1.     Mi trovi su: Homepage #4533796
    dal corriere on line

    Gorbaciov: salvate l'insegnante pirata
    Appello dell'ex presidente russo a Bill Gates: interceda per non far arrestare un prof russo, reo di avere una copia piratata di Windows


    MOSCA – La violazione del copyright è perseguita dalla legge anche in Russia. Ma Alexander Ponosov, insegnante presso una scuola media di un paesino nella regione di Perm, negli Urali, non lo sapeva. Perlomeno questo è stato ciò che l'uomo ha dichiarato quando è stato accusato di pirateria dalle autorità russe per aver utilizzato una copia non autorizzata di Windows durante le sue lezioni. Ma la legge non ammette ignoranza, si sa, e ora Posonov rischia di essere deportato in un gulag siberiano, dove dovrebbe scontare un minimo di 5 anni di prigionia. A meno che Bill Gates in persona non interceda per lui, salvandolo.

    DIFENSORI ECCELLENTI – La vicenda dell'insegnante russo ha infatti attirato l'attenzione pubblica e – come racconta Cnn – ha perfino spinto Vladimir Putin e Mikhail Gorbaciov a schierarsi in sua difesa chiedendo che la condanna sia annullata. L'ex leader sovietico, in particolare, ha scritto una lettera aperta al numero uno di Microsoft (pubblicata sul sito internet della sua fondazione www.gorby.ru) domandandogli appunto di mettere una buona parola a favore di "un insegnante che ha dedicato tutta la sua vita all'educazione dei ragazzi, e che riceve per questo uno stipendio modesto, che non può essere paragonato ai redditi dei dipendenti di un'azienda come la sua".

    UN GESTO NOBILE – «Abbiamo il pieno rispetto per il lavoro dei programmatori di Microsoft – recita ancora l'appello di Gorbaciov a Gates – e non mettiamo in alcun modo in discussione il principio della punibilità di chi viola la proprietà intellettuale». Ma il nobel russo considera quello di Posonov un caso particolare, «meritevole di un gesto nobile che sarebbe di sicuro percepito con entusiasmo da tutti coloro che in Russia utilizzano i prodotti Miscrosoft».

    IL RIFIUTO – Ma da Redmond nessuno sconto. L'appello di Gorbaciov a quanto pare non è riuscito a muovere a pietà l'animo del presidente della società, che non solo ha lodato l'eccellente lavoro dei tutori del copyright russi, ma ha anche dichiarato che quello commesso da Posonov altro non è che un crimine, e che quindi è giusto perseguirlo come tale. «Siamo sicuri che la Corte russa prenderà la giusta decisione» ha concluso Gates, laconico.
    Alessandra Carboni

  Gorbaciov: salvate l'insegnante pirata

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina