1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4507433
    Muore Clay Regazzoni
    Una delle stelle della Ferrari

    15/12/06 18:29
    Gianclaudio Regazzoni, detto Clay, è morto questo venerdì in un incidente di macchina, vicino a Parma, secondo quanto annunciato dall’agenzia stampa ANSA. L'incidente ha coinvolto il suo veicolo, un altro, ed un camion di trasporti internazionali, sull'autostrada Milano-Bologna.

    Nato il 5 settembre 1939, a Lugano (in Svizzera), Clay fu presto adottato dall’Italia per il suo legame con la Ferrari ed il suo carattere. "Viveur, danceur, calciatore, tennista e, a tempo perso, pilota," diceva di lui Enzo Ferrari con il quale andava benissimo d’accordo.

    D’altronde Clay scrisse alcune belle pagine della storia della squadra di Maranello negli anni ’70, correndo in rosso dal ’70 al ’72 e dal ’74 al ’76. Durante quel periodo segnò quattro vittorie, tra cui una particolarmente importante a Monza, in occasione del Gran Premio d’Italia, il che gli valse definitivamente l’amore della sua seconda patria.

    Giunto ad un soffio dal titolo nel 1974, fu un eccellente compagno di squadra per Niki Lauda, prima di lasciare il Cavallino Rampante. Proseguì la sua carriera con diverse squadre, in particolare con la Williams alla quale regalò la sua prima vittoria, a domicilio – a Silverstone.

    La sua carriera si concluse brutalmente nel 1980, con un incidente a Long Beach, nella quarta gara della stagione.
    La sua macchina si schiantò contro un muro di cemento all’uscita del rettilineo di Shoreline Drive, dopo che un problema tecnico aveva bloccato il gas della monoposto.

    Rimasto paralizzato dalla vita in giù, Clay non lasciò il mondo delle corse. Creò una scuola guida per handicappati, diventò commentatore per la televisione svizzera e disputò altre gare ogni tanto grazie a delle macchine specialmente preparate per accoglierlo.

    L’intera redazione di CAPSIS International e tutto lo staff di Racing-Live.com presentano le loro più sentite condoglianze alla famiglia ed agli amici di Clay.

    ------------------------------

    L’omaggio di Luca di Montezemolo
    A Clay Regazzoni
    16/12/06 09:59

    Il Presidente della Ferrari Luca di Montezemolo ha voluto onorare la memoria di Clay Regazzoni, pilota della Ferrari per sei stagioni - dal '70 al '72, dal '74 al '76 -, perito quest'oggi in un tragico incidente ricordandolo con queste parole:

    "Con Clay Ragazzoni scompare un pilota e un uomo coraggioso e generoso che ha sempre interpretato la vita in questo modo. Lo ricordo non solo come un mio pilota in anni indimenticabili, ma anche come un vero appassionato della Ferrari. Per lui le corse erano ardimento e sfida da affrontare al limite, dal primo all'ultimo giro.
    "

    "Insieme a lui e Niki ho festeggiato il mio primo Mondiale alla Ferrari, nel 1975, e non posso dimenticare i suoi grandi successi, sulle nostre macchine sia di Formula 1 che sport."

    "E' un momento per me di grande tristezza anche perchè il suo carattere da "svizzero- napoletano" lo rendeva unico anche al di fuori delle corse e sono tantissimi i ricordi che mi tornano alla mente."

    Ferrari Press
    ---------------------------




    purtroppo non l'ho mai visto correre, in quanto all'epoca non ero ancora nato, ma so che era un grande pilota e un grand' uomo, seppure non abbia vinto titoli mondiali....
    Altri tempi erano quelli, dove le storie dei piloti erano in primo piano assieme alle gare, e dove gli uomini non si erano fatti sopraffare dalle macchine e dalla tecnologia



    RIP :( :(
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4507435
    La Carriera
    Gian-Claudio Giuseppe "Clay" Regazzoni (Mendrisio, 5 settembre 1939 - Parma, 15 dicembre 2006) è stato un ex-pilota di Formula 1, vincitore di 5 Gran Premi.

    Pilota caratterizzato da un talento istintivo e da un notevole coraggio, Regazzoni fece un debutto a sensazione con la Scuderia Ferrari nel 1970, aggiudicandosi dopo solo quattro gare il Gran Premio d'Italia e terminando il campionato al terzo posto assoluto, alle spalle del compagno di squadra Jacky Ickx e del compianto Jochen Rindt, unico campione del mondo alla memoria.


    Passato alla BRM nel 1973, Regazzoni fece squadra con Jean-Pierre Beltoise e con Niki Lauda. Proprio con quest'ultimo farà ritorno alla Ferrari l'anno successivo, formando con il direttore sportivo Luca Cordero di Montezemolo e il direttore tecnico Mauro Forghieri la base del gruppo che riporterà la scuderia di Maranello ai vertici mondiali. L'accoppiata Lauda-Regazzoni sfiorò due volte il titolo (Regazzoni lo perse per tre punti nel 1974, Lauda per uno nel 1976) e con Lauda si aggiudicò il mondiale edizione 1975.

    Passato alla neonata Ensign nel 1977 e poi alla Shadow nel 1978, Regazzoni sarà protagonista di un paio di stagioni incolori fino al 1979, anno in cui Frank Williams lo assunse nella sua squadra a fare coppia con Alan Jones. Regazzoni regalò alla squadra inglese la sua prima vittoria a Silverstone e diversi buoni piazzamenti (memorabile la piazza d'onore conquistata a Montecarlo, partendo dalle ultimissime file dello schieramento), ma nonostante questo fu allontanato in favore di Carlos Reutemann a fine stagione.

    Tornato all'Ensign, la carriera di Regazzoni terminò in seguito ad un drammatico incidente sul circuito di Long Beach nel 1980, dove rimase seriamente ferito alle gambe ed alla spina dorsale. Da allora Regazzoni, pur costretto su una sedia a rotelle, non ha abbandonato il mondo dei motori, partecipando ad alcune gare e rivelandosi un vivace commentatore sportivo, oltre che un instancabile promotore per migliorare l'inserimento dei disabili nella vita e nello sport. Un accurato resoconto della sua vita si può trovare nell'autobiografia È questione di cuore, pubblicata a metà anni Ottanta.

    Il fato ha voluto che perdesse la vita in un tragico incidente stradale in autostrada mentre si recava a Parma il 15 dicembre 2006.

  e' morto Clay Regazzoni

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina