1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4454326
    Spalletti: «La società si era mossa, ma ora sto bene con Doni e Curci».

    Era un sogno di una notte di mezza estate. Era realtà. Gigi Buffon, il portiere più forte del mondo, voleva venire alla Roma. Anzi, di più. Poteva. L'ha confermato lui stesso, ospite della trasmissione di La7 "Le partite non finiscono mai" di lunedì scorso. «C'è stato un momento in cui potevo trasferirmi in giallorosso» ha detto il portiere campione del mondo. E Luciano Spalletti, anche lui ospite della trasmissione, non ha potuto far altro che confermare: «La società aveva avviato delle trattative, anche se preferisco non parlarne, perché sarebbe poco rispettoso nei confronti di Curci e Doni». E' stato l'ingaggio del portiere juventino a impedire la concretizzazione dell'affare, dopo che la società bianconera si era opposta all'ipotesi di uno scambio di prestiti che avrebbe coinvolto tre giocatori giallorossi, tra cui proprio Curci.

    E così, per la seconda volta, il trasferimento di Buffon alla Roma, cui era stato vicinissimo nel 2001, è sfumato. Pochi giorni dopo la festa mondiale del Circo Massimo, l'11 luglio, c'è stato il primo contatto. Il tramite era stato Totti, che poco dopo si sarebbe ritrovato a dover svolgere lo stesso ruolo con Pizarro. Non solo Totti. Appena saputa la volontà del giocatore, si era subito mossa Rosella Sensi e, con lei, Daniele Pradè, prima di verificare, dopo frequenti contatti con il procuratore del giocatore Silvano Martina (che già all'epoca confermò il reciproco interesse tra Buffon e la società giallorossa) e con il ds della Juventus Alessio Secco, l'impossibilità dell'affare.

  Buffon: «Sì, volevo venire»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina