1.     Mi trovi su: Homepage #4506176
    LEI: Finalmente Elfosettantasette stava per mettere il becco (aforisma che sta per appendice in quel del bassoventre) in quella che sarebbe diventata la nostra alcova. Spalancai la porta con la stessa emozione che ti da´ la prima visita dal ginecologo della mutua, ed io e il mio amato fummo investiti dall´inebriante aroma dello Spic & SPAM. Pranzammo abbarbicati nonché incastrati come una coppietta di sposi novelli in quel di Mont Matre. Inutile dirlo, l´atmosfera era già rovente. Che fosse lo spazio angusto o la quantità di cibo afrodisiaco che avevo cucinato, non lo so dire. Fatto sta che la tensione si tagliava con l´accetta, avendo più o meno la stessa consistenza del pane che avevo preparato con le mie manine. Lui annaspava felice tra le leccornie che gli proponevo, senza proferir verbo ma solo un dolcissimo accordo di baritonali vocali e cavernose consonanti che risuonava pressappoco come un "BLUARGHTHTP". Fu proprio in quell´istante, tra l´impepata di cozze al polonio e il dingo ripieno con mascarpone e papaveri selvatici, che accadde quella cosa... Mi sfiorò teneramente la mano: l´emozione mi colse alla sprovvista e fece scivolare via dalle dita il trinciapollo con cui cercavo invano di stappare il cartone di Tavernello del ´92. Forse era giunto il momento, forse la mia sete stava per essere placata da quella fresca sorgente dell´amore che tanto bramavo. La sua bocca era lì, con le sue labbra violacee e rattrappite, desiderabili quanto due prugne secche agli occhi di uno stitico. I suoi occhi, d´un castano profondo come i marroni che sfrigolavano sul fuoco, andavano lentamente velandosi di un giallognolo opaco che mi ricordava la cataratta della mia povera nonna. E il suo viso, un istante prima purpureo di passione, ripercorreva fulmineo scale di colore come rosso, viola, blu, verdastro, per poi sfumare verso un cadaverico pallore...


    LUI: Dopo aver percorso circa 45 chilometri a piedi sotto i portici di Cespugliano, raggiungiamo casa DeMedAtter. Puzzavo come uno spinone italiano dopo una battuta di caccia e il mio unico desiderio era buttarmi sotto una doccia. Niente da fare. Non appena calpestai il pavimento del suo ingresso, sentii un inquietante rumore di serratura alle mie spalle. Ero in piena "crisi dell´ostaggio". "Scusa Roby.. c´è un bagno?". "No. Ora devi mangiare". Sembrava mia nonna in preda alle sue classiche ed eccessive manie di "imposizione di ospitalità". Oltretutto avevo una vescica tesa come una zampogna la notte di Natale. "Roby, posso fare almeno una pipì volante?". "No. Mi si fredda l´impepata.. inoltre se la tua intenzione è scappare dalla finestra, sappi che le ho fatte murare per l´occasione". Glom!
    Seguirono nell´ordine: brodo di conchiglie, patè di fettuccine al burro, trionfo di affettati, simmenthal al gratin e fiori di campo in insalata. Il tutto annaffiato da un Tavernello marsalato che avrebbe fatto arricciare le dita dei piedi anche a Trinchetto, il nonno alcolizzato di Braccio di Ferro.
    Deglutivo senza respirare come quando da bambino prendevo l´Haliborange per la tosse. Arrivati al secondo non sapevo più dove nascondere il cibo.. le mie tasche erano piene di poltiglia unta, dal taschino della camicia faceva capolino una capasanta, il mio stomaco devastato stava organizzando girotondi di protesta con gli organi vicini, mi erano uscite tre herpes e mi ero anche fatto pipì addosso per l´eccessivo stress. Arrivati al dolce (frutta di marzapane grattugiata su uva passa) la mia mente stava già ripercorrendo tutta la mia vita: il primo giro in bici senza rotelle, il mio primo "Bravo" in matematica, la mia prima Kim al mentolo.. il tutto accompagnato da un´immaginaria "what a wonderful world" che fece anche da accompagnamento funebre al mio mancamento. Caddi a terra. Ancora oggi non so se ella abusò di me.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4506178
    Dallo psicanalista: "Ho sognato che, in una bella giornata di primavera, correvo felice in un prato pieno di fiori colorati, inseguendo una farfalla".
    "Evidente simbologia che denota una sessualita' distorta e perversa, non scevra da una marcata pulsione omosessuale! ... Vada avanti".
    E il paziente continuando: "Ritengo del tutto trascurabile il particolare che mi scopavo la farfalla".

    :rotfl:
  3.     Mi trovi su: Homepage #4506179
    Si racconta che durante una lezione di chimica un professore sia entrato in laboratorio con in mano un barattolo pieno di piscio dicendo: "Due buone qualità per un chimico sono ingegno e concentrazione. L'ingegno vi potrebbe far scoprire che un metodo semplice per scoprire la presenza di zuccheri nelle urine è assaggiarle".
    Detto questo mette un dito nel piscio e poi lo lecca. "Qualcuno vuole provare?".
    Uno studente che non crede che quello sia piscio ci mette dentro il dito e lo lecca, sentendo che era proprio piscio. Al che il professore continua: "La concentrazione invece vi potrebbe far scoprire che ho immerso il medio e ho leccato l'indice".

    :lol2: :lol2: :lol2:
  4.     Mi trovi su: Homepage #4506180
    Tre astronauti devono partire per lo spazio per un viaggio che durera' anni. Naturalmente visto che staranno nello spazio per tanto tempo sono liberi di portarsi quello che vogliono, per rendere meno gravoso il passare del tempo. Il primo dice che gli piacciono le donne e cosi' si porta dietro 20 donne bellissime. Il secondo dice che adora mangiare, cosi' gli riempiono l'astronave di ogni possibile alimento. Il terzo confessa di essere un patito per il fumo e cosi' gli riempiono l'astronave di sigari e sigarette. I tre partono quindi ognuno con la sua astronave. Dopo 10 anni finalmente ritorna il primo astronauta. Si apre il portellone ed escono dozzine di bambini. Gli chiedono come e' andata e lui: "Ah, veramente una bella missione".
    Dopo un po' arriva il secondo; si apre il portellone e ne esce una sfera compatta di lardo di 200 Kg che tutto contento se ne va. Dopo un po' arriva il terzo; si apre il portellone ed esce l'astronauta incazzato come una bestia. Gli chiedono com'e' andata e lui: "I CERINIIIIII".

    :mad: :furios3: :censored:


    :asd: :asd: :asd:
  5. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4506182
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Il capufficio alla segretaria biondona: "Signorina, e' libera domenica sera? ".
    "Oh, certo! ".
    "Non ha nessun impegno?".
    "Oh, no! ".
    "Bene, allora cerchi di essere puntuale lunedi' mattina! ".


    :censor: :teach:

    :asd: :asd: :asd:


    :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  6.     Mi trovi su: Homepage #4506187
    che storia :asd:

    stavo giusto cercando barzellette :cool:

    Grande festa nuziale nel salone di una villa settecentesca.
    Dopo un raffinato banchetto si aprono le danze, un'orchestra suona musica romantica e coinvolgente. Un ragazzo molto timido, seduto in disparte, nota una bellissima ragazza seduta dall'altro lato della sala; dopo numerosi tentennamenti decide che era giunto il momento di tentare il tutto per tutto e di invitarla a ballare con lui.
    Approfittando dell'intervallo tra un brano e l'altro, attraversa la sala cercando di non farsi notare, avvicina la ragazza, si schiarisce la voce e sussurra:
    "Scusami se ti disturbo, da molto tempo che ti osservo e mi piaci molto: ti andrebbe di concedermi il prossimo ballo?".
    Contro ogni ragionevole aspettativa, la ragazza va su tutte le furie e incomincia a sbraitare:
    "Cooooosa??? Ma come ti permetti??? non ci siamo mai visti prima, non ti presenti neppure e mi chiedi subito se voglio venire a letto con te????".
    Immediatamente tutta l'attenzione della sala si sposta sul ragazzo che arrossisce fino a diventare incandescente: non osa neppure chiedere spiegazioni ma, pieno di vergogna, ritorna al suo posto cercando di mimetizzarsi con gli arredi circostanti.
    Dopo un paio di minuti, la ragazza attraversa la sala e va dal ragazzo, lo avvicina e gli mormora in un orecchio:
    "Scusami per la reazione che ho avuto prima: sai, io sono una studentessa in psicologia, sto per laurearmi con una tesi sulla timidezza e l'imbarazzo, e ho pensato di sfruttare l'occasione che mi è stata offerta da questa festa per fare un po' di ricerca sul campo. Mi spiace che ne abbia fatto le spese proprio tu".
    E il ragazzo, urlando nel silenzio generale:
    "Ma sei matta??? Cento euro per un pompino?????"

    --------------------

    Mentre il marito e`gia`a letto, la moglie e`ancora al bagno a farsi un bidet. Dopo un po', appena lei arriva, lui le chiede subito di fare l'amore.
    Lei pero` rifiuta: "No. Devo restare pulita. Domani ho appuntamento con il ginecologo". Il marito sembra rassegnato, ma dopo un po' le chiede: "Non e` che per caso domattina hai appuntamento anche col dentista?"

    --------------------

    :asd:
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  7.     Mi trovi su: Homepage #4506189
    Originally posted by digital_boy84
    Mentre il marito e`gia`a letto, la moglie e`ancora al bagno a farsi un bidet. Dopo un po', appena lei arriva, lui le chiede subito di fare l'amore.
    Lei pero` rifiuta: "No. Devo restare pulita. Domani ho appuntamento con il ginecologo". Il marito sembra rassegnato, ma dopo un po' le chiede: "Non e` che per caso domattina hai appuntamento anche col dentista?"

    :asd:


    FANTASTICA!!! :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:
  8.     Mi trovi su: Homepage #4506190
    Zan, questa è ancora meglio e a tema :asd: :rotfl:

    Le annotazioni sul diario di LEI:
    Domenica sera l'ho trovato un po' strano. Ci eravamo accordati per un drink in un bar. Siccome sono stata tutto il pomeriggio con le mie amiche a far shopping, ho pensato che fosse colpa mia.... sono arrivata con un po' di ritardo; ma lui non mi ha detto nulla. Nessun commento. La conversazione non è stata un granchè, allora gli ho proposto di andare in un luogo piu tranquillo ed intimo.
    Siamo partiti verso un bel ristorante, ma lui continuava ad essere strano. Era come assente. Ho cercato di rallegrarlo, ed ho iniziato a chiedermi se poteva essere colpa mia oppure no. Gli ho chiesto se era a causa mia e lui mi ha risposto che io non c'entravo, ma non mi ha convinta. Quando tornavamo a casa, in macchina, gli ho detto che lo amavo tanto, ma lui si è limitato ad abbracciarmi senza dire parola. Non so come spiegare il suo comportamento, non ha detto nulla... non mi ha detto che anche lui mi amava... sono preoccupata di brutto! Finalmente siamo arrivati a casa; in quel momento ero convinta che lui mi volesse mollare. Ho provato a parlare, ma lui ha acceso la TV ed ha iniziato a guardarla assorto nei suoi pensieri, come cercando di annunciarmi che tutto era finito. Alla fine mi sono arresa e sono andata a letto. Ma più o meno dopo dieci minuti anche lui è venuto a letto e, con mia grande sorpresa, ha risposto alle mie carezze, e abbiamo fatto l'amore, anche se continuava ad essere distaccato, lontano da me. Ho cercato di parlare della nostra situazione un'altra volta, di quanto accaduto, ma lui si è addormentato subito. Mi sono messa a piangere, ed ho pianto per tutta la notte fino a quando mi sono addormentata anch'io. Sono quasi convinta che lui stesse pensando ad un'altra.
    La mia vita è un vero disastro.

    Le annotazioni sul diario di LUI:
    L'inter ha perso... meno male che almeno ho trombato.
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"

  asd

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina