1.     Mi trovi su: Homepage #4491633
    Cari Italians,
    si legge spesso dei facili costumi assunti, nella storia, dai signorotti. Sempre però a essi sono seguiti periodi di decadimento.
    Uno dei provvedimenti del secondo governo Prodi fu quello di aumentare il bollo per le auto medio-grandi. L'anno successivo analoga misura fu applicata ad altri beni: ad esempio le scarpe (oltre il 42/donne e il 44/uomini), alle valige oltre 50 decimetri cubici o alle fiorentine oltre i 750 g; la tassa sui rifiuti fu calcolata sul rapporto peso/altezza dei componenti familiari. Nel 2010 grazie all'anagrafe dei conti correnti e alle banconote a tempo (se non versate in banca entro sei mesi dalla loro emissione si squagliano), l'evasione fiscale fu debellata. Ciò costituì il preludio alla sostituzione dell'Iva con l'Imva (Imposta mutabile sul valore aggiunto). A partire dal 2011 le nuove carte di credito, d'uso obbligatorio, includevano anche i dati dei redditi dei loro possessori, in questo modo al loro utilizzo veniva automaticamente calcolata l'Imva applicabile sull'acquisto, modulata in base al reddito. Non più prezzi uguali per tutti, neanche al supermercato e nemmeno nelle toilette pubbliche, ma personalizzati ed esponenzialmente più elevati all'aumentare del reddito. All'estero furono costituiti i punti vendita «Visco Shop» dove gli italiani dovevano acquistare i generi da portare con se in Italia. Nel 2013 ci furono tumulti di piazza per la destinazione dalle generose entrate dell'Imva.
    L'anno successivo, grazie ai sindacati, venne introdotta l'Ida (Introito dagli abbienti): sotto una soglia di reddito chi acquistava introitava un proporzionale importo a diminuzione del prezzo. La vendita di beni di lusso ebbe una forte impennata dato che a parte i ricchi e i benestanti, tutti gli altri potevano permettersi di acquistare beni costosi a poco prezzo. Nacque però anche il mercato nero, molti rivendevano ai benestanti. Siccome il denaro poteva segnalare la transazione prese piede il pagamento in natura. Molti signorotti si dotarono delle stanze di compensazione (locali confortevoli dove transare) mentre per le regolazioni volanti si raccomandava un minimo di discrezione. Sappiamo poi come è andata a finire: i benestanti, non ottenendo la reciprocità nei pagamenti in natura, chiesero, e ottennero, asilo economico nella vicina Svizzera. L'Imva non generò più nulla e i fruitori dell'Ida dovettero svendere le loro Bmw.


    http://www.corriere.it/solferino/severgnini/06-11-07/04.spm

  Le fanta-tasse che ci aspettano

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina