1.     Mi trovi su: Homepage #4465469
    Decisivo il match con lo Spartak Mosca

    L'ombra di Eriksson aleggia su Mancini. Il tecnico interista è atteso da due settimane fondamentali: si parte il 18 ottobre con il decisivo match di Champions contro lo Spartak Mosca, in cui i nerazzurri possono solo vincere. In caso contrario sarebbe già pronto Eriksson. "Sven ha ricevuto offerte importanti", spiega il manager dello svedese. Anche la cabala è contro Mancini: Cuper è stato esonerato proprio il 19 ottobre.

    Roberto Mancini non può certo stare tranquillo in questo periodo: oltre a sedersi su una panchina traballante, arrivano anche candidature illustri dall'estero per il suo posto. L'ex ct della nazionale inglese Sven Goran Eriksson è considerato da molti il possibile sostituto di Mancini sulla panchina dell'Inter, ed a confermarlo, anche se velatamente, è il manager del tecnico svedese, Athole Still, ad una trasmissione radiofonica della Bbc. "Sì abbiamo ricevuto delle offerte importanti - ha spiegato Still - e Sven è molto vicino a tornare nel grande calcio. La situazione di disoccupato non lo diverte per nulla, è uno abituato a lavorare e stare sul campo. Posso assicurare che è pronto per una grande sfida". E il pensiero vola proprio all'Inter, allenato in questo momento da quel Roberto Mancini che ha avuto come giocatore prima alla Sampdoria e poi alla Lazio (quella dello scudetto), fino ad essere uno a fianco dell'altro, anche se per pochi mesi, sulla panchina dei biancocelesti nella stagione 2000/2001.

    Mancini è chiamato alla prova del nove nelle prossime due settimane e non può fallire, né in campionato né in Champions League. In Europa, dopo le sconfitte con lo Sporting Lisbona e il Bayern Monaco, l'Inter deve assolutamente vincere la doppia sfida con lo Spartak Mosca, anche se potrebbe non bastare, per puntare a superare il primo turno della più prestigiosa competizione europea. Inoltre in campionato i nerazzurri devono rimanere ancorati alla vetta, dovendo affrontare Catania, Udinese, Livorno, prima del derby con il Milan del 28 ottobre. Un tour de force da non sottovalutare per gli uomini di Mancini.

    Per scacciare i fantasmi dell'esonero, Mancini deve iniziare a vincere il 18 ottobre a San Siro contro lo Spartak Mosca, nella terza giornata della prima fase di Champions League, ma non sarà facile. La cabala, infatti, è avversa al tecnico jesino. Il 18 ottobre del 2003 Hector Cuper, allora allenatore dei nerazzurri, si giocò la panchina con un pareggio esterno, per 2-2, cul campo del Brescia. Ed il 19 dovette lasciare la Pinetina...Mancini è avvisato.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4465477
    Erikson ha fatto bene solo con la Lazio difatti lo chiamavano eterno secondo poi passato a Cuper , ma perchè la Lazio era zeppa di campioni , credo così come l'Inter di adesso , è stato bravo a gestirli , ma ha avuto anche un po di fortuna. Secondo me ora come ora sarebbe l'unico che potrebbe sostituire Mancini , ma non in corsa bensì a fine stagione quando e se Mancini non avrà vinto niente.
    DALL'ULTIMA VOLTA IL CALCIO E' CAMBIATO , MA ESSER ULTRAS E' ANCORA REATO.

    Memento Audere Semper
  3.     Mi trovi su: Homepage #4465478
    Originally posted by Bardok
    Erikson ha fatto bene solo con la Lazio difatti lo chiamavano eterno secondo poi passato a Cuper , ma perchè la Lazio era zeppa di campioni , credo così come l'Inter di adesso , è stato bravo a gestirli , ma ha avuto anche un po di fortuna. Secondo me ora come ora sarebbe l'unico che potrebbe sostituire Mancini , ma non in corsa bensì a fine stagione quando e se Mancini non avrà vinto niente.



    Con la Roma aveva vinto uno scudetto, poi però glielo hanno venduto... :rolleyes:

  L'ombra di Eriksson su Mancini

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina