1.     Mi trovi su: Homepage #4474374
    Viaggio nella città divisa dall'allargamento della struttura militare
    Nei piani c'è un villaggio per duemila-tremila addetti, in arrivo della Germania
    Vicenza, la base della discordia
    "Niente aeroporto ai parà Usa"

    di ALBERTO STATERA

    VICENZA - Dopo mezzo secolo di convivenza con gli americani, Vicenza rivive oggi la "sindrome del barbiere Eolo" raccontata da Goffredo Parise nel 1956. E stasera lo psicodramma, scandito da una manifestazione di protesta politicamente trasversale nella piazza palladiana che solo cinque giorni fa ha inneggiato agli anatemi di Berlusconi contro Prodi e fischiato l'inno nazionale, si consuma in un Consiglio comunale arroventato.

    Nella Sala Bernarda dovrà decidere se dare o no l'aeroporto Dal Molin alla 173esima Brigata paracadutisti, facendo di Vicenza la più potente base militare americana d'Europa.

    Il barbiere Eolo vedendo arrivare mezzo secolo fa in piazza dei Signori un italo-americano di nome Roy de Ciccio sospettò che fosse una staffetta spedita in città per i primi contatti con la popolazione alla vigilia dell'installazione delle truppe Setaf. Di lì a poco giunsero le truppe americane. Aveva ragione Eolo. Ma stavolta il Roy de Ciccio non s'è visto, perché a preparare a dovere il terreno del nuovo sbarco americano, già concordato dal governo Berlusconi, c'era il sindaco forzista, grande amico dell'ex premier, il quale è stato testimone delle sue seconde nozze.

    Ex fascista, o post, poi deputato leghista nel 1994 e infine approdato a Forza Italia, Enrico Hullweck, un medico pediatra che la sua ex avversaria elettorale Laura Fincato, deputata ulivista vicentina, definisce sorridendo "mellifluo", trattava in segreto almeno da un paio d'anni la superfetazione della presenza militare americana a Vicenza e la concessione dell'aeroporto Dal Molin.

    Operazione strategica per gli Stati Uniti, che ai bordi di quella pista, distante solo un paio di chilometri dalla basilica palladiana, hanno progettato un nuovo villaggio per due o tremila soldati americani provenienti dalla Germania, dove non li vogliono più, che si aggiungerebbero ai 3000 già in città, riunificando i quattro battaglioni e il comando della 173esima brigata paracadutisti, il team di combattimento, la brigata aviotrasportata d'élite destinata ad operazioni "chirurgiche" in Medioriente.

    Tanto che a presentare l'operazione, accolto più o meno con gli onori che spettarono a Orson Wells e a Olivia de Havilland nel 1955, giunse il 27 gennaio 2004 alla Caserma Ederle, sede delle truppe americane di stanza a Vicenza, il vicepresidente degli Stati Uniti Dick Cheney. Hullweck sapeva. Ma non l'ha detto alla città, finché la città non l'ha scoperto.

    Così i tranquilli vicentini, quasi tutti occupati normalmente a far tre volte il segno della croce e a contar schei, non l'hanno mandata giù e stasera, senza distinzione di colore, andranno a urlarlo sotto la Sala Bernarda.

    "La protesta è nata dai comitati spontanei, i partiti sono arrivati dopo", giura Laura Fincato che, con Lalla Trupia, ha raccolto alcune decine di firme di parlamentari ulivisti per il "no" al progetto americano. Un bel problemino per il ministro della Difesa Arturo Parisi, che si trova in mano impegni del precedente governo, l'opposizione di parte cospicua della maggioranza e Rifondazione Comunista che minaccia addirittura di "negare il sostegno all'esecutivo", al momento per bocca del segretario veneto e deputato Gino Sperandio e del segretario cittadino Ezio Lovato, se il prevedibile "sì" del Consiglio comunale vicentino venisse avallato dal governo senza che prima si svolga almeno un referendum.

    Uno dei leader dei comitati spontanei, che si chiama Albera, snocciola i mille e uno motivi, a parte i silenzi menzogneri di Hullweck, per dire no a Camp Ederle 2: l'aeroporto Dal Molin è in piena zona residenziale, sul fiume Bacchiglione, a un paio di chilometri dal centro di Vicenza, patrimonio Unesco dell'umanità, ed è l'unica area verde da Vicenza a Schio e Thiene; l'impatto ambientale e per la mobilità sarebbe devastante, non meno della perdita di valore delle case e della definitiva americanizzazione della città, che già di problemini ne dà non proprio da niente.

    Ma il vero argomento lo coglie Marino Quaresimin, ex sindaco di Vicenza della Margherita: "Perché gli americani vogliono proprio l'aeroporto Dal Molin e non le altre migliori localizzazioni che si sono proposte? Chiaro, perché gli interessa la pista. Lo dice la logica: da dove volete che si buttino i paracadutisti della 173esima, dal campanile della basilica? "Il generale Frank Helmick giura che non useranno la pista dell'aeroporto e che in città non ci saranno armamenti pesanti, già custoditi a pochi chilometri di distanza a Longare e Tormeno e in altri siti di stoccaggio segreti sparsi nei dintorni. Ma possibile che la brigata d'élite debba fare 150 chilometri di autostrada in camion o in pullman, attraversando il passante di Mestre, per partire verso una missione "chirurgica" in Medio Oriente o anche per andare ad addestrarsi? O i paracadutisti si lanceranno dal campanile?

    Lecito allora pensare che la pista sia l'oggetto del desiderio. Se è così, sarebbe come autorizzare una caserma da 600 mila metri cubi più pista d'atterraggio a Villa Borghese a Roma o al Valentino a Torino.

    "Uscivano alle prime ore del mattino, pochi potevano vederli", scriveva Goffredo Parise nel racconto "Americani a Vicenza", che avrebbe voluto essere un reportage, ma, come lui dice, "è piuttosto una intuizione figurativa della funebre spettacolarità di oggetti americani (uomini e cose) che vidi cinque anni dopo in America, carichi del loro falso splendore".

    Anche oggi escono alle prime ore del mattino dalla caserma Ederle, per il jogging d'addestramento in gruppo verso il Monte Berico, con gli zaini affardellati. O, più o meno verso la stessa ora, escono dalle discoteche di lap-dance, dalle periferie del sesso a pagamento. E sono questi, spesso ragazzi che tornano da missioni in Iraq, che angosciano la città serena e produttiva che ha introiettato la democristianità dei Rumor e dei Bisaglia, il culto dei papi.

    E' l'angoscia dei tassisti del primo turno, dei vicentini faticatori e mattinieri che ne vedono qualcuno pisciare ubriaco sulle pietre del Palladio o, peggio, a far rissa tra loro, come mezzo secolo fa capitò a Parise, sgomento per un lago di sangue che usciva da un occhio accoltellato.

    Interviene, efficiente, la Military Police e il generale garantisce che i controlli saranno persino più severi. Ma come frenare ragazzi che tornano dalle missioni di guerra?

    Quelli che hanno famiglia stanno nel loro "Villaggio della pace", se non sono di turno escono col loro immenso Suv targato "ZA", cui nessun vigile fa le multe, ma la spesa si fa dentro, il pane arriva dalla Germania. Dentro la caserma e dentro il villaggio ci sono il supermercato, la scuola, il campo di basket e baseball, le piscine, i centri ricreativi, adesso pure l'ospedale, in base ad un accordo con la Usl numero 6, di cui si dice informato l'ex sindaco Quaresimin. Sono forse quindicimila in tutto, con le famiglie, più del dieci per cento dei vicentini.

    Trecentosei milioni di dollari è l'investimento previsto per il raddoppio della base, che potrebbero salire al doppio. I costruttori locali, Ingui, Maltauro e gli altri, sono lì ansiosi per la nuova americanizzazione cementiera, ma non tutta la locale Confindustria presieduta dal capo di Federmeccanica Massimo Calearo. Il sindaco e i suoi, come il consigliere di An Francesco Rucco, che pur si dichiara fortemente "antiamericano", dicono che l'economia potrà giovarsene e anche l'occupazione di personale vicentino nella base, che è già di qualche centinaio di persone.

    La Camera di commercio e gli enti locali hanno partecipato a sponsorizzare un libretto intitolato The american heart of Vicenza che è un piccolo peana americanista, teso a dimostrare che, dopo cinquant'anni di coabitazione, gli americani a Vicenza vivono "like ordinary citizens". Ma il 62 per cento dei vicentini, secondo un sondaggio condotto dal professor Ilvo Diamanti su un campione rappresentativo di 1500 persone, è fieramente contrario a Camp Ederle 2.

    Addirittura l'85 per cento pretende un referendum. Il vicepremier Francesco Rutelli l'ha promesso, qualunque sia stanotte l'esito della Sala Bernarda.
    Poi c'è la questione più generale, che è stata posta dal vecchio liberale Sergio Romano: se l'America fa una politica estera non conforme ai nostri interessi, perché mai l'Italia dovrebbe ospitare basi che sono strumenti di quella politica? Si chiudano, semmai, anche quelle esistenti, in ossequio alla sovranità nazionale.

    Brutta serata, dopo Sala Bernarda, per Arturo Parisi, che non potrà più fare a scaricabarile, e per Prodi. L'American heart of Vicenza rischia di diventare per loro un altro incubo.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4474375
    http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/vicenza-base-usa/vicenza-base-usa/vicenza-base-usa.html

    Il Dal Molin non s'ha da cedere!! :sbam:

    E' inutile che quel pdm di Hullweck venga a dire che porta la ristrutturazione delle strade nei dintorni della zona!! Da lì partirebbero tutte le azioni contro il MedioOriente, ci sarebbe un ingresso di 4,5mila parà Usa (chissà se con o senza famiglie) e la situazione diventerebbe insostenibile!!

    NO AL DAL MOLIN!!!! :sbam:
  3. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4474376
    Hanno chiuso la Ederle un paio di'anni fa (chiuso per modoc di dire....) e ora vogliono riapriarla ampliata..... secondo me non è proprio il caso, anche considerando che è praticamente vicinissima al centro città!

    Che si trovino un pezzo di terra (che non manca di certo in Arizona o Texas....) a casa loro!

    :sbam: :sbam: :sbam:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  4.     Mi trovi su: Homepage #4474377
    Originally posted by razorbladeromance
    Hanno chiuso la Ederle un paio di'anni fa (chiuso per modoc di dire....) e ora vogliono riapriarla ampliata..... secondo me non è proprio il caso, anche considerando che è praticamente vicinissima al centro città!

    Che si trovino un pezzo di terra (che non manca di certo in Arizona o Texas....) a casa loro!

    :sbam: :sbam: :sbam:


    ma che chiusa e chiusa! E' ancora in attività la Caserma Ederle, purtroppo!!! :sbam:

    e si son fatti anche i locali americani al di fuori di quelle mura! Il Warner Village, Il Crazy Bull etc...

    Siamo una posizione strategica, ma soprattutto siamo una città di lecchini deficienti, è questa la verità! Lecchini deficienti che devono ringraziare tanto gli accordi fatti sottobanco dal governo Berlusconi con gli americani :mad:
  5. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4474378
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    ma che chiusa e chiusa! E' ancora in attività la Caserma Ederle, purtroppo!!! :sbam:

    e si son fatti anche i locali americani al di fuori di quelle mura! Il Warner Village, Il Crazy Bull etc...

    Siamo una posizione strategica, ma soprattutto siamo una città di lecchini deficienti, è questa la verità! Lecchini deficienti che devono ringraziare tanto gli accordi fatti sottobanco dal governo Berlusconi con gli americani :mad:


    Che io sappia era dichiarata non operativa, quindi una caserma dalla quale non potevanopartire operazioni militari..... cmq sia adesso la vogliono di certo riportare alla piena attività... :mad:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  6. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4474380
    Originally posted by Giovanni1982
    Non ho capito il problema: il fatto che la base verrà usata per operazioni militari o perchè arrivano altri stranieri incivili?
    Dall'articolo non si capisce...:confused:
    Poi un dubbio: perchè il governo di sinistra non può rinnegare gli accordi con gli americani?


    Perchè il governo di sinistra con conta nulla..... :cool: che domande..... :cool:

    Basta agli immigrati.... tornino a casa loro, in padania non li vogliamo! :cool: :cool:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  7.     Mi trovi su: Homepage #4474381
    Originally posted by Giovanni1982
    Non ho capito il problema: il fatto che la base verrà usata per operazioni militari o perchè arrivano altri stranieri incivili?
    Dall'articolo non si capisce...:confused:
    Poi un dubbio: perchè il governo di sinistra non può rinnegare gli accordi con gli americani?


    perchè purtroppo ci sono dei vincoli tra gli alleati (e in questo caso noi e gli USA) che derivano da un'alleanza ben più vasta e generalizzata che non specifica sulla questione. L'accordo è stato preso in passato, ora non so se sia davvero impossibile, certo è difficilissimo stracciare tutto. Non è una questione di governo, qualche volta è necessario guardare anche l'Italia come Stato, non come semplice divisione di fazioni politiche ;)
  8.     Mi trovi su: Homepage #4474382
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    perchè purtroppo ci sono dei vincoli tra gli alleati (e in questo caso noi e gli USA) che derivano da un'alleanza ben più vasta e generalizzata che non specifica sulla questione. L'accordo è stato preso in passato, ora non so se sia davvero impossibile, certo è difficilissimo stracciare tutto. Non è una questione di governo, qualche volta è necessario guardare anche l'Italia come Stato, non come semplice divisione di fazioni politiche ;)


    Guarda che non c'è bisogno di polemizzare per forza. Ho fatto delle semplici domande e mi hai rriposto (neanche bene) ad una.
    Ho fatto quelle domande perchè nell'articolo si parla di operazioni militari, ma ci sono anche dei cavalli di battaglia da stereotipo leghista.
    Sul governo di sinistra ho chiesto perchè non mi sembra che abbia sempre rispettato gli accordi presi con gli americani e se l'accordo è generico e non specifica sulla questione (parole tue) dovrebbe, anzi, essere più facile stracciarlo che non più difficile.
    Se poi non sai o non vuoi rispondere va bene, ma evita il tono da "io sono più obiettivo di te".
  9.     Mi trovi su: Homepage #4474383
    Originally posted by Giovanni1982
    Guarda che non c'è bisogno di polemizzare per forza. Ho fatto delle semplici domande e mi hai rriposto (neanche bene) ad una.
    Ho fatto quelle domande perchè nell'articolo si parla di operazioni militari, ma ci sono anche dei cavalli di battaglia da stereotipo leghista.
    Sul governo di sinistra ho chiesto perchè non mi sembra che abbia sempre rispettato gli accordi presi con gli americani e se l'accordo è generico e non specifica sulla questione (parole tue) dovrebbe, anzi, essere più facile stracciarlo che non più difficile.
    Se poi non sai o non vuoi rispondere va bene, ma evita il tono da "io sono più obiettivo di te".


    in realtà non era polemico nei tuoi confronti, mi disp ti sia parso così :(

    non mi sono fatto capire, allora facciamo una cosa migliore, mi informo meglio e poi ti so rispondere adeguatamente :approved:
  10.     Mi trovi su: Homepage #4474384
    Un bello e sentito vaffanxulo a chi ha detto di sì all'ampliamento della base. Abbiamo dato la dimostrazione della nostra capacità di essere zerbini degli americani. C'era la possibilità di dare un segno di discontinuità, di ascoltare il volere dei cittadini, di non chinarsi e cedere il proprio cuxo alle iniziative americane. E invece complimenti vivissimi a chi ha detto di sì.
    La base americana più grande al di fuori dell'America, da cui partiranno tutte le azioni contro il Medioriente. Complimenti. Accordi taciti presi SOTTOBANCO dal governo scorso e questo governo non è riuscito nemmeno a dire la propria opinione.
    E voi gente, lamentatevi pure per gli scontrini, mentre lasciate scorrere questi scempi, questi orrori. Guardatevi pure sempre il portafogli che è importante! Guardate sempre la vostra villetta, il vostro palazzino. Guardate sempre il vostro bollo-auto e il vostro ICI. E lasciate pure andare queste cose, che non sono poi importanti. Segnano solo il confine oltre al quale uno Stato non può più non vergognarsi e negare di essere un chiaro e lampante esempio di leccacuxo della cosiddetta "potenza più grande al mondo".
    Le alleanze atlantiche mi fanno na sexa, se vogliono guerre se le giostrano loro da casa. Se vogliono lanciare missili o far partire aerei si portano le loro navi e li fanno partire da lì. Se no se ne stanno a casa loro. Da qua, Vicenza o Palermo che sia, non deve partire nulla.
    Vergogna, caxxo, vergogna!
  11. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4474385
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Un bello e sentito vaffanxulo a chi ha detto di sì all'ampliamento della base. Abbiamo dato la dimostrazione della nostra capacità di essere zerbini degli americani. C'era la possibilità di dare un segno di discontinuità, di ascoltare il volere dei cittadini, di non chinarsi e cedere il proprio cuxo alle iniziative americane. E invece complimenti vivissimi a chi ha detto di sì.
    La base americana più grande al di fuori dell'America, da cui partiranno tutte le azioni contro il Medioriente. Complimenti. Accordi taciti presi SOTTOBANCO dal governo scorso e questo governo non è riuscito nemmeno a dire la propria opinione.
    E voi gente, lamentatevi pure per gli scontrini, mentre lasciate scorrere questi scempi, questi orrori. Guardatevi pure sempre il portafogli che è importante! Guardate sempre la vostra villetta, il vostro palazzino. Guardate sempre il vostro bollo-auto e il vostro ICI. E lasciate pure andare queste cose, che non sono poi importanti. Segnano solo il confine oltre al quale uno Stato non può più non vergognarsi e negare di essere un chiaro e lampante esempio di leccacuxo della cosiddetta "potenza più grande al mondo".
    Le alleanze atlantiche mi fanno na sexa, se vogliono guerre se le giostrano loro da casa. Se vogliono lanciare missili o far partire aerei si portano le loro navi e li fanno partire da lì. Se no se ne stanno a casa loro. Da qua, Vicenza o Palermo che sia, non deve partire nulla.
    Vergogna, caxxo, vergogna!


    Sono moootlo deluso..... e questo governo si è dimostrato senza palle su questo frangente....

    Hanno detto di no fino a ieri quando improvvisamente hanno dato il loro assenso... bah... schixo! :mad:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  12. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4474386
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Un bello e sentito vaffanxulo a chi ha detto di sì all'ampliamento della base. Abbiamo dato la dimostrazione della nostra capacità di essere zerbini degli americani. C'era la possibilità di dare un segno di discontinuità, di ascoltare il volere dei cittadini, di non chinarsi e cedere il proprio cuxo alle iniziative americane. E invece complimenti vivissimi a chi ha detto di sì.
    La base americana più grande al di fuori dell'America, da cui partiranno tutte le azioni contro il Medioriente. Complimenti. Accordi taciti presi SOTTOBANCO dal governo scorso e questo governo non è riuscito nemmeno a dire la propria opinione.
    E voi gente, lamentatevi pure per gli scontrini, mentre lasciate scorrere questi scempi, questi orrori. Guardatevi pure sempre il portafogli che è importante! Guardate sempre la vostra villetta, il vostro palazzino. Guardate sempre il vostro bollo-auto e il vostro ICI. E lasciate pure andare queste cose, che non sono poi importanti. Segnano solo il confine oltre al quale uno Stato non può più non vergognarsi e negare di essere un chiaro e lampante esempio di leccacuxo della cosiddetta "potenza più grande al mondo".
    Le alleanze atlantiche mi fanno na sexa, se vogliono guerre se le giostrano loro da casa. Se vogliono lanciare missili o far partire aerei si portano le loro navi e li fanno partire da lì. Se no se ne stanno a casa loro. Da qua, Vicenza o Palermo che sia, non deve partire nulla.
    Vergogna, caxxo, vergogna!



    avevi ancora dubbi??!:rolleyes:


    sulle prime sembrava che D'alema si fosse in qualche modo opposto, ieri poi ha spiegato (a Ballarò) che esistono dei vincoli tra i Paesi NATO per cui is doveva per forza accettare....

    ora io mi chiedo quante basi militari ha l'ITalia negli Usa?? o la Francia?? o la Germania?? o..??

    basta essere terra di conquista!! Alzate la voce fratelli Vicentini!! ( modello "no alla terza pista, no alla terza pista! " ;) )


    e poi una sola domanda: "perchè devono ampliare questa base?? cosa diavolo ci dovranno mia fare??" :rolleyes: :rolleyes:



    nella risposta temo che possa rientrare anche la parola "Iran".:muhehe:
  13.     Mi trovi su: Homepage #4474387
    Originally posted by razorbladeromance
    Sono moootlo deluso..... e questo governo si è dimostrato senza palle su questo frangente....

    Hanno detto di no fino a ieri quando improvvisamente hanno dato il loro assenso... bah... schixo! :mad:


    pronti lì, con la lingua di fuori, a leccare il cuxo al governo americano. Vergogna! Sono molto deluso anch'io, anzi moltissimo. Eccoli qua i Radicali, l'Udeur, l'Italia dei Valori. Eccolo qua Prodi. Ma quali valori e valori, quali radicali e radicali!!! Se ne stiano a casa loro sti caxxo di americani e non vengano a portare qua basi e aerei! Che schifo, caxxo, che schifo!!! :mad:
  14.     Mi trovi su: Homepage #4474388
    Originally posted by wfw
    avevi ancora dubbi??!:rolleyes:


    sulle prime sembrava che D'alema si fosse in qualche modo opposto, ieri poi ha spiegato (a Ballarò) che esistono dei vincoli tra i Paesi NATO per cui is doveva per forza accettare....

    ora io mi chiedo quante basi militari ha l'ITalia negli Usa?? o la Francia?? o la Germania?? o..??

    basta essere terra di conquista!! Alzate la voce fratelli Vicentini!! ( modello "no alla terza pista, no alla terza pista! " ;) )


    e poi una sola domanda: "perchè devono ampliare questa base?? cosa diavolo ci dovranno mia fare??" :rolleyes: :rolleyes:



    nella risposta temo che possa rientrare anche la parola "Iran".:muhehe:


    E' uno schifo wfw. Uno schifo. Perchè basta pensare che sì è arrivato da accordi sottobanco presi da Berlusconi in persona per farci venire il vomito. La voce è alta, wfw, la alzeremo ancora di più, ma tanto a loro non gliene sbatte una sexa di noi cittadini.
    Ovvio che c'è di mezzo l'Iran, ovvio che se qualcuno dovrà puntare qualche missile lo farà qua a Vicenza, con tante grazie a Berlusconi e Prodi!

  Vicenza: "NO AI PARA' USA"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina