1.     Mi trovi su: Homepage #4479557
    La Fifa e l`assocalciatori internazionale Fifpro hanno trovato una dichiarazione di intenti a tutela delle Nazionali. A Barcellona, presso il Camp Nou, la Federazione internazionale e la Fifpro hanno firmato un protocollo d`accordo - che non e` ancora vincolante - per riconoscersi mutualmente e per rafforzare la propria cooperazione e dialogo riguardo alle materie principali del calcio moderno. In rappresentanza della Fifa era presente il presidente Joseph Blatter, per la Fifpro c`era Philippe Piat. Blatter, presentando il memorandum, ha sottolineato come solo soluzioni globali possano offrire risposte alle sfide e alle minacce della crescente universalita` del calcio. `Forze economiche e commerciali, i procuratori, e in alcuni casi i governi di alcune parti del mondo stanno tentando di intervenire nel calcio e nel suo governo. Di conseguenza il calcio deve difendere le sue posizioni e i suoi protagonisti principali, i giocatori`. Definendo poi il memorandum una `pietra miliare` in questa direzione, Blatter ha ceduto la parola a Piat. Questi ha rimarcato la storicita` dell`accordo `principalmente perche` i giocatori sono finalmente riconosciuti come elementi completamente sviluppati del gioco a livello professionale, ma anche perche` stabilisce specificamente i requisiti minimi contrattuali da applicare in tutto il mondo`

    Tra le innovazioni, al momento non vincolanti, il tentativo di introdurre un meccanismo di protezione delle Nazionali attraverso il 6+5, ovvero l`obbligo per una squadra di schierare in ogni momento almeno sei giocatori eligibili per la Nazionale della federazione di appartenenza. Per il momento si tratta solo di una dichiarazione di intenzioni, dato che soprattutto in Europa, dove il bisogno di una misura del genere e` piu` sentito, si rischierebbe il contrasto contro le leggi di libera circolazione dei lavoratori e contro la sentenza Bosman. Proprio a proposito di queste influenze di leggi internazionali nello sport, Blatter ha aggiunto: `Che lascino in pace il calcio, che rispettino il carattere particolare dello sport, che e` sufficientemente forte da potersi organizzare`. Lo stesso numero uno del calcio mondiale ha precisato che per il 6-5 il calcio `non deve temere Bruxelles. Non intendiamo porre un limite ai trasferimenti, ma occorre rinforzare la base locale o regionale delle squadre`.
  2. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #4479558
    E' giusto !

    e poi abbinato alle nuove leggi per tutelare i VIVAI, riporterebbe il CALCIO ad un livello piu' GIUSTO...

    Il passo successivo sara' EDUCARE i tifosi a NON TENERE ad una squadra di un' altra citt'a SOLO perche' la propria non VINCE lo scudetto...
    Firma troppo lunga e con offese.

  Fifa: storico accordo con la Fifpro

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina