1.     Mi trovi su: Homepage #4522992
    I risultati saranno resi noti soltanto oggi. L'attaccante rischia una lunga squalifica.

    Saranno resi noti oggi i risultati delle contronalisi richieste da Marco Borriello, che dopo Milan-Roma era stato trovato positivo a prednisone e prednisolone, due corticosteroidi. Come di norma accade, le controanalisi confermerebbero il primo verdetto di positività. A questo punto il milanista rischia una lunga squalifica e comunque dovrà seguire davanti alla giustizia sportiva una linea difensiva un po' più concreta di quelle di cui si è parlato finora. A parlare, per la verità, più che il ragazzo è stata la fidanzata Belen, che ha raccontato di alcuni farmaci da lei usati per combattere una infezione vaginale: i farmaci sarebbero passati nel sangue dell'attaccante attraverso rapporti sessuali non protetti.

    Una tesi simile a quella usata in passato da un altro atleta che, trovato positivo ad una sostanza, si difese affermando di averla assunta in un rapporto sessuale. Gli andò bene, ma si trattava di una sostanza diversa e soprattutto non furono trovati nelle sue urine metaboliti che potevano essere creati solo attraverso il fegato e quindi con un'assunzione diversa da quella delle papille gustative. Borriello potrebbe trovarsi in questo guaio per alcuni medicinali somministrati dal dentista nei giorni precedenti la partita. Farmaci che restano nel sangue non più di 48 ore, quindi sarebbe bastato smettere di prenderli al momento giusto per non incorrere in spiacevoli incidenti. Meglio ancora sarebbe stato dichiararli, cosa che Borriello probabilmente non ha fatto per negligenza.

  Le controanalisi non salvano Borriello

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina