1. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4492430
    Disco del mese: "Charlotte Gainsbourg - 5:55"



    Questo può essere considerato un album di un gruppo di musicisti che si sono incontrati per realizzare un miracolo, ovvero un album della figlia di uno dei più importanti cantautori che la Francia abbia mai avuto: Serge Gainsbourg.

    Charlotte Gainsbourg ammette che voleva fare da molto tempo un album “suo” e dopo un incontro con il duo transalpino degli Air, la figlia d’arte si convinse, e li chiamò in studio per spiegare loro su che cosa voleva costruire l’album insieme a Nigel Goldrich, uno dei produttori più in voga negli ultimi anni. Nella fase della costruzione dell’album arrivarono altri due nomi illustri della scena musicale negli studi, ovvero Neil Hannon dei Divine Commedy e Jarvis Cocker dei Pulp, che interviene pesantemente sui testi dell’attrice francese.

    L’idea principale era quella di scrivere in musica i pensieri di una persona che soffre d’insonnia alle 5 e 55 di mattina, quindi di descrivere sogni ad occhi aperti e visioni di fantasmi, atmosfere perfette per la musica degli Air e per la fantasia di Cocker, che hanno contribuito a realizzare un miracolo. E allora perché dire che quest’album è di Charlotte Gainsbourg quando è in realtà composto da altra gente? Che cosa ha fatto lei in prima persona? Intanto ha dato le idee per la stesura dell’album, ma soprattutto, ci ha messo la sua voce sussurrata, interpretando i quarantadue minuti di musica senza una sbavatura e non rovinando gli undici pezzi.

    Per quanto riguarda la parte musicale, gli Air non hanno introdotto niente di che nella loro musica, a parte che in "The Operation”, dove le fasi ritmiche sono molto lontane dalle loro vere origini musicale, e il primo singolo “The Song That We Sing”, pezzo molto più orecchiabile con una chiara dedica al padre dell’attrice anglo-francese morto ormai quindici anni fa.

    Dopo questo secondo disco, Charlotte Gainsbourg tenterà la carriera di Jennifer Lopez? Noi speriamo di si, ma la donna deve ancora imparare molto musicalmente parlando, e speriamo apprenda tutto dalla gente che l’ha circondata per la realizzazione di questo disco.
    IO il 25 Agosto 1970 C'ERO :cool:
  2. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4492431
    Il disco da avere del mese di Novembre 2006: Elio E Le Storie Tese - Eat The Phikis(1996)
    Siamo nel 1996: gli Elio e Le Storie Tese tornano con questo "Eat The Phikis" "promuovendolo" a San Remo dello stesso anno.

    La intro si chiama "Vincitori o Campioni?", seguita dalla famosissima "La Terra dei Cachi". Perchè vincitori o vinti? La leggenda narra che il gruppo aveva trionfato quella edizione di San Remo con "La Terra dei Cachi", ma con un trucco burocratico la vittoria fu assegnata a Ron e Tosca con "Vorrei Incontrarti Fra Cent'anni". Nonostante tutto il complesso rimane il vincitore morale indiscusso dell'edizione, in grado di salire sul palco dell'Ariston durante la serata finale vestiti da Rockets.

    "Burattino Senza Fichi" è una melodia orecchiabile accompagnata da un testo che racconta di Pinocchio alla presa con una sua nuova parte del corpo prodotta da Geppetto. Subito dopo parte "T.V.U.M.D.B.", in cui si notano le prime collaborazioni importanti dell'album, ovvero Giorgia e Demo Morselli ai fiati, già presente in "Burattino Senza Fichi". Il pezzo è un lento in cui Giorgia e Elio si dividono le parti dei protagonisti della storia narrata:la giovane che scrive sui muri del metrò e il giovane che la corteggia.

    In "Lo Stato A, Lo Stato B" gli elioni si danno all'elettronica, con un groove pazzesco composto da batteria elettronica e basso, seguiti da chitarra elettronica nel ritornello, che conclude il pezzo con un grandissimo assolo degno del migliore.
    La traccia dopo, una delle più famose dell'intera discografia, "El Pube" invece assume ritmi messicani e cubani, con Elio al flauto. "Omosessualità" invece è una cavalcata punk in grado di farti venire voglia di pogare. Elio che suona il basso, una novità per il gruppo.
    Un pezzo leggendario del gruppo è "Mio Cuggino", una canzone abbastanza cupa in cui vengono raccontate delle leggende metropolitane conosciute. Anche qui collaborazioni: Tenores di Neoneli ai cori e Aldo che interpreta Rolando. "First Me, Second Me" invece sono due canzoni in una: la prima (First me), cantano Elio e Feiez in un inglese al quanto maccheronico con un sottofondo musicale da night, ma con tutta l’ironia che li contraddistingue. Il tono cambia totalmente successivamente per Second Me (The Peak Of the Mountain), in cui addirittura canta James Taylor un lento che sorprende tutti, supportato da un piano e delle tastiere che rendono tutto il tutto magico. Nonostante tutto nel finale James Taylor conclude con una frase che rimarrà negli annali "What do you think of the my car? Is much beautiful, second me".
    "Milza" e "Li Mortacci" fanno da apripista alla gloriosa "Tapparella", in cui Elio ricorda i momenti vissuti alle feste delle medie, sorprendendo per il falsetto e il coro da stadio "Forza Panino!" e col finale di "Smoke on the Water" di "Made in Japan" dei Deep Purple, che renderà il pezzo unico nel suo genere. In "Neanche Un Minuto Non Caco" invece si torna alla "Terra Dei Cachi", però cantata in 55 secondi.

    Testi irriverenti, grandi musicisti, pezzi completamente diversi tra loro, con cambi di ritmo continui, che spaziano in diversi generi musicali e collaborazioni importanti: una miscela irresistibile che rende da sempre gli Elio e Le Storie Tese irresistibili al primo ascolto.
    IO il 25 Agosto 1970 C'ERO :cool:
  3. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4492432
    Originally posted by Torre878
    Nonostante tutto nel finale James Taylor conclude con una frase che rimarrà negli annali "What do you think of the my car? Is much beautiful, second me".


    :roll: :roll: :roll: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  4. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4492433
  5. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4492434
  6.     Mi trovi su: Homepage #4492438
    Ma una bella recensione su "Stop The Clocks" degli Oasis? Anche se sinceramente la track list non mi ha convinto al 100% e avrebbero potuto fare di meglio credo che ne valga la pena... :dance:
    [size=1][i]"Ci sono vari strumenti meccanici che aumentano l'eccitazione sessuale, specialmente nelle donne. Tra i più importanti sicuramente c'è la Mercedes-Benz 380SL." (Lynn Lavner)

    "La differenza tra un genio e uno stupido è che il genio ha de
  7. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4492439
    Originally posted by whatever81
    Ma una bella recensione su "Stop The Clocks" degli Oasis? Anche se sinceramente la track list non mi ha convinto al 100% e avrebbero potuto fare di meglio credo che ne valga la pena... :dance:
    Buona come idea:D :approved:
    IO il 25 Agosto 1970 C'ERO :cool:
  8. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4492442

  I dischi del mese di Novembre 2006

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina