1.     Mi trovi su: Homepage #4471270
    Lunedì 10 Ottobre 2005
    Verrà un momento in cui ne parleranno tutti, ma chi siamo noi per aspettare che i settimanali e i quotidiani "trendy" se ne accorgano? E siccome abbiamo un po' tutti la digestione facile, sappiamo già che affermeranno di trovarsi al cospetto del "nuovo Desperate Housewives", perché ci sono le casalinghe, c'è la periferia, ci sono i segreti e i pettegolezzi tra vicini di casa.
    Chiariamo subito: capolavoro. Standing ovation.

    Se vi è piaciuto "Desperate Housewives", beh, questo è DH³, "Desperate Housewives" al cubo. Anzi, a volerla proprio dire tutta, la serie ideata da Marc Cherry, paragonata a "Weeds", è come un Bitter Sanpellegrino rispetto a un Pampero Reserva especial.
    Però "Desperate Housewives" va in onda sulla ABC negli States, e sulla Rai e Fox in Italia; "Weeds" su Showtime, canale via cavo all'inseguimento di HBO (il quale, essendo allo stesso modo a pagamento e via cavo, si è potuto permettere di produrre, negli scorsi anni, perle per palati abituati all'acqua frizzante come "Sex & the City" e "I Soprano").
    E insomma, tutto fantastico: peccato che - malgrado sia già stato opzionato - in Italia non lo vedremo mai. Forse sul satellite. Forse in seconda serata. Forse su un canale tipo Jimmy, tra i pochi che ha il coraggio di non mandartele a dire (per quanto dal momento in cui hanno fatto la loro apparizione Fox, Fox Life e Fox Crime è un po' come se la Mecca delle serie televisive abbia traslocato e a Jimmy siano rimaste quel po' di serie con le palle che nessuno ha il coraggio di trasmettere).
    Beh, se nessuno si azzarderà a mandare in onda "Weeds" di motivi ce ne saranno più d'uno: ad Agrestic, una Milano 2 in cui le case sono tutte uguali come solo Tim Burton potrebbe immaginarle, Nancy (Mary Louise Parker), casalinga rimasta vedova, per continuare a campare diventa imprenditrice di se stessa e inizia a spacciare Marijuana sotto gli occhi inconsapevoli delle mamme dei compagni di classe dei due figli e dell'amica Celia (Elizabeth Perkins), ossessionata dall'obesità della figlia noveenne.
    Vi raccontiamo tre scene e poi vedete un po' voi se riuscite ad immaginarvele con il logo di una qualsiasi emittente nostrana sovrapposto in basso a destra.
    Nella prima, Celia è preoccupata che la figlia quindicenne abbia deciso di fare il grande passo e concedersi al figlio di Nancy, suo coetaneo. Per spiarla nella propria cameretta decide di regalarle un orsacchiotto rosa che nasconde una telecamera. Recuperato l'orsacchiotto, Celia lo collega alla televisione e scopre che la figlia aveva nasato l'inghippo: prima che la pargola le mostri il ditone accompagnato da un sentito "Fuck you", è costretta a prendere atto della propria cornificazione visionando l'amplesso del marito in compagnia dell'amante. Celia non si scompone più di tanto e commenta tra se e se: "Avrei dovuto abortirti".
    Scena seconda: due personaggi maschili (il fratello e un cliente di Nancy) sono seduti ai due estremi di un tavolo da caffé e stanno commentando "Incredaholes", un reality sexy particolarmente trash. Discutono un particolare importante: "Tu come la chiami la zona che va dallo scroto al buco del culo?" - "Autostrada". - "Ma no, si chiama ‘la macchia’" - "Ti dico ‘Autostrada’" - "No: ‘la macchia’". In quel momento entra la donna di servizio, e decidono di coinvolgerla nella discussione: "Ehi, Lupita, tu come chiami la zona che va dal pisello al buco del culo?". E lei: "Tavolino da caffè".
    Ciak tre: il figlio quindicenne di Nancy crede ad un amico ubriaco che gli racconta le prodezze orali di Megan, una ragazza sorda. La incontra ad una festa mentre, appartata, è impegnata nella realizzazione di un murales. Si accerta che sia veramente sorda poi, a gesti, le fa capire che vorrebbe provare la specialità di casa. La ragazza sorride, si mette in ginocchio, tira giù la zip dei jeans di lui, osserva con curiosità per qualche secondo poi, prima di scappare via, va di bomboletta spray blu sulle parti basse. I boxer finiscono nella cesta della biancheria sporca di casa e la governante Lupita cerca in tutti i modi, ma senza successo, di eliminare la macchia. Alla festa successiva il figlio di Nancy si presenta armato di una bomboletta spray e conquista Megan scrivendo su un muro: "Mi dispiace... La mia domestica crede che mi sia inchiappettato un Puffo".

    Dieci puntate in tutto (per la prima serie), e la "season finale" questa settimana negli USA, il che significa che i sostenitori dell'adagio secondo cui le strade di internet sono infinite (e infiniti i luoghi presso cui trovare i sottotitoli in inglese) possono papparsi tutta la prima stagione in un solo boccone.
    Straordinaria, bellissima e di una bravura indicibile Mary Louise Parker (la quale - dice la Critica Televisiva Di Riferimento - mica per niente era la prima scelta di Marc Cherry per il ruolo di Susan in "Desperate Housewives").
    Sito ufficiale assurdamente invisibile dall'Italia.
    Colonna sonora di alta qualità e la migliore sigla iniziale che sia mai stata realizzata per una serie televisiva.

    LITTLE BOXES
    (Malvina Reynolds)
    Little boxes on the hillside,
    Little boxes made of ticky tacky
    Little boxes on the hillside,
    Little boxes all the same,
    There's a green one and a pink one
    And a blue one and a yellow one
    And they're all made out of ticky tacky
    And they all look just the same.

    And the people in the houses
    All went to the university
    Where they were put in boxes
    And they came out all the same
    And there's doctors and lawyers
    And business executives
    And they're all made out of ticky tacky
    And they all look just the same.

    And they all play on the golf course
    And drink their martinis dry
    And they all have pretty children
    And the children go to school,
    And the children go to summer camp
    And then to the university
    Where they are put in boxes
    And they come out all the same.

    And the boys go into business
    And marry and raise a family
    In boxes made of ticky tacky
    And they all look just the same,
    There's a green one and a pink one
    And a blue one and a yellow one
    And they're all made out of ticky tacky
    And they all look just the same. Scatolette sulla collina,
    Scatolette sincronizzate
    Scatolette sulla collina,
    Scatolette tutte uguali,
    Ce n'è una verde e una rosa
    Una blu e una gialla
    Sono tutte sincronizzate
    E sembrano tutte uguali.

    E le persone nelle case
    Sono tutte andate all'università
    Dove sono state messe dentro scatole
    E ne sono uscite tutte uguali
    Ci sono dottori e avvocati
    E dirigenti d'azienda
    Sono tutti sincronizzati
    E sembrano tutti uguali

    E giocano tutti sul campo da golf
    E bevono i loro Martini
    Tutti hanno bei bambini
    E i bambini vanno a scuola
    E i bambini vanno al campo estivo
    E poi all'università
    Dove sono messi dentro scatole
    E ne escono tutti uguali

    E i ragazzi si mettono in affari
    Si sposano e mettono su famiglia
    In scatole sincronizzate
    E sembrano tutti uguali,
    Ce n'è una verde e una rosa
    una blu e una gialla
    Sono tutte sincronizzate
    E sembrano tutte uguali.


    (Words and music by Malvina Reynolds.
    © 1962, Schroder Music Company)

    Venerdi` 20 Ottobre 2006, h.00:40.
    A sorpresa, STANOTTE alle 00:40, mas o meno, nientepopodimenoche...su RAI2.:approved:
    Qui a Kathmandu non c'e`:cry: :cry: :cry:

    http://www.imdb.com/title/tt0439100/
  2.     Mi trovi su: Homepage #4471272
    Originally posted by SUPERPADREPIO
    Lunedì 10 Ottobre 2005
    Verrà un momento in cui ne parleranno tutti, ma chi siamo noi per aspettare che i settimanali e i quotidiani "trendy" se ne accorgano? E siccome abbiamo un po' tutti la digestione facile, sappiamo già che affermeranno di trovarsi al cospetto del "nuovo Desperate Housewives", perché ci sono le casalinghe, c'è la periferia, ci sono i segreti e i pettegolezzi tra vicini di casa.
    Chiariamo subito: capolavoro. Standing ovation.

    Se vi è piaciuto "Desperate Housewives", beh, questo è DH³, "Desperate Housewives" al cubo. Anzi, a volerla proprio dire tutta, la serie ideata da Marc Cherry, paragonata a "Weeds", è come un Bitter Sanpellegrino rispetto a un Pampero Reserva especial.
    Però "Desperate Housewives" va in onda sulla ABC negli States, e sulla Rai e Fox in Italia; "Weeds" su Showtime, canale via cavo all'inseguimento di HBO (il quale, essendo allo stesso modo a pagamento e via cavo, si è potuto permettere di produrre, negli scorsi anni, perle per palati abituati all'acqua frizzante come "Sex & the City" e "I Soprano").
    E insomma, tutto fantastico: peccato che - malgrado sia già stato opzionato - in Italia non lo vedremo mai. Forse sul satellite. Forse in seconda serata. Forse su un canale tipo Jimmy, tra i pochi che ha il coraggio di non mandartele a dire (per quanto dal momento in cui hanno fatto la loro apparizione Fox, Fox Life e Fox Crime è un po' come se la Mecca delle serie televisive abbia traslocato e a Jimmy siano rimaste quel po' di serie con le palle che nessuno ha il coraggio di trasmettere).
    Beh, se nessuno si azzarderà a mandare in onda "Weeds" di motivi ce ne saranno più d'uno: ad Agrestic, una Milano 2 in cui le case sono tutte uguali come solo Tim Burton potrebbe immaginarle, Nancy (Mary Louise Parker), casalinga rimasta vedova, per continuare a campare diventa imprenditrice di se stessa e inizia a spacciare Marijuana sotto gli occhi inconsapevoli delle mamme dei compagni di classe dei due figli e dell'amica Celia (Elizabeth Perkins), ossessionata dall'obesità della figlia noveenne.
    Vi raccontiamo tre scene e poi vedete un po' voi se riuscite ad immaginarvele con il logo di una qualsiasi emittente nostrana sovrapposto in basso a destra.
    Nella prima, Celia è preoccupata che la figlia quindicenne abbia deciso di fare il grande passo e concedersi al figlio di Nancy, suo coetaneo. Per spiarla nella propria cameretta decide di regalarle un orsacchiotto rosa che nasconde una telecamera. Recuperato l'orsacchiotto, Celia lo collega alla televisione e scopre che la figlia aveva nasato l'inghippo: prima che la pargola le mostri il ditone accompagnato da un sentito "Fuck you", è costretta a prendere atto della propria cornificazione visionando l'amplesso del marito in compagnia dell'amante. Celia non si scompone più di tanto e commenta tra se e se: "Avrei dovuto abortirti".
    Scena seconda: due personaggi maschili (il fratello e un cliente di Nancy) sono seduti ai due estremi di un tavolo da caffé e stanno commentando "Incredaholes", un reality sexy particolarmente trash. Discutono un particolare importante: "Tu come la chiami la zona che va dallo scroto al buco del culo?" - "Autostrada". - "Ma no, si chiama ‘la macchia’" - "Ti dico ‘Autostrada’" - "No: ‘la macchia’". In quel momento entra la donna di servizio, e decidono di coinvolgerla nella discussione: "Ehi, Lupita, tu come chiami la zona che va dal pisello al buco del culo?". E lei: "Tavolino da caffè".
    Ciak tre: il figlio quindicenne di Nancy crede ad un amico ubriaco che gli racconta le prodezze orali di Megan, una ragazza sorda. La incontra ad una festa mentre, appartata, è impegnata nella realizzazione di un murales. Si accerta che sia veramente sorda poi, a gesti, le fa capire che vorrebbe provare la specialità di casa. La ragazza sorride, si mette in ginocchio, tira giù la zip dei jeans di lui, osserva con curiosità per qualche secondo poi, prima di scappare via, va di bomboletta spray blu sulle parti basse. I boxer finiscono nella cesta della biancheria sporca di casa e la governante Lupita cerca in tutti i modi, ma senza successo, di eliminare la macchia. Alla festa successiva il figlio di Nancy si presenta armato di una bomboletta spray e conquista Megan scrivendo su un muro: "Mi dispiace... La mia domestica crede che mi sia inchiappettato un Puffo".

    Dieci puntate in tutto (per la prima serie), e la "season finale" questa settimana negli USA, il che significa che i sostenitori dell'adagio secondo cui le strade di internet sono infinite (e infiniti i luoghi presso cui trovare i sottotitoli in inglese) possono papparsi tutta la prima stagione in un solo boccone.
    Straordinaria, bellissima e di una bravura indicibile Mary Louise Parker (la quale - dice la Critica Televisiva Di Riferimento - mica per niente era la prima scelta di Marc Cherry per il ruolo di Susan in "Desperate Housewives").
    Sito ufficiale assurdamente invisibile dall'Italia.
    Colonna sonora di alta qualità e la migliore sigla iniziale che sia mai stata realizzata per una serie televisiva.

    LITTLE BOXES
    (Malvina Reynolds)
    Little boxes on the hillside,
    Little boxes made of ticky tacky
    Little boxes on the hillside,
    Little boxes all the same,
    There's a green one and a pink one
    And a blue one and a yellow one
    And they're all made out of ticky tacky
    And they all look just the same.

    And the people in the houses
    All went to the university
    Where they were put in boxes
    And they came out all the same
    And there's doctors and lawyers
    And business executives
    And they're all made out of ticky tacky
    And they all look just the same.

    And they all play on the golf course
    And drink their martinis dry
    And they all have pretty children
    And the children go to school,
    And the children go to summer camp
    And then to the university
    Where they are put in boxes
    And they come out all the same.

    And the boys go into business
    And marry and raise a family
    In boxes made of ticky tacky
    And they all look just the same,
    There's a green one and a pink one
    And a blue one and a yellow one
    And they're all made out of ticky tacky
    And they all look just the same. Scatolette sulla collina,
    Scatolette sincronizzate
    Scatolette sulla collina,
    Scatolette tutte uguali,
    Ce n'è una verde e una rosa
    Una blu e una gialla
    Sono tutte sincronizzate
    E sembrano tutte uguali.

    E le persone nelle case
    Sono tutte andate all'università
    Dove sono state messe dentro scatole
    E ne sono uscite tutte uguali
    Ci sono dottori e avvocati
    E dirigenti d'azienda
    Sono tutti sincronizzati
    E sembrano tutti uguali

    E giocano tutti sul campo da golf
    E bevono i loro Martini
    Tutti hanno bei bambini
    E i bambini vanno a scuola
    E i bambini vanno al campo estivo
    E poi all'università
    Dove sono messi dentro scatole
    E ne escono tutti uguali

    E i ragazzi si mettono in affari
    Si sposano e mettono su famiglia
    In scatole sincronizzate
    E sembrano tutti uguali,
    Ce n'è una verde e una rosa
    una blu e una gialla
    Sono tutte sincronizzate
    E sembrano tutte uguali.


    (Words and music by Malvina Reynolds.
    © 1962, Schroder Music Company)

    Venerdi` 20 Ottobre 2006, h.00:40.
    A sorpresa, STANOTTE alle 00:40, mas o meno, nientepopodimenoche...su RAI2.:approved:
    Qui a Kathmandu non c'e`:cry: :cry: :cry:

    http://www.imdb.com/title/tt0439100/

    mo' lo guardo ;)

  SuperTV stanotte su RAI2 in Italia: Ve la Recomando e Vi invidio !

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina