1. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #4471945
    Falunismo
    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    Il Falunismo, o Falun Gong o Falun Dafa, è una religione sincretica nata nel maggio del 1992 in Cina. Combina elementi del Buddhismo e del Taoismo alla dottrina introdotta dal fondatore stesso, Li Hongzhi. Si presentò inizialmente come una versione innovativa del qigong, con semplici valori che non la facevano apparire come un vero e proprio culto. La pratica assunse tuttavia nei pochi anni dopo la sua nascita, caratteri nettamente di tipo religioso, definendosi come una delle ottantaquattromila scuole del Buddha. Si tratta ad ogni modo di una tradizione che si separa ampiamente sia dal Buddhismo sia da tutte le altre forme di religione tipiche della Cina.

    Attenzione: per chi non lo sapesse, la svastica NON E' un simbolo esclusivamente nazista. E' un simbolo antichissimo rintracciabile in tutte le culture del mondo. Simboleggia essenzialmente la manifestazione dell'essere.


    Indice
    1 Dottrina
    1.1 Testi sacri
    1.2 Il Qi
    1.3 Il Falun interiore
    1.4 Il karma
    1.5 La rettificazione del Fa
    2 Etica
    2.1 I tre principi
    3 Concezione di divinità
    3.1 La questione di Li
    3.2 Gli dèi
    3.3 La santificazione personale
    4 Storia
    4.1 Rapporti con le altre religioni
    4.2 Diffusione

    Dottrina
    Testi sacri
    Gli insegnamenti principali di Li Hongzhi sono riportati nei due libri da lui stesso pubblicati, il Falun Gong e lo Zhuan Falun. Il Falun Gong è un libro introduttivo, che dà maggiore enfasi all'insegnamento delle pratiche mistiche faluniste, con illustrazioni e spiegazioni esaustive. Nel secondo libro, lo Zhuan Falun, Li invece spiega i principi del Falunismo: le origini del qigong; le radici da cui scaturiscono i mali del corpo; la legge del karma, i suoi effetti e la trasformazione delle energie karmiche in virtù; le relazioni del Falunismo con il Buddhismo, il Taoismo e altre religioni; il significato e la funzione delle abilità spirituali; le regole alimentari e la natura dell'Illuminazione.

    Il Qi
    Nel Falunismo Qi è essenzialmente la componente spirituale di tutto ciò che esiste, l'energia cosmica che compone tutte le cose, paragonabile al Tao del Taoismo. Attraverso la coltivazione personale è possibile potenziare questa energia, armonizzandola con il Qi dell'universo, in modo da farla fluire attraverso il corpo fisico sanando e rafforzando quest'ultimo. Quando una persona giunge ad un alto livello di coltivazione e di consapevolezza anche l'emissione di Qi diviene più intensa, manifestandosi sotto forma di luce. Questo è il Gong, in grado di conferire alla persona capacità soprannaturali.



    Il Falun interiore
    Il Falun, ovvero la ruota della legge, non è altro che una riproduzione simbolica dell'universo, nonché un'entità eterna, senziente ed in movimenti perpetuo, una sorta di spirito. Il Falunismo con le sue pratiche promette la riattivazione del Falun all'interno del corpo del fedele (sarebbe infatti già presente ma in forma passiva), la cui energia si manifesterebbe soprattutto nell'area del basso addome. La presenza di questa entità divina cosmica all'interno del corpo porta salute e benessere. Questo spirito interiore immagazzina il Qi dell'universo e lo trasforma in energia Gong, la quale mantiene il corpo (benti, "corpo vero") in salute. Il Falun ruota nove volte in senso orario e nove in senso antiorario, muovendosi in corrispondenza al movimento dei corpi celesti dell'universo, concepito come un'unica infinita entità energetica. Girando in senso orario assorbe l'infinita energia dell'universo, quando gira in senso antiorario rilascia energia Gong.

    Il simbolo del Falunismo è proprio la rappresentazione del Falun, nella quale al centro figura una Svastica, simbolo prettamente buddhista. Essa è la rappresentazione dell'energia universale del Qi, presente al centro, e di tutte le sue manifestazioni, simboleggiate dai quattro bracci. L'impostazione della svastica, e la sua stessa composizione, la fanno sembrare un simbolo in movimento: questa caratteristica simboleggia l'eterna attività del Qi. Ad ognuno dei quattro bracci della svastica corrisponde un Taijitu, il simbolo del Taoismo. Nel Falunismo i Taijitu hanno il medesimo significato rintracciabile nella tradizione cinese: essi simboleggiano i due principi cosmici primordiali, Yin e Yang, l'opposizione eterna dei contrari. Come nel Taoismo tutto ciò che esiste non è altro che frutto della manifestazione che scaturisce dall'eterna interazione dei principi opposti, ogni cosa è necessaria al suo principio opposto, proprio perché ogni cosa non potrebbe esistere senza il suo opposto. Le due forze primordiali sono i due assi su cui ruota la vita, e su cui si basa l'esistenza stessa del cosmo.

    Il karma
    Nel Falunismo il karma si va a formare attraverso le cattive azioni compiute nella vita attuale o nelle vite precedenti. Come nel Buddhismo la legge del karma sta ad indicare il processo di azione e reazione, il fatto che per ogni azione compiuta ne ritorni sempre indietro una equivalente. La differenza fondamentale tra la concezione buddhista e quella falunista sta invece nel fatto che nel Falunismo il karma sia solo negativo. Il karma positivo corrisponde infatti al de, la virtù. Il karma per essere eliminato attraverso le pratiche mistiche faluniste, oltre che attraverso le continue prove che la vita propone: i vari ostacoli dell'esistenza non sarebbero altro, infatti, che possibilità conferite agli uomini per eliminare i propri debiti karmici.

    La rettificazione del Fa
    Frutto di molti dibattiti è la dottrina della rettificazione del Fa, una sorta di Apocalisse, a cui il mondo sta lentamente e gradualmente andando incontro a causa della sua degenerazione morale. La rettificazione del fa si verifica ciclicamente e porta alla distruzione delle civiltà se queste hanno perso i loro valori. Li afferma di diffondere il Falunismo con l'obiettivo primario di salvare l'umanità, offrendogli la possibilità di seguire una strada caratterizzata da valori veri e retti, prima che si compia il cosiddetto periodo della fine del Dharma, ovvero la completa degenerazione morale e conseguente collasso del mondo.

    Nei primi insegnamenti di Li Hingzhi, il fulcro della dottrina era la maturazione personale per il raggiungimento dell'Estinzione (l'Illuminazione). Si può notare tutta via come le enfasi, nel Falunismo sempre più formato, stiano andando a focalizzarsi su altri obiettivi: non più la salvezza personale, ma la salvezza di tutto il genere umano, e di tutti gli esseri viventi. Questo dimostra come il Dafa si stia sempre più trasformando in una religione di tipo universale, in primis proprio per la presenza di una ben definita escatologia.

    «Il volere degli dèi si sta compiendo; il Dafa sta portando l'uomo alla rettificazione.»
    (Li Hongzhi)

    Da questa frase si può capire come in questo tipo di escatologia non siano tuttavia enfatizzati i caratteri apocalittici e catastrofici. La rettificazione è presentata piuttosto come un rinnovamento della consapevolezza umana, che avviene attraverso un profondo rinnovamento spirituale. L'insegnamento di Li è dunque volto a far comprendere all'uomo quanto sia importante seguire i giusti valori della vita: l'assenza di questi valori portò alla distruzione delle grandi civiltà del passato, non tanto per eventi cataclismatici, piuttosto a causa del loro impoverimento spirituale e morale, che ne comportò il collasso.

    Etica
    Il Falunismo dà molto peso alle sue interpretazioni di natura morale. Ai fedeli è richiesto di enfatizzare in particolare il de, ovvero la virtù, vale a dire il presentarsi come una persona buona in qualsiasi circostanza e pensare sempre prima di agire.

    I tre principi
    «Per essere una persona retta bisogna seguire i tre valori dell'universo, ovvero la verità, la compassione e la benevolenza.»
    (Li Hongzhi)

    I fondamenti del falunismo sono da rintracciare nella cultura tradizionale cinese. Gli insegnamenti sono legati al Fa, parola cinese che sta ad indicare il Dharma. Il Falunismo insegna che la legge del Buddha, nella sua manifestazione più elevata, è sintetizzabile in tre semplici motti: Zhen 真, Shan 善 e Ren 忍 ( riportati nei due libri scritti da Li Hongzhi, il Falun Gong e lo Zhuan Falun), che possono essere tradotte approssimativamente come Verità, Compassione (o Benevolenza) e Tolleranza. Su questi tre principi si basano la vita e tutta l'esistenza stessa dell'universo. Il processo di coltivazione deve passare necessariamente attraverso una fase di completa consapevolezza del significato di questi tre principi, e attraverso l'applicazione degli stessi.

    «Il Falun Buddha Fa è una grande tecnica di coltivazione di alto livello, facente parte del Buddhismo, ma che introduce una completa consapevolezza della natura dell'universo, fondata sui tre principi Zhen, Shan e Ren, che è fondamento delle pratiche stesse del Falun. La coltivazione di quest'ultimo èguidata dalla natura suprema e basata sui principi dell'evoluzione dell'universo. Ciò che si coltiva è un Grande Fa, o Grande Tao.»
    (Li Hongzhi)

    Concezione di divinità
    Il Falunismo insegna che la natura suprema dell'universo è frutto della combinazione di due principi cosmici, la cui unione complementare origina tutto ciò che esiste e qualsiasi dimensione dell'esistente. Sono gli stessi principi che nel Taoismo vengono chiamati Yin e Yang e nello Shintoismo In e Yo, rappresentati dal simbolo del Taijitu. Ogni cosa è dunque complementare ad un suo contrario, e quindi come esistono dèi esistono anche demoni. Tutte queste entità divine sono ad ogni modo generate, come lo è ogni cosa, dall'unica matrice divina dell'universo, ovvero il Qi.

    La questione di Li
    La figura di Li Hongzhi è circondata da un fitto alone di controversie. Tra i falunisti c'è chi lo ritiene a tutti gli effetti l'incarnazione di una divinità e chi invece come un semplice maestro. Effetivamente il culto del fondatore - così chiamata la venerazione del fondatore storico di una religione - è un'usanza molto diffusa, sia in Oriente sia in Occidente; i seguaci di Li, sebbene sembra non sia stata sua diretta richiesta, pare lo considerino come incarnazione di una divinità, attribuendogli poteri straordinari. Alcuni ritengono che sia stato il maestro stesso a proporsi come divinità, autoproclamandosi superiore allo stesso Buddha: avrebbe infatti affermato di possedere i cosiddetti Fashen (letteralmente "divinità della legge"), ovvero una sorta di manifestazioni della sua persona. Questi Fashen, sempre Li ritiene, sono prerogativa di tutti gli esseri divini, siano essi bodhisattva, dèi o demoni. Queste affermazioni confermerebbero il fatto che Li Hongzhi si sarebbe autoproclamato divinità incarnata.

    Gli dèi
    Il Falunismo non ha un pantheon definito, ma contempla l'esistenza di innumerevoli forme di entità divine, essendo una religione politeista con tratti enoteistici e panteistici. Ponendo come base il fatto che uno dei principi fondamentali del Falunismo è la bipartizione di tutto ciò che esiste in una dualità di principi opposti, si può facilmente dedurre come anche il pantheon sia concepito come la contrapposizione di due estremi, che gradualmente si mescolano sino all'ambiguità centrale. Gli esseri divini sono dunque suddivisi in dèi benefici e dèi malefici.



    Con la sua apertura e il suo sincretismo il Falunismo ha facilmente assimilato sia il concetto di divinità taoista, con i suoi dèi tradizionali e santi, sia il concetto di divinità buddhista. Includendo anche la credenza nell'immortalità, raggiungibile attraverso le pratiche mistiche, il Falunismo può annoverare anche nel proprio pantheon figure santificate e divinizzate di altre religioni esogene come il Buddha, Gesù, Maria, e tutti i santi del Cristianesimo. Nel contesto falunista, queste figure, seppur estremamente differenti tra loro, sono considerate come esseri umani che attraverso pratiche più o meno simili a quelle legate al Falun, ascesero allo status di divinità.

    Gli dèi sono immanenti, fanno parte della natura e sono manifestazione di essa. Essi possono entrare in contatto con gli uomini e portare loro benefici o malefici, in dipendenza alla loro natura benevola o malevola. Si suddividono in uomini santificati e spiriti della natura e i falunisti credono che possano anche impossessarsi degli uomini, in particolare durante l'esercizio delle pratiche religiose. Entrano in contatto con il mondo fisico in cui vive l'uomo attraverso i cosiddetti Fashen (letteralmente "divinità della legge"), ovvero innumerevoli forme di manifestazione, emanazioni di luce.

    La santificazione personale
    Uno degli obiettivi preminenti del Falunismo è quello di condurre i suoi fedeli ad una sorta di divinizzazione o santificazione. Il Falunismo insegna che tutto ciò è possibile solo grazie alla coltivazione del Falun, l'entità cosmica del nostro corpo che se riattivata, lo mette in comunione con l'universo, permettendo il flusso costante di Qi, l'energia cosmica, nonché matrice di tutta la vita. Attraverso le pratiche faluniste il fedele velocizza e consolida questo processo di assorbimento dell'energia universale, la quale lo conduce lentamente al rinnovamento fisico e psicologico. Questa energia divina comporta un cambiamento profondo: trasformando il corpo lo avvicina sempre più alla longevità, all'immortalità e se la trasformazione si compie totalmente alla santificazione. Il semplice essere umano, divenuto simile agli dèi, è in grado di comprendere la natura dell'universo, giungendo all'Illuminazione e divenendo parte dell'anima divina di tutto il cosmo, ovvero il Qi. In questa dottrina della santificazione è possibile rintracciare dei grossi parallelismi con il Taoismo.

    Storia
    Il maestro Li Hongzhi iniziò a predicare nel maggio del 1992, in Cina, affermando che quella che divulgava era un'antichissima pratica simile al tradizionale qigong. Li disse di essere stato istruito a queste verità segrete da eremiti sulle montagne cinesi, e che questi gli avessero dato la possibilità di rendere pubblico il culto del Falun. Inizialmente la nuova pratica apparve come una setta innocua, il governo cinese non mostrava ostilità e anzi, ne promuoveva le attività. I problemi iniziarono a manifestarsi nel 1999, quando il governo rese fuorilegge quella che ormai era diventata una religione a tutti gli effetti, costringendo lo stesso Li Hongzhi a fuggire in America, dove prosegue con le sue attività di diffusione. Da quell'anno la repressione non ha mai lasciato momenti di tregua ai seguaci della setta, proclamata dal governo un culto malefico. Il drastico cambiamento di opinione da parte del governo rappresenta ancora un mistero: probabilmente il fatto che il Falun si stesse diffondendo con rapidità eccezionale spaventò le autorità.

    Rapporti con le altre religioni
    Li affermò che il Falunismo deriva essenzialmente dagli insegnamenti del Buddhismo arcaico, suscitando non poche controversie. Lo stesso concetto di Fa, il Dharma, è una componente fondamentale nelle dottrine di Buddha: Li originariamente definì infatti il Falunismo come una delle ottantaquattromila vie di coltivazione del Buddha, mai resa pubblica nella storia dell'attuale civilizzazione umana. Nonostante questo iniziale tentativo di annettere il Falun Dafa al Buddhismo più tradizionale, le prime critiche provennero dagli ambienti religiosi sia buddhisti sia taoisti. Entrambi ritenevano che il Falunismo avesse sconvolto tutti i fondamenti principali di loro insegnamenti religiosi, e pertanto non potesse essere riconosciuto in qualità di dottrina tradizionale. Gli stessi termini utilizzati sia dal Buddhismo sia dal Falunismo possono presentare in realtà differenze molto profonde, in base a quale delle due correnti religiose ci si riferisce.

    Nei primi del 1996, l'Associazione Buddhista Cinese e i giornali di stampo buddhista pubblicarono parecchie critiche nei confronti del Falun Gong. Particolarmente significativo fu l'intervento di Chen Xingquiaoa, un segretario dell'associazione religiosa, che mosse le sue critiche affermando che Li non avesse compreso a fondo i principi del Buddhismo e la sua terminologia. Il Falun Dafa, ben presto, non venne più visto come una forma di qigong, ma come una pratica completamente nuova, sotto tutti i punti di vista. Negli anni successivi Li tendette ad enfatizzare maggiormente la separazione dalle tradizioni classiche cinesi, affermando lui stesso che il Falunismo, nonostante si fosse in parte originato dal Buddhismo, non avesse in realtà nulla a che fare con esso.

    «Il qigong a a che fare con la manipolazione del Qi allo scopo di "pacificare lo spirito e il cuore, curare i mali e rafforzare il corpo", ma quando il suo scopo diviene quello di portare all'acquisizione di poteri soprannaturali, all'illuminazione, all'immortalità o addirittura alla divinità, si colloca nel campo della religione.»
    (Chen Xingquiaoa)

    Nel Falunismo parecchi termini tipicamente buddhisti assumono un significato fondamentalmente diverso: ad esempio il termine Falun o dharmacakra, che nel Buddhismo indica la verità assoluta, nel Dafa indica invece l'entità spirituale che, attraverso le pratiche, entra nel corpo umano, aumentandone la capacità di assimilare Qi; il termine buddhista fanshen o dharmakaya che tradizionalmente corrisponde al corpus dottrinale del Buddha, nel Dafa indica le braccia e gli occhi di una divinità, quindi la sua onniscenza; la parola gong, che nel Buddhismo corrisponde al merito, nel Falunismo sta ad indicare il Qi di alto livello che un essere umano può fare proprio, coltivando il de, la virtù. Infine il termine karma, il concetto dharmico di azione e reazione, nella visione falunista è un principio totalmente negativo, il karma sono i mali che l'uomo compie e accumula. Il karma è l'opposto del de, infatti possono essere alternativamente chiamati sostanza nera il primo e sostanza bianca il secondo.

    Chen Xingquiaoa concluse affermando che il Falunismo non si presenta né come una forma di qigong né come una nuova corrente del Buddhismo, ma è piuttosto caratterizzato da elementi tradizionali che ne fanno una religione prettamente cinese (minjian zongjiao). Tuttavia Chen nel titolo del suo trattato utilizzò un termine cinese grossomodo corrispondente all'italiano eresia, ponendo l'accento sul fatto che il Falunismo fosse alla fine una nuova religione di stampo cinese, con influenze dirette dalle tradizioni risalenti alla dinastia Qin e alla dinastia Han, con piccole influenze da parte del Buddhismo.

    Molti osservatori fanno notare come il Falunismo abbia assimilato concetti provenienti anche dalle dottrine occidentali, Cristianesimo incluso, e enfatizzi l'attenzione anche su concetti che sono sempre stati presenti nella cultura cinese, come i vari ragionamenti sulle civiltà extraterrestri. Rilevanti sono anche le somiglianze con le varie società religiose settarie preenti nell'antica Cina, come il Loto Bianco, sebbene mentre queste sette tendenzialmente adoravano una divinità principale chiamata generalmente Madre Eterna, il Falunismo presenti una teologia più simile a quella del Taoismo e della religione popolare cinese. L'insegnamento di Li, ad ogni modo, si stacca da ogni tradizione precedente, sviluppando una propria visione della cosmologia, un'escatologia salvifica e la credenza nella vita dopo la morte, data dal fatto che il corpo trasmuti in un altro stato di materia, in grado di raggiungere il paradiso, collocato in un'altra dimensione.

    Diffusione
    Il Falunismo rappresenta un fenomeno unico in tutta la storia delle religioni. Nessun culto ha mai registrato una così capillare diffusione in pochi anni. Dal 1992 ad oggi si calcola che il Falunismo abbia già circa cento milioni di fedeli, di cui settanta milioni in Cina. Probabilmente se le repressioni venissero sospese il Falunismo avrebbe completa libertà di diffusione e diverrebbe in pochi anni una delle religioni più diffuse al mondo.
    [COLOR=LIMEGREEN]You can own the Earth and still all you'll own is earth until you can paint with all the colors of the wind.[/COLOR]

  2. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #4471946
    Dal 92 al 99 il Partito non represse, anzi favorì il Dafa. Nel 99 l'idea si ribalta, apparentemente senza motivo, il Falun Gong diviene viene tacciato di "setta diabolica", e comincia un'escalation di torture, ben occultate ovviamente. Come potete vedere dalle foto sono centinaia i morti, massacrati con ogni tipo di torture. Molte voci affermano ci siano anche veri e propri campi di tortura (per non dire sterminio) in Cina. I motivi che spingono il Partito a perpetrare queste barbarie sono un mistero: molti parlano di gelosia, il Partito avrebbe iniziato la repressione non appena constatato che il Dafa contava più seguaci del Partito stesso; altri affermano che sia una reazione al fatto che il Falunismo sia diventato progressivamente una vera e propria religione, ma ciò non avrebbe senso, dato che se il motivo fosse questo allora il Partito reprimerebbe anche le altre religioni, cosa che non fa, sebbene ci siano ancora dei controlli.

    Le torture (con morte) sono variegate, di solito li chiudono in celle per mesi senza dargli da mangiare e li lasciano perire naturalmente. Ultima novità è l'espianto degli organi. I seguaci vengono ammazzati e i loro organi venduti!

    Ma qualcuno sa spiegarsi cosa cavolo stia succedendo in Cina?
    [COLOR=LIMEGREEN]You can own the Earth and still all you'll own is earth until you can paint with all the colors of the wind.[/COLOR]

  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4471947
    Ooo _Xin


    Guarda che però su un forum pubblico non è che si possono postare simili notizie !!


    Ovvio che son cose che è giusto si sappia ma visto e considerato che tralaltro, stiamo su un forum chiamato Videogames e che qui spesso ci sono anche bambini che frequentano i vari thread, non mi sembra giusto nei loro confronti che debbano vedere tutta questa crudeltà....


    Ci sono molte immagini che, oltre ad essere dure, in molti forum sarebbero censurate !! Io credo che al massimo, quando vogliamo parlare di questi argomenti, sia meglio postare solo la fonte con il link e poi un tuo commento e successivamente i nostri !!!

    Te lo dico come consiglio ! Buona giornata

    "Le conseguenze della collera sono molto più gravi delle sue cause"
    Marco Aurelio

  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4471949
    Originally posted by Xin
    E' vero... ci ho pensato dopo... forse sarebbe meglio cancellarlo...


    Si Xin penso sia meglio,anche se e' un argomento importante, e troppo crudo per il forum,specie quelle foto,secondo il mio parere dovresti cancellarlo!;)
    "Quando questo artefatto sprigionera' la sua furia verso il basso, le linee di giunzione del pianeta esploderanno. Jörmungandr, la serpe di Midgard si levera' sputando veleno nei cieli, e tutto il mondo verra' consumato da fuoco e cenere...Ragnarök! La settima era ci attende!"...

    Lara Croft Global Staff
  5.     Mi trovi su: Homepage #4471950
    Originally posted by aldebaran
    Si Xin penso sia meglio,anche se e' un argomento importante, e troppo crudo per il forum,specie quelle foto,secondo il mio parere dovresti cancellarlo!;)

    Bè, cancellarlo mi sembra esagerato. Xin io leverei le foto e metterei il link al sito dal quale le hai prese (ovviamente avvertendo del suo contenuto esplicito) ma ritengo che sia un'argomento importante che vada discusso. Al massimo, leva le foto e lascia la scritta in rosso riportata all'inizio. :yy:


    [COLOR=seagreen]Membro del Legend Rescue Team[/COLOR]
  6.     Mi trovi su: Homepage #4471953
    Xin, anche se l'argomento è interessante e pone interrogativi giusti, quei link andrebbero cancellati, visto che basta cliccarci sopra per vedere scene raccapriccianti.

    Visto che questo forum (lo ricordo per l'ennesima volta) è dedicato a utenti di tutte le fasce di età, è comunque meglio evitare di postare tali immagini, anche se linkate.

    Anche se hai messo un chiaro avviso è evidente che si possano aprire comunque e con estrema facilità. E questo forum non è adatto a simili visioni "traumatiche".

    L'argomento può essere trattato tranquillamente anche senza quelle immagini, no?
    [url=http://www.tombraidercast.com/Podcast/Podcast.html][/url]

  Falunismo, Cina: torture, massacri, campi di sterminio e il mondo sembra cieco!

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina