce vede il suo mentore Zeman, interviene senza freni inibitori: “Ciao padre – esordisce – come va?”.
    Uno Zeman visibilmente sorpreso, ma anche compiaciuto chiede: “Quanti ne hai messi?”. “Due – la risposta secca dell’attaccante bulgaro, che pero’ poi continua – ma io sono intervenuto perche’ ti voglio ringraziare davanti alle telecamere, perche’ tutti sappiano che se sono qui il merito e’ soprattutto tuo. Te l’ho detto anche a quattr’occhi, ma ora lo dico qui davanti a tutti. Sei tu che mi hai insegnato tanto”. Zeman a questo punto e’ visibilmente emozionato e fatica a rispondere: “Spero che crescerai anche con gli altri, perche’ hai tanto tempo davanti a te. Questa e’ la dimostrazione che se uno si predispone per imparare, ci riesce. Emozionato io? No – si schernisce il boemo – sono le luci, non sono piu’ abituato, ormai ero abituato solo a prati e campi”.


    Il discorso, poi, scivola su toni meno impegnativi: “Mi raccomando, trattami bene Caccavallo (un giovane attaccante del Lecce alle dipendenze del mister ndr) – continua Bojinov – perche’ quello e’ forte, piu’ forte di me e tu lo sai”. “E tu lo sai che con me le raccomandazioni non funzionano – gli risponde di rimando l’ex mister – se e’ bravo lo dimostrera’”.


    A questo punto Zeman abbandona lo studio allestito per le interviste, ma Bojinov, seppure in sua assenza, gli lancia l’ultimo affettuoso messaggio: “Ci sentiamo tutti i giorni, e’ un grande il mister. Per me ha fatto tanto, gli devo tutto. Sono certo che mi segua e spera che io faccia bene e in questo modo sono riuscito a farlo tifare Juve (ride)”. Piccole cose, ma che sveleniscono il clima e rasserenano l’ambiente.


    --------------------------------------------------------------------------------

    Finalemente sta rinvenedo..... non dimentica da dove viene e parla la nostra lingua.....

    ora togliti solo quel tattuagio e chiedici scusa!
    ;)




    Se questo gioca sempre al posto di Del piero la juve va in A.... altrimenti sarà + dura! ;)
  2. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4444936
    Originally posted by wfw
    Bojinov segna e lancia una dedica in dialetto leccese alla telecamera piu’ vicina. A fine gara, non dimentica la Puglia, lanciando un messaggio d’affetto ed un ringraziamento a chi lo ha cresciuto. Cosi’, quando dopo la doccia si ritrova davanti alle telecamere e collegato da Lecce vede il suo mentore Zeman, interviene senza freni inibitori: “Ciao padre – esordisce – come va?”.
    Uno Zeman visibilmente sorpreso, ma anche compiaciuto chiede: “Quanti ne hai messi?”. “Due – la risposta secca dell’attaccante bulgaro, che pero’ poi continua – ma io sono intervenuto perche’ ti voglio ringraziare davanti alle telecamere, perche’ tutti sappiano che se sono qui il merito e’ soprattutto tuo. Te l’ho detto anche a quattr’occhi, ma ora lo dico qui davanti a tutti. Sei tu che mi hai insegnato tanto”. Zeman a questo punto e’ visibilmente emozionato e fatica a rispondere: “Spero che crescerai anche con gli altri, perche’ hai tanto tempo davanti a te. Questa e’ la dimostrazione che se uno si predispone per imparare, ci riesce. Emozionato io? No – si schernisce il boemo – sono le luci, non sono piu’ abituato, ormai ero abituato solo a prati e campi”.


    Il discorso, poi, scivola su toni meno impegnativi: “Mi raccomando, trattami bene Caccavallo (un giovane attaccante del Lecce alle dipendenze del mister ndr) – continua Bojinov – perche’ quello e’ forte, piu’ forte di me e tu lo sai”. “E tu lo sai che con me le raccomandazioni non funzionano – gli risponde di rimando l’ex mister – se e’ bravo lo dimostrera’”.


    A questo punto Zeman abbandona lo studio allestito per le interviste, ma Bojinov, seppure in sua assenza, gli lancia l’ultimo affettuoso messaggio: “Ci sentiamo tutti i giorni, e’ un grande il mister. Per me ha fatto tanto, gli devo tutto. Sono certo che mi segua e spera che io faccia bene e in questo modo sono riuscito a farlo tifare Juve (ride)”. Piccole cose, ma che sveleniscono il clima e rasserenano l’ambiente.


    --------------------------------------------------------------------------------

    Finalemente sta rinvenedo..... non dimentica da dove viene e parla la nostra lingua.....

    ora togliti solo quel tattuagio e chiedici scusa!
    ;)




    Se questo gioca sempre al posto di Del piero la juve va in A.... altrimenti sarà + dura! ;)



    Ammazzatevi, te e lui :cool:
  3.     Mi trovi su: Homepage #4444940
    Originally posted by wfw
    Bojinov segna e lancia una dedica in dialetto leccese alla telecamera piu’ vicina. A fine gara, non dimentica la Puglia, lanciando un messaggio d’affetto ed un ringraziamento a chi lo ha cresciuto. Cosi’, quando dopo la doccia si ritrova davanti alle telecamere e collegato da Lecce vede il suo mentore Zeman, interviene senza freni inibitori: “Ciao padre – esordisce – come va?”.
    Uno Zeman visibilmente sorpreso, ma anche compiaciuto chiede: “Quanti ne hai messi?”. “Due – la risposta secca dell’attaccante bulgaro, che pero’ poi continua – ma io sono intervenuto perche’ ti voglio ringraziare davanti alle telecamere, perche’ tutti sappiano che se sono qui il merito e’ soprattutto tuo. Te l’ho detto anche a quattr’occhi, ma ora lo dico qui davanti a tutti. Sei tu che mi hai insegnato tanto”. Zeman a questo punto e’ visibilmente emozionato e fatica a rispondere: “Spero che crescerai anche con gli altri, perche’ hai tanto tempo davanti a te. Questa e’ la dimostrazione che se uno si predispone per imparare, ci riesce. Emozionato io? No – si schernisce il boemo – sono le luci, non sono piu’ abituato, ormai ero abituato solo a prati e campi”.


    Il discorso, poi, scivola su toni meno impegnativi: “Mi raccomando, trattami bene Caccavallo (un giovane attaccante del Lecce alle dipendenze del mister ndr) – continua Bojinov – perche’ quello e’ forte, piu’ forte di me e tu lo sai”. “E tu lo sai che con me le raccomandazioni non funzionano – gli risponde di rimando l’ex mister – se e’ bravo lo dimostrera’”.


    A questo punto Zeman abbandona lo studio allestito per le interviste, ma Bojinov, seppure in sua assenza, gli lancia l’ultimo affettuoso messaggio: “Ci sentiamo tutti i giorni, e’ un grande il mister. Per me ha fatto tanto, gli devo tutto. Sono certo che mi segua e spera che io faccia bene e in questo modo sono riuscito a farlo tifare Juve (ride)”. Piccole cose, ma che sveleniscono il clima e rasserenano l’ambiente.


    --------------------------------------------------------------------------------

    Finalemente sta rinvenedo..... non dimentica da dove viene e parla la nostra lingua.....

    ora togliti solo quel tattuagio e chiedici scusa!
    ;)




    Se questo gioca sempre al posto di Del piero la juve va in A.... altrimenti sarà + dura! ;)

    domande:
    -che ha detto in dialetto?
    -che tatuaggio?

  Lontano da firenze...torna a ragionare!

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina