1.     Mi trovi su: Homepage #4464875
    Quattro club sperano in sconti di pena

    Questa settimana sarà decisiva per le squadre coinvolte in Calciopoli: l'Arbitrato del Coni dovrà decidere tra mercoledì e giovedì gli eventuali e più che probabili sconti di pena per Juventus, Milan, Lazio e Fiorentina che potrebbero vedere dimezzate le proprie penalizzazione nelle classifiche di Serie A e B. Il rischio è quello di avere tempi lunghi sulla decisione finale che potrebbe slittare di parecchi giorni.

    Mercoledì 11 e giovedì 12 ottobre. Due date fondamentali per il calcio italiano, in particolare per i quattro club coinvolti nel maxiprocesso di Calciopoli iniziato lo scorso giugno. L'Arbitrato del Coni interverrà nel caso perchè si sono esaurite le istanze della giustizia sportiva e non è stato possibile procedere nella conciliazione. La sentenza extragiudiziale non è appellabile perchè accettata come tale al momento della richiesta dello stesso arbitrato. In ballo ci sono 55 punti di penalizzazione, e le società interessate sognano di recuperarne tanti. Difficilmente ci sarà uniformità negli sconti sempre più probabili, qualcuno dovrebbe avere la pena dimezzata, altri ridotta di qualche punto. Nella sala conferenze dello stadio Olimpico di Roma ci saranno da un lato la Federcalcio, dall'altra le società, in mezzo i membri della Camera Coni: presidente, Pierluigi Ronzani; collegio composto da Guido Cecinelli, Marcello Foschini, Luigi Fumagalli e Giulio Napolitano (figlio di Giorgio, presidente della Repubblica).

    Si fanno già delle ipotesi sia sugli sconti che sui tempi della sentenza: la Juventus (-17) vedrebbe il suo gap ridotto di 5-8 punti, la Fiorentina (-19) tra i 6 e i 9, la Lazio (-11) tra i 4 e i 6, il Milan (-8) tra i 2 e i 4. La decisione si saprà soltanto tra una quindicina di giorni, anche se gli arbitri potrebbero avvalersi di più tempo per decidere. Se l'iter fosse rispettato i club dovrebbero conoscere la loro nuova situazione entro fine mese, tra il 25 e il 29 ottobre, quando la Serie A scenderà in campo per due turni ravvicinati. Così il Milan scenderebbe in campo contro l'Inter nel derby con una classifica diversa. E magari con gli stessi punti dei cugini.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4464876
    Napoli, Genoa e Brescia: "No sconti"

    In attesa dell'arbitrato che potrebbe ridurre i punti di penalizzazione alla Juventus, è rivolta tra i presidenti di Napoli, Genoa e Brescia. "Assurdo cambiare un giudizio dopo un po' di partite", ha tuonato Aurelio De Laurentis. Sulla stessa falsa riga anche Enrico Preziosi: "Per non delegittimare la giustizia sportiva tutto dovrebbe rimanere così com'è". Infine, Gino Corioni: "Ingiusto concedere ulteriori sconti".

    Non vogliono proprio parlare di sconti, non quelli canonici di fine stagione, ma quelli d'inizio anno, perché li ritengono un'ingiustizia che falserebbe un campionato già di per sè anomalo. Napoli, Genoa e Brescia sono decisamente schierate contro la Juventus e non solo per quello che riguarda il campo, ma soprattutto per le questioni legate all'arbitrato che potrebbe ridurre la pesante penalizzazione inflitta ai bianconeri dalle sentenze su Calciopoli. Un coro unanime quello di Aurelio De Laurentis, Enrico Preziosi e Gino Corioni: "Nessuno sconto". E la voce arriva proprio a due giorni dall'incontro che potrebbe cambiare il corso della stagione in cadetteria. "Sarebbe scandaloso che qualche giudice subisse pressioni psicologiche disattendendo i giudizi precedenti - ha ammonito il presidente del Napoli - Se la cosa fosse stata fatta a mercato ancora aperto, le squadre avrebbero potuto prendere provvedimenti e decidere di rinforzarsi ancora, ma farlo ora sarebbe contro ogni tipo di coerenza ed equilibrio".

    Sulla stessa falsariga Preziosi che ha richiesto maggiore tutela per quanto già deciso dalla giustizia sportiva: "Mi sembra che sia stato già ribaltato il giudizio di primo grado - ha detto - Intanto il campionato è partito, questo non è corretto, inoltre la Juve, tenendo questa media, riuscirà comunque ad arrivare per prima". Gino Corioni ripete quanto già espresso da De Laurentis: "Concedere uno sconto sarebbe un'ingiustizia". Più pacato, infine, il parere di Alfredo Cazzola, presidente del Bologna: "La società e la città hanno detto tutto nelle sedi opportune, non abbiamo nulla da aggiungere, guardiamo avanti".
  3.     Mi trovi su: Homepage #4464877
    Sull'arbitrato: "Non diamo spettacolo"

    Il presidente della Lega Calcio Antonio Matarrese è convinto che le decisioni dell'arbitrato su Calciopoli provocheranno nuove polemiche: "Prevedo delle turbolenze - ammette - comunque vada evitiamo di dare spettacolo, accettiamo quello che decideranno". Non manca una frecciata all'ex commissario Figc Rossi: "Non avevamo rapporti, non ha cominciato le riforme". Sulle dimissioni di Garrone: "E' l'unico scontento".

    Antonio Matarrese sembra non avere dubbi circa le reazioni a quelle che saranno le decisioni della Camera di Conciliazione e Arbitrato del Coni a proposito dello scandalo di calciopoli: “Chi pensa che le polemiche e le turbolenze verbali siano finite, sbaglia di grosso – ha detto intervenendo a ‘Radio anch’io’ – Se le sentenze di primo e secondo grado dovessero essere confermate, ci sarà certo turbolenza da un lato. Se invece questi verdetti dovessero essere modificati, ce ne sarebbe da un’altra parte…”. In buona sostanza, Matarrese dice che, comunque vada, si riaprirà il fronte delle polemiche. Per il presidente della Lega, sarebbe stato meglio “fare iniziare i campionati una volta concluso l’iter processuale. Adesso è inevitabile che, a seconda delle decisioni del Coni, sarà colpa mia, o magari del commissario Pancalli o del presidente Petrucci. La colpa non è di nessuno".


    A questo proposito Matarrese chiama in causa l'ex Commissario di Lega, Guido Rossi: "E' stato occupatissimo a dirigere il traffico sui processi - ha risposto - poi è stato presente ai Mondiali ed alla vittoria che è stasta importantissima e fortunata. Quando doveva mettere mano alle regole gli ho detto che doveva confrontarsi con la Lega. Su questo abbiamo perso tempo". E sulle parole pronunciate nei giorni scorsi dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che ha parlato di ingiustizia, Matarrese ribatte: "Lo invito a trovare equilibrio. Evitiamo di dare spettacolo, che non ci migliora. Ognuno pagherà un prezzo - ha concluso il presidente di Lega - basta non stare pronti con il fucile a sparare. Un attimo di umiltà nella vità ci vuole". Capitolo Lega: "Quello che è avvenuto l`altro giorno in Lega è frutto di un clima di diffidenza dopo un periodo in cui c'era una specie di duopolio che governava - ha detto - adesso i presidenti vogliono un chiaro cambiamento di gestione della Lega, e per questo ci vuole tempo. Il presidente Garrone è quello più preoccupato perchè come altri puntava a un nuovo regolamento, ed è quello che stiamo facendo. Mi dispiace perchè non ha avuto pazienza. Garrone e forse qualcun altro teme che mi faccia catturare dai poteri forti. Già qualche anno fa suggerii a Garrone di occuparsi di più della Lega perchè poteva diventarne presidente. Spero che torni sui suoi passi. Garrone si è dimesso e di questo mi dispiace ma sono convinto che con il tempo lo recupereremo. Io lo accoglierò a braccia aperte. L'unico presidente che ha avuto motivo di lamentarsi è stato lui, che ha attaccato tutti, anche la gestione del Coni, la Federazione".
  4.     Mi trovi su: Homepage #4464881
    Legale bianconeri, aspettiamo che ci diano ragione

    La Juventus ha fiducia nell'esito dell'Arbitrato di mercoledi' davanti al Coni. 'Aspettiamo ci diano ragione', dice l'avvocato Montanaro.'Abbiamo impugnato le sentenze della giustizia sportiva - afferma-. Ci aspettiamo un giudice che le rivaluti e che esamini se sono state corrette ed eque'. Montanaro non entra nel gioco del totopunti e giudica "valutazioni personali" le accuse dei presidenti di Napoli e Genoa secondo i quali una riduzione della penalizzazione sarebbe scorretta e scandalosa.
  5.     Mi trovi su: Homepage #4464882
    Pancalli: "Chiederemo la conferma delle sentenze"

    Il nuovo commissario straordinario Luca Pancalli, ha confermato che la Figc manterrà la sua posizione in vista dell'arbitrato del Coni che tra mercoledì e giovedì prenderà in esame i ricorsi di Juventus, Milan, Lazio e Fiorentina: " Chiederemo la conferma delle sentenze ma siamo pronti ad accettere serenamente le decisioni dell'arbitrato del Coni. Sono totalmento sereno, la Federcalcio manterrà la propria posizione e non potrebbe essere diversamente".
  6.     Mi trovi su: Homepage #4464883
    Lazio: avv. Gentile `Via la penalita``

    Il legale della Lazio Gianmichele Gentile spiega la linea per l`Arbitrato: `Noi, vittime dell`ingiustizia`. Gentile vorrebbe che, davanti all`Arbitrato, fosse ristabilita` l`equita`. `Iniziamo dal fatto: noi siamo innocenti - spiega Gentile - La Lazio ha sempre detto di essersi rivolta ai destinatari di una protesta legittima nell`ambito dei canali istituzionali`. Quindi, niente combine o violazioni di articoli di giustizia sportiva. `C`e` poi una disparita` evidente tra le condanne delle altre che sono rimaste in A e noi - dice l`avvocato - Pensiamoci: mediamente per ogni illecito contro l`articolo 1 sono stati comminati 2 punti di penalizzazione. Noi, invece di averne 8, come sarebbe dovuto essere, ne abbiamo ricevuti ben 41, sommando quelli della scorsa stagione, 30, e quelli di questa, 11`.

    `L`anno scorso, la Lazio ha perso la Coppa Uefa e la Champions. Inoltre, ha avuto penali, ha perso i soldi di premi che dovevano essere distribuiti in base alla classifica. Insomma, mi sembra che sommando le sanzioni dell`anno scorso con quelle di quest`anno, pur tagliate del 40 per cento, la pena sia eccessiva`. E se l`Arbitrato dovesse fallire? `Mi auguro che tutto si possa chiudere con il Collegio del Coni. Se dovesse confermare le pene attuali, e ci fossero altre strade aperte, la Lazio le percorrerebbe`. In pratica, il Tar del Lazio e` una via ancora tutt`altro che sbarrata.

  Arbitrato: al via settimana decisiva

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina