1.     Mi trovi su: Homepage #4480434
    Discuterà una tesi sui mali del calcio

    Franco Baldini, ex manager giallorosso ora al Real Madrid di Capello, sta per laurearsi. Il 6 novembre, ad Atri, discuterà la tesi e terminerà il corso di studi in Scienze giuridiche, economiche e manageriali dello sport. La curiosità è che l'elaborato conclusivo di Baldini avrà il titolo "Dal fair-play al principio di slealtà" e verterà sulle disfunzioni del sistema calcio, le loro cause e le possibili soluzioni.

    Lunedì prossimo sarà nelle stanze del Palazzo Duchi D'Acquaviva di Atri, come un qualunque studente modello pronto ad affrontare il momento supremo di tutta la sua carriera studentesca. Franco Baldini prenderà un permesso, lascerà per un giorno le sue mansioni madridiste e si dedicherà alla discussione della sua tesi di laurea in Scienze giuridiche, economiche e manageriali dello sport. L'ex direttore sportivo della Roma, ora uomo di fiducia di Capello al Real, ha scelto un tema scottante come argomento del suo elaborato finale. La tesi, infatti, affronterà l'estate nera del calcio italiano e proverà a sviscerarne i motivi e a proporre una via d'uscita.

    Il relatore, Luigi Mastrangelo, ha descritto il lavoro di Baldini, mettendone in luce la genesi e le intenzioni. "Nel lavoro che Franco Baldini presenterà alla commissione di laurea - ha spiegato - l'approfondimento scientifico si fonde con la visuale privilegiata dell'esperienza di uno dei dirigenti sportivi italiani di primo piano, da tempo impegnato personalmente nella denuncia dei mali di un sistema che, nella tesi, viene ricostruito dalle origini. La tesi intende rispondere a un quesito di fondo, ossia se le disfunzioni che hanno caratterizzato il calcio italiano siano riconducibili all'iniziativa individuale di alcuni soggetti o, invece, rispondano a dinamiche più complesse, di natura strutturale, per intervenire sulle quali è necessario un ricambio e miglioramento della classe dirigente sportiva, possibile solo attraverso la qualificazione accademica".

    La cultura e lo studio, quindi, per eliminare il rischio di una nuova degenerazione dei dirigenti che avranno in mano il destino del calcio italiano nel prossimo futuro. Una volta si era soliti dire che, per alcune professioni, la laurea fosse solo un "pezzo di carta", nulla di paragonabile agli insegnamenti dell'esperienza sul campo. Visti i risultati e i "maestri", forse, almeno nel calcio, è giusto tornare a fidarsi dei libri.

  Baldini si laurea...con Moggiopoli

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina