1.     Mi trovi su: Homepage #4520520
    dalla gazzetta


    Cassano all'Inter? "No grazie"
    Lo spogliatoio nerazzurro contrario all'ingaggio del barese del Real Madrid. Con cinque attaccanti già a disposizione di Mancini, l'arrivo di Cassano si potrebbe rivelare una scommessa rischiosa

    MILANO, 12 giugno 2007 - Rispettato, apprezzato tecnicamente, ma non desiderato, almeno per il momento: è questo il pensiero dello spogliatoio nerazzurro riguardo ad Antonio Cassano. Alla Pinetina nessuno ha voglia di rimettere in discussione equilibri ormai consolidati o di intaccare un gruppo vincente, solido, affiatato. Soprattutto a metà stagione, con la squadra saldamente in testa al campionato, praticamente in semifinale di coppa Italia e in piena corsa anche in Champions League.

    "MINA VAGANTE" - Le considerazioni della banda Mancini sono inattaccabili: Cassano non è un giocatore qualsiasi, se lo prendi lo devi far giocare. E con cinque punte di livello mondiale già a disposizione, il talento di Bari Vecchia diventerebbe un’autentica mina vagante. Di sicuro il suo acquisto non avrebbe un effetto "benefico" all’interno di un reparto che quasi miracolosamente ha saputo fare gruppo. Ibra, Adriano, Crespo, Cruz e Recoba, infatti, nonostante gli spazi inevitabilmente limitati non sono mai stati protagonisti di una polemica.

    REPARTO COMPATTO - I cinque si rispettano, tra alcuni di loro c’è oltretutto un rapporto non solo di stima, ma anche di amicizia. A turno si sono resi utili tutti, e chi ha giocato di più non ha mai fatto mancare una parola di incoraggiamento nei confronti di chi invece restava fuori. Cruz e Recoba sono gli uomini che nel momento più delicato hanno suonato la carica in Europa, Ibra è il «fenomeno», Crespo il cecchino e Adriano il bomber ritrovato, il vero acquisto invernale di casa Moratti, l’uomo che potrebbe rivelarsi decisivo in questa seconda parte di stagione. E allora perché rischiare di creare "turbative" proprio quando si è a un passo dal vincere anche la scommessa-Adriano?

    MORATTI STA COL GRUPPO - E il primo a voler «intascare» questa scommessa dovrebbe essere proprio Massimo Moratti, che anche nei momenti peggiori non ha mai scaricato il 24enne ragazzo di Rio. C’è poi un discorso puramente tecnico. Di solito si interviene a metà stagione solo in caso di necessità assoluta, di "buchi" dal punto di vista tattico, di infortuni gravi che obbligano a prendere in considerazione il mercato. Nulla che oggi riguardi l’Inter di Mancini: nel giro di due settimane, tra l’altro, torneranno a disposizione pure Cruz e Recoba.

    NESSUN VANTAGGIO - Insomma, pur avendo qualità eccezionali, Cassano aggiungerebbe pochissimo dal punto di vista tecnico al reparto offensivo dell’Inter. Anzi, il barese entrerebbe in un certo senso in competizione con Ibrahimovic, a meno di un cambio di rotta tattico da parte di Mancini. Cosa non consigliabile visti i risultati. E’ questo il pensiero di gran parte dello spogliatoio nerazzurro, che preferirebbe perlomeno rinviare l’eventuale "operazione Cassano".

  Cassano all'Inter? "No grazie"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina