1.     Mi trovi su: Homepage #4510105
    Per me, se non pretendono di adottare bambini, si possono sposare tranquillamente! :D

    Basta che non mettano di mezzo delle creature che per crescere hanno bisogno del papà e della mamma, non di surrogati di tali figure. :)
    [url=http://www.tombraidercast.com/Podcast/Podcast.html][/url]
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4510106
    Lucia, mi hai tolto le parole di bocca :approved:
    In ogni caso per la condivisione di una vita insieme, non vedo problermi, e' loro assoluto diritto!:yy:
    "Quando questo artefatto sprigionera' la sua furia verso il basso, le linee di giunzione del pianeta esploderanno. Jörmungandr, la serpe di Midgard si levera' sputando veleno nei cieli, e tutto il mondo verra' consumato da fuoco e cenere...Ragnarök! La settima era ci attende!"...

    Lara Croft Global Staff
  3.     Mi trovi su: Homepage #4510107
    Originally posted by Lucy
    Per me, se non pretendono di adottare bambini, si possono sposare tranquillamente! :D

    Basta che non mettano di mezzo delle creature che per crescere hanno bisogno del papà e della mamma, non di surrogati di tali figure. :)


    D'accordo aggiungendo inoltre che secondo me non dovrebbe chiamarsi "matrimonio" e non dovrebbe essere un "matrimonio" ma un contratto ai fini legali. Non dovrebbero essere chiamati coniugi nè tanto meno marito e moglie.

    ps: naturalmente il matrimonio in Chiesa non è nemmeno da prendere in considerazione!
    La Speranza ha due figli, lo sdegno e il coraggio. Il primo serve a raccontare le ingiustizie del mondo e il secondo a cambiarle...
  4.     Mi trovi su: Homepage #4510108
    Il matrimonio fra omosessuali è certamente più un riconoscimento legale, che a parer mio va permesso. Di certo non si può dare in affidamento un bambino, almeno non fin dalla nascita (già dai 12 anni andrebbe bene, ma a che servirebbe un bambino non "cresciuto" dai... genitori stessi?), perché ci sarebbe una vera e propria modifica della psicologia e, soprattutto, della mentalità. Ciò che a noi oggi sembra strano, particolare risulterebbe ad una parte della generazione futura un qualcosa di normale, talmente normale che potrebbe essere identificato con la "retta via" (ma poi, chi siamo noi per dire che non lo è?... Secondo me ci vuole un po' di libertà. Io non ho niente contro gli omosessuali, finché non mi... BUTTANO LA SAPONETTA!!! :D). Tuttavia, agli omosessuali andrebbe certamente riconosciuto il diritto di condivisione dei beni, il diritto di eredità, le visite in ospedale. Vanno riconosciuti, due omosessuali fidanzati, PARENTI, perché da questo nome derivano tante possibilità a livello legale che a due persone unite non ufficialmente sono negati. Dunque, largo consenso al matrimonio (trovo giusto chiamarlo così, poiché di quello, agli occhi dello stato, si parla) tra gay;

    Per quanto riguarda il matrimonio in Chiesa, non sarà mai possibile. L'Istituzione Ecclesiastica rappresenta il Catone del nostro periodo, l'opposizione ad ogni novità social/culturale che non la riguardi favorevolmente, pur cadendo, a volte, in contraddizioni ("Non siamo anche noi figli di Dio?", direbbe un omosessuale. "Non della Chiesa", sarebbe forse la risposta? Chi lo sa. Al futuro la risposta).
    "Il limite dell'amore è sempre quello di aver bisogno di un complice. Questo suo amico sapeva però che la raffinatezza del libertinaggio è quella di essere allo stesso tempo carnefice e vittima". (Il Duca Blangis in "Salò o le 120 giornate di Sodoma", di Pier Paolo Pasolini)
  5.     Mi trovi su: Homepage #4510109
    Il bambino non ha bisogno della figura della madre e del padre. Il bambino ha bisogno di una figura di riferimento, che siano due donne, due uomini, un uomo o una donna, non importa. In sè, la piccola creatura non soffrirebbe nell'avere due genitori dello stesso sesso, io non ci vedo assolutamente niente di male: il bambino impara dalle proprie esperienze, se all'interno della famiglia vedrà due uomini o due donne, sarà compito dei genitori spiegare, al momento opportuno, tale situazione.
    Togliamoci dalla testa l'idea che un bambino cresce a somiglianza dei genitori e che la sua vita dipende da ciò che succede in famiglia, perchè non è sempre così. Semmai potrà sentirsi "diverso", ma non è da attribuire alla relazione omosessuale dei genitori, semmai alla società retrograda che è sempre pronta a puntare il dito e a etichettare come vergognoso qualsiasi cosa sia al di fuori dallo standard comune. Il bambino avrà, purtroppo, problemi nell'inserirsi, perchè sarà da fuori che gli faranno pesare il fatto di vivere con una coppia gay, ma egli stesso non sentirà questo peso nell'armonia della famiglia.

    Inoltre non significa niente quello che molti pensano: se un bambino cresce con una coppia eterosessuale, il suo orientamento dipende dall'esempio della famiglia. Non è assoutamente vero, l'omosessualità è una condizione, una scelta, un bisogno di legarsi a qualcuno dello stesso sesso da un punto di vista sentimentale, sessuale, alchemico, che non ha niente a che fare con quanto succede tra i genitori. Per spiegare meglio, un bambino che ha una mamma e un papà non sarà necessariamente eterosessuale; uno che vedrà due papà, non sarà necesarriamente omosessuale.

    E, tanto per dire la mia, sono sicuro che due omosessuali crescerebbero un bambino molto meglio, grazie alla particolare sensibilità e all'istinto naturale di protezione, rispetto a una comune coppia eterosessuale.
  6.     Mi trovi su: Homepage #4510110
    Qui sorge dunque spontanea una domanda: è l'uomo che deve assecondare se stesso alla società, o la società che deve assecondare se stessa all'uomo?

    La società retrograda ha ancora molto tempo per mutare, in base a piccolissimi passi, che siano di comune accordo e silenziose. Lo scalpore si è sempre riferito ad una scelta individuale, per lo meno nell'ultimo secolo: una minigonna faceva scalpore; un omosessuale; un travestito: ma queste sono scelte individuali, ognuno ha deciso ciò che era e lo ha deciso per se stesso. Mai si è visto qualcuno che proiettasse lo scalpore su qualcun altro, peggio ancora se bambino. All'interno della famiglia, forse, ci sarebbe una situazione stabile... ma all'esterno?

    Inoltre, il punto di riferimento del bambino è indubbiamente un esempio, prevalentemente nei primi anni. Ti ricordo che solo una percentuale degli omosessuali lo è per un fattore genetico. Il resto, lo è per via di altri elementi, altre influenze, dai genitori, dalla società. La psicologia è un campo ancora esplorabile e complicato. Non possiamo fare affermazioni certe... né tantomeno rischiare di mutare irreversibilmente le vite di bambini, che in questo modo sarebbero cavie di un esperimento a parer mio ancora prematuro in un mondo come quello moderno.
    "Il limite dell'amore è sempre quello di aver bisogno di un complice. Questo suo amico sapeva però che la raffinatezza del libertinaggio è quella di essere allo stesso tempo carnefice e vittima". (Il Duca Blangis in "Salò o le 120 giornate di Sodoma", di Pier Paolo Pasolini)
  7.     Mi trovi su: Homepage #4510111
    Originally posted by beautifully_undone
    Il bambino non ha bisogno della figura della madre e del padre. Il bambino ha bisogno di una figura di riferimento, che siano due donne, due uomini, un uomo o una donna, non importa. In sè, la piccola creatura non soffrirebbe nell'avere due genitori dello stesso sesso, io non ci vedo assolutamente niente di male: il bambino impara dalle proprie esperienze, se all'interno della famiglia vedrà due uomini o due donne, sarà compito dei genitori spiegare, al momento opportuno, tale situazione.
    Togliamoci dalla testa l'idea che un bambino cresce a somiglianza dei genitori e che la sua vita dipende da ciò che succede in famiglia, perchè non è sempre così. Semmai potrà sentirsi "diverso", ma non è da attribuire alla relazione omosessuale dei genitori, semmai alla società retrograda che è sempre pronta a puntare il dito e a etichettare come vergognoso qualsiasi cosa sia al di fuori dallo standard comune. Il bambino avrà, purtroppo, problemi nell'inserirsi, perchè sarà da fuori che gli faranno pesare il fatto di vivere con una coppia gay, ma egli stesso non sentirà questo peso nell'armonia della famiglia.

    Inoltre non significa niente quello che molti pensano: se un bambino cresce con una coppia eterosessuale, il suo orientamento dipende dall'esempio della famiglia. Non è assoutamente vero, l'omosessualità è una condizione, una scelta, un bisogno di legarsi a qualcuno dello stesso sesso da un punto di vista sentimentale, sessuale, alchemico, che non ha niente a che fare con quanto succede tra i genitori. Per spiegare meglio, un bambino che ha una mamma e un papà non sarà necessariamente eterosessuale; uno che vedrà due papà, non sarà necesarriamente omosessuale.

    E, tanto per dire la mia, sono sicuro che due omosessuali crescerebbero un bambino molto meglio, grazie alla particolare sensibilità e all'istinto naturale di protezione, rispetto a una comune coppia eterosessuale.



    ok questo è un discorso puramente ed esclusivamente EGOISTA. La società è "arretrata" per il semplice fatto che non mette sullo stesso piano un eterosessuale con un omosessuale ma questo non equivale a considerarlo normale! L'omosessuale non è normale nemmeno per il cavolo! L'omosessualità non permette la procreazione non permette alla specie di continuare ad esistere si sta sempre di più cercando di convincere che l'omosessualità è normale ma NON è così!! L'omosessualità ci porterebbe all'estinzione! Il bambino non ha bisogno di un punto di riferimento, il bambino ha bisogno di DUE punti di riferimento una donna e un uomo, un padre e una madre. Il tuo discorso è egoista perchè due omosessuali fin dal principio se hanno fatto questa scelta hanno messo anche in discussione il fatto di non poter avere figli o comunque dovrebbero averlo messo in discussione. Se due gay potessero mantenere un figlio allora riuscirebbero anche ad averlo biologicamente ma questo non accade il che vuol dire che la natura non ha preso in considerazione questa ipotesi.

    Oh si forse il bambino non diverrà omosessuale.... FORSE! Perchè mi dispiace ma la famiglia soprattutto sulla vita di un bambino o di un adolescente conta tantissimo e influenza tantissimo. Molti dei problemi psicologici delle persone (problemi in generale) derivano da un disagio in famiglia ed infatti è questa la prima ad essere esaminata. L'educazione e la maleducazione provengono dalla famiglia e così via. E comunque se si sa che questa società è così perchè condannare un bambino? E quì si ritorna sull'egoismo. La risposta sai qual'è? Perchè tu vuoi avere un figlio che naturalmente non potresti avere... TU vuoi averlo.

    Il Signore ha creato l'uomo e la donna non per caso ma perchè così doveva essere, e per chi non crede in Dio... beh la natura ha creato l'uomo e la donna, madre e padre per un motivo ben preciso.
    La Speranza ha due figli, lo sdegno e il coraggio. Il primo serve a raccontare le ingiustizie del mondo e il secondo a cambiarle...
  8.     Mi trovi su: Homepage #4510112
    L'omosessualità NON è, e ripeto, NON E' ASSOLUTAMENTE dipendente da un fattore genetico. Questa è una leggenda metropolitana nata quando è sorto il voler giustificare questa "malattia", ma non esiste una spiegazione scientifica nè geni che determinano la preferenza sessuale dell'individuo.
    Toglietevi dalla testa questa idea. :)
  9.     Mi trovi su: Homepage #4510113
    Originally posted by Arichan
    ok questo è un discorso puramente ed esclusivamente EGOISTA. La società è "arretrata" per il semplice fatto che non mette sullo stesso piano un eterosessuale con un omosessuale ma questo non equivale a considerarlo normale! L'omosessuale non è normale nemmeno per il cavolo! L'omosessualità non permette la procreazione non permette alla specie di continuare ad esistere si sta sempre di più cercando di convincere che l'omosessualità è normale ma NON è così!! L'omosessualità ci porterebbe all'estinzione! Il bambino non ha bisogno di un punto di riferimento, il bambino ha bisogno di DUE punti di riferimento una donna e un uomo, un padre e una madre. Il tuo discorso è egoista perchè due omosessuali fin dal principio se hanno fatto questa scelta hanno messo anche in discussione il fatto di non poter avere figli o comunque dovrebbero averlo messo in discussione. Se due gay potessero mantenere un figlio allora riuscirebbero anche ad averlo biologicamente ma questo non accade il che vuol dire che la natura non ha preso in considerazione questa ipotesi.

    Oh si forse il bambino non diverrà omosessuale.... FORSE! Perchè mi dispiace ma la famiglia soprattutto sulla vita di un bambino o di un adolescente conta tantissimo e influenza tantissimo. Molti dei problemi psicologici delle persone (problemi in generale) derivano da un disagio in famiglia ed infatti è questa la prima ad essere esaminata. L'educazione e la maleducazione provengono dalla famiglia e così via. E comunque se si sa che questa società è così perchè condannare un bambino? E quì si ritorna sull'egoismo. La risposta sai qual'è? Perchè tu vuoi avere un figlio che naturalmente non potresti avere... TU vuoi averlo.

    Il Signore ha creato l'uomo e la donna non per caso ma perchè così doveva essere, e per chi non crede in Dio... beh la natura ha creato l'uomo e la donna, madre e padre per un motivo ben preciso.


    No cara, non c'è proprio niente di egoista, quindi riprenditi il termine e usalo meglio. L'adozione esiste per questo motivo, perchè anche degli eterosessuali sterili non possono avere figli, e sebbene non sia lo stesso, il punto è quello.
    Ti ricordo, mio cara, che l'adozione serve a dare una vita migliore, affetto, migliorare una condizione a un bambino che non ha la fortuna di avere una famiglia: e possono farlo benissimo degli omosessuali come degli eterosessuali.
    Che schifo, sinceramente... considerare che ci sono persone che ancora non ritengono "normale" l'omosessualità mi rattrista molto: i limiti, come vedo, sono sempre quelli. Che significa? Se una cosa non è biologicamente possibile non è normale? E poi mi spieghi un po' tu chi diavolo sei per venirmi a dare dei concetti di normalità? Per favore!
  10.     Mi trovi su: Homepage #4510114
    Il tuo mi sembra il classico giudizio di una persona che non sa niente ma vuole per forza di cose dire la sua. Un esempio? Quandi dici "se due omosessuali fanno questa scelta", allora, mia cara, ti rispondo di tacere sulle cose che tu non sai perchè non sono esperienze di vita che hai fatto, quindi non dirlo proprio. Un omosessuale non sceglie di essere omosessuale, ma semplicemente sente di essere omosessuale in un periodo della sua vita.
  11.     Mi trovi su: Homepage #4510115
    Originally posted by beautifully_undone
    No cara, non c'è proprio niente di egoista, quindi riprenditi il termine e usalo meglio. L'adozione esiste per questo motivo, perchè anche degli eterosessuali sterili non possono avere figli, e sebbene non sia lo stesso, il punto è quello.
    Ti ricordo, mio cara, che l'adozione serve a dare una vita migliore, affetto, migliorare una condizione a un bambino che non ha la fortuna di avere una famiglia: e possono farlo benissimo degli omosessuali come degli eterosessuali.
    Che schifo, sinceramente... considerare che ci sono persone che ancora non ritengono "normale" l'omosessualità mi rattrista molto: i limiti, come vedo, sono sempre quelli. Che significa? Se una cosa non è biologicamente possibile non è normale? E poi mi spieghi un po' tu chi diavolo sei per venirmi a dare dei concetti di normalità? Per favore!


    Senti se non vuoi che la genta ti risponda scrivi su un blog e non su un forum perchè su un forum non è detto che la gente la pensi come te.
    La Speranza ha due figli, lo sdegno e il coraggio. Il primo serve a raccontare le ingiustizie del mondo e il secondo a cambiarle...
  12.     Mi trovi su: Homepage #4510117
    Originally posted by beautifully_undone
    Ho detto questo? Non mi pare, quindi non cominciare a fare la vittima, per favore. Rispondi come ti pare, ma se rispondi da acida ti tieni la risposta acida.


    non mi pare di aver risposto acidamente mi sembra sia stato tu ad aggredirmi e cmq vittima? ma dov'è che ho fatto la vittima?! Ahhhh per l'ultima frase che ho scritto... ahhhh si si quello è fare la vittima!
    La Speranza ha due figli, lo sdegno e il coraggio. Il primo serve a raccontare le ingiustizie del mondo e il secondo a cambiarle...

  E per i matrimoni gay?

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina