1.     Mi trovi su: Homepage #4525125
    "Il gol di Ibrahimovic? La decisione della terna e' giusta"

    ROMA, 22 GEN - "L'impressione e' ottima, sotto tutti i punti di vista": il n.1 Aia Gussoni promuove l'esperimento delle terne arbitrali con gli auricolari. Presto potrebbero venire altri aiuti dalla tecnologia, dice Gussoni che giudica interessante il lavoro fatto da Agnolin per le telecamere dietro alle porte. Gussoni poi risponde alle polemiche della Fiorentina per il gol di Ibrahimovic: "E' stata una decisione immediata della terna. Questo ha convinto i giocatori che era quella giusta".
  2.     Mi trovi su: Homepage #4525126
    Moviola, Behrami graziato

    Nella giornata d'esordio dell'auricolare che collega arbitro ad assistenti e quarto uomo sviste importanti in Lazio-Milan (il biancazzurro meritava il rosso per un fallo su Gila) e Livorno-Roma

    MILANO, 22 gennaio 2007 - E’ la prima giornata con tutti gli arbitri italiani collegati ad assistenti e quarto uomo con microfono e auricolare. Mezzi tecnici di supporto utili, ma non bastano per evitare errori di valutazione diretta da parte degli arbitri: i più importanti in Livorno-Roma e in Lazio-Milan. Sbavature in Inter-Fiorentina.

    LAZIO-MILAN 0-0- Pandev cade e Jankulovski inavvertitamente gli pesta la mano: il laziale si riprende subito. Gattuso arriva in ritardo e con la gamba va su quella di Mutarelli: gli chiede scusa dieci volte. Ammonito Bonera che a centrocampo stende Rocchi. Entrataccia col piede a martello di Behrami sulla tibia e poi sulla caviglia di Gilardino che rischia tantissimo la rottura della gamba: Saccani pur vicino fischia il fallo contro il milanista per il fuorigioco, che c’è. Ma lo svizzero meriterebbe l’espulsione diretta. E’ l’intervento più brutto della giornata. E ci vuole l’allenatore della Lazio Delio Rossi per far uscire il sostituto di Oddo con una sostituzione

    CATANIA-CAGLIARI 0-1 - Fatale per Minelli un tocco col piede destro sul ginocchio sinistro di Suazo: Rosetti pesca il rigore-partita. L’arbitro potrebbe assegnarne uno anche al Catania quando Fortin in uscita manca il pallone e prende Mascara: vero che il pallone è ormai andato, ma il tocco c’è. Fa bene l’arbitro del mondiale a considerare involontario in tocco di mano su tiro di Pisano: Bianco è quasi girato. L’assistente Lanciano con l’auricolare segnala un corner per il Catania: sulle prime sfugge una deviazione della difesa sarda. Rischia Conti per una gomitata a Corona.

    EMPOLI-SAMPDORIA 2-0 - Raggi trattiene Delvecchio: potrebbe starci il rigore, non darlo non è clamoroso, però Marelli imputa un fallo a Delvecchio che non si vede. Annullato un gol a Saudati per spinta di Almiron a Palombo. Sala entra su Vannucchi e lo prende sulla gamba di ritorno: l’arbitro di Como vede bene e fischia rigore. Flachi va a terra: tocco veniale. Vero che sta vincendo, però Matteini merita un encomio: vede Flachi a terra e rinuncia al contropiede per far soccorrere l’avversario.

    INTER-FIORENTINA 3-1 - Morganti e l’assistente Copelli vedono bene la posizione di Toni su punizione di Liverani: tenuto in gioco da Burdisso, il suo 0-1 è regolare. Gamberini strattona Adriano che a sua volta un po’ trattiene, ma la Fiorentina rischia il rigore. Regolare l’1-1 di Stankovic: non c’è fallo in partenza su Donadel. La Fiorentina contesta molto la punizione che porta al 2-1: Liverani e Vieira intervengono sulla stessa palla, Morganti non dà ragione a chi difende, ma a chi attacca, forse perché vede Liverani entrare con la gamba alta. Fallo di Materazzi su Jorgensen, la Fiorentina chiede rigore, l’arbitro non fischia, ma il fallo avviene fuori area. Toni commette fallo su Materazzi che reagisce con un calcetto: l’arbitro perdona. Rischia molto di più Ibrahimovic che dà un calcio nel sedere a Donadel. Non c’è la certezza assoluta sul 3-1, ma sul secondo tocco di Ibrahimovic sembra che effettivamente Frey pari quando la palla è già dentro per un pelo. Copelli non ha dubbi e assegna il gol. Stankovic colpito alla testa da una bottiglia in plastica di Coca Cola mezza piena lanciata dalla parte di anello occupata dai tifosi della Fiorentina: non c’è rischio di squalifica del campo, in trasferta è più difficile controllare i sostenitori, ma per fortuna l’interista assorbe bene la botta. Sfugge un fallo di Gamberini su Materazzi.

    LIVORNO-ROMA 1-1- Ayroldi assegna rigore al Livorno per una trattenuta di Ferrari a Lucarelli che un po’ accentua: la tirata per la maglia avviene fuori area, prosegue fino al limite e una volta entrato in area Lucarelli va giù. Sarebbe più opportuna una punizione da fuori o nulla. Meriterebbe un rigore anche il Livorno: Mexes è vicino sul cross di Lucarelli, ma allarga proprio il braccio. Nel finale l’espulsione di Totti. Galante recupera un pallone e per difenderlo da Totti che sta piombando allarga il gomito e colpisce il romanista più sul petto che sul viso. Totti si arrabbia e reagisce, andando a colpire Galante da dietro con la mano: vorrebbe forse sul collo, ma prende la spalla. Ayroldi prende in mano il cartellino giallo. Lo mostra a Galante, poi chiama Totti per fare altrettanto, ma il romanista tarda a venire da lui, anzi non lo fa proprio e alla fine il cartellino alzato è quello rosso. Totti va dall’assistente Nicoletti a protestare, l’ufficiale di gara sbaglia a poggiargli una mano sul petto di fronte alla quale il romanista protesta ancora di più. Uscendo, Totti spinge e fa cadere a terra anche il fisioterapista personale Vito Scala che cerca di accompagnarlo verso la panchina sforzandosi di calmarlo. Se Ayroldi scrive anche questo in una certa maniera Totti può rischiare una giornata in più: la giustizia sportiva punisce anche i comportamenti poco sportivi verso compagni o tesserati della propria società. Vedendo l’azione in tv, la decisione migliore sarebbe quella di due rossi: per Galante e Totti.

    PARMA-TORINO 1-0 - Il Parma meriterebbe rigore: Brevi ostacola Couto. Ne chiede uno a Mazzoleni anche il Torino, ma qui l’arbitro vede meglio: su cross di Comotto il tocco di braccio di Castellini appare involontario.

    SIENA-CHIEVO 2-1 - Rinaudo dà una gomitata a Pellissier che sfugge a Gervasoni.

    UDINESE-MESSINA 1-0 - Zapata controlla Iliev, cade e colpisce con la mano: Ciampi considera il tocco involontario, ma restano forti dubbi. Barreto forse è toccato da Giallombardo, ma cade accentuando molto e l’arbitro non fischia rigore.

    ASCOLI-ATALANTA 1-3- Potrebbe saltar fuori il rigore per il contatto tra Adriano e Paolucci, ma la scelta di Farina di non concederlo non è clamorosa. Piuttosto, sbaglia l’arbitro ad ammonire il giocatore dell’Ascoli per simulazione. Rischia il rosso Melara che stende Doni che ha una chiara occasione da gol. Farina ammonisce perché Nastase sta recuperando, ma il momento del fallo la situazione è un’altra.

    REGGINA-PALERMO 0-0- Tocco di Caracciolo, ma involontario. Bertini valuta esattamente.

  Gussoni promuove gli auricolari

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina