1.     Mi trovi su: Homepage #4535823
    Ma... cosa ne pensano gli inglesi di quel che accade qui e come si sta sviluppando il modello inglese?

    Ciao Lorenzo,
    ti scrivo per rispondere ai molti commenti dei politici e dei giornalisti letti gli ultimi giorni riguardo la situazione attuale in Italia. Sembra che ci sia tra loro l'unanime decisione che la via da seguire sia il modello inglese. Ciò sembra venga fatto guardando alla circostanza che c'è poca violenza negli stadi britannici, senza però guardare il quadro più ampio, che si è manifestato nel calcio e nella società nel loro insieme.
    L'ironia è che mentre le autorità italiane stanno ribadendo il loro desiderio di seguire il modello inglese, le autorità britanniche e i media stanno finalmente ammettendo che sono andati troppo oltre nei cambiamenti che hanno fatto negli ultimi 20 anni. Le due grandi campagne che attualmente ci sono in Inghilterra sono quelle per la reintroduzione di aree dove poter stare in piedi e la riduzione dei prezzi eccessivamente alti che i tifosi pagano per i biglietti. Queste sono due delle maggiori ragioni per le quali vasti spazi vuoti di seggiolini sono ormai comunemente visibili negli stadi inglesi, quale risultato delle povere o ormai non più esistenti atmosfere. Tutto ciò, in uno con servizi d'ordine fin troppo zelanti della Polizia e degli stewards, con molti tifosi innocenti che hanno ricevuto lunghe diffide, è il motivo che ha fatto definitivamente decidere a molte persone di non andare più allo stadio.
    E qui è la vera ironia: gli Inglesi non hanno mai risolto il problema!! Ogni notte, giovani minorenni incappucciati che sono disaffezionati verso la società bighellonano agli angoli delle strade bevendo, fumando e provocando disordini. Le serate nei bar e nei club presto si trasformano in battaglie ubriache tra bande di giovani che si scontrano tra loro e la polizia, quale conseguenza del basso costo dell'alcool. Di sera, i nostri centri cittadini sono i più violenti d'Europa, una situazione che è molto più difficile da prevedere e contenere rispetto ai tifosi di calcio. Non abbiamo mai risolto il problema, semplicemente lo abbiamo spostato da un'area ad un'altra, dagli stadi alle strade.
    Le autorità inglesi hanno virtualmente sradicato l'hooliganismo dagli stadi, ma il modello inglese è un tipo di modello difficilmente ricreabile in un'altra nazione. Il principale scopo degli hooligans era combattere contro i tifosi avversari. Quando l'ultimatum arrivò dalle autorità, sono stati gradualmente eliminati per via di drastici cambiamenti. I maggiori cambiamenti in Inghilterra sono derivati direttamente dopo i disastri dell'Heysel, Bradford e Hillsborough, sicché quando le autorità decisero di agire ci fu una opposizione assai scarsa.
    Ma le autorità inglesi non hanno mai dovuto combattere contro gli Ultras. Gli hooligans, anche se organizzati, non sono mai stati militarizzati come gli Ultras in Italia.
    E mentre gli hooligans hanno portato principalmente violenza, gli Ultras hanno fatto molto di più. L'atmosfera, il colore, le coreografie e il costante sostegno per le loro squadre hanno influenzato i tifosi attraverso l'intero continente e per tutto il mondo. Quando le autorità in Italia decideranno di dar corso all'azione decisa, è necessario che stiano molto attente al porsi dei limiti, in modo di non distruggere qualsiasi altra cosa che rende i tifosi Italiani i migliori d'Europa.
    Un saluto,
    David, Norwich.
    asromaultras.org
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #4535824
    condivido c'è solo una cosa

    quello che è accaduto in inghilterra nn era per debellare la violenza per sempre

    era un discorso prettamente privato ed aziendale

    bisognava eliminare la violenza degli stadi.....perchè le squadre erano aziende e all'interno della propria azienda nn ci dovevano essere problemi

    e come pretendere dalla telecom che dentro i loro uffici nn ci sia violenza...giusto ma mica la telecom deve risolvere anche la violenza per le strade??

    quindi i discorso quale è in tutto questo

    bene le società che hanno liberato gli stadi dalla violenza


    male lo stato che nn è capace di eliminare la violenza dalle strade



    io nn riesco a capire perchè si cerca sempre di accomunare le 2 questioni come se fosse una cosa sola

    le società devono far si che negli stadi sia tutto tranquillo e a norma per il bene delle persone che le pagano per avere un servizio e per il bene loro

    lo stato poi deve gestire ciò che accade nelle strade

    ma nn perchè nelle strade ci sono i violenti allora ciò significa...vabbe riportiamoli nello stadio va
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  3. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4535825
    Originally posted by RECO
    Ma... cosa ne pensano gli inglesi di quel che accade qui e come si sta sviluppando il modello inglese?

    Ciao Lorenzo,
    ti scrivo per rispondere ai molti commenti dei politici e dei giornalisti letti gli ultimi giorni riguardo la situazione attuale in Italia. Sembra che ci sia tra loro l'unanime decisione che la via da seguire sia il modello inglese. Ciò sembra venga fatto guardando alla circostanza che c'è poca violenza negli stadi britannici, senza però guardare il quadro più ampio, che si è manifestato nel calcio e nella società nel loro insieme.
    L'ironia è che mentre le autorità italiane stanno ribadendo il loro desiderio di seguire il modello inglese, le autorità britanniche e i media stanno finalmente ammettendo che sono andati troppo oltre nei cambiamenti che hanno fatto negli ultimi 20 anni. Le due grandi campagne che attualmente ci sono in Inghilterra sono quelle per la reintroduzione di aree dove poter stare in piedi e la riduzione dei prezzi eccessivamente alti che i tifosi pagano per i biglietti. Queste sono due delle maggiori ragioni per le quali vasti spazi vuoti di seggiolini sono ormai comunemente visibili negli stadi inglesi, quale risultato delle povere o ormai non più esistenti atmosfere. Tutto ciò, in uno con servizi d'ordine fin troppo zelanti della Polizia e degli stewards, con molti tifosi innocenti che hanno ricevuto lunghe diffide, è il motivo che ha fatto definitivamente decidere a molte persone di non andare più allo stadio.
    E qui è la vera ironia: gli Inglesi non hanno mai risolto il problema!! Ogni notte, giovani minorenni incappucciati che sono disaffezionati verso la società bighellonano agli angoli delle strade bevendo, fumando e provocando disordini. Le serate nei bar e nei club presto si trasformano in battaglie ubriache tra bande di giovani che si scontrano tra loro e la polizia, quale conseguenza del basso costo dell'alcool. Di sera, i nostri centri cittadini sono i più violenti d'Europa, una situazione che è molto più difficile da prevedere e contenere rispetto ai tifosi di calcio. Non abbiamo mai risolto il problema, semplicemente lo abbiamo spostato da un'area ad un'altra, dagli stadi alle strade.
    Le autorità inglesi hanno virtualmente sradicato l'hooliganismo dagli stadi, ma il modello inglese è un tipo di modello difficilmente ricreabile in un'altra nazione. Il principale scopo degli hooligans era combattere contro i tifosi avversari. Quando l'ultimatum arrivò dalle autorità, sono stati gradualmente eliminati per via di drastici cambiamenti. I maggiori cambiamenti in Inghilterra sono derivati direttamente dopo i disastri dell'Heysel, Bradford e Hillsborough, sicché quando le autorità decisero di agire ci fu una opposizione assai scarsa.
    Ma le autorità inglesi non hanno mai dovuto combattere contro gli Ultras. Gli hooligans, anche se organizzati, non sono mai stati militarizzati come gli Ultras in Italia.
    E mentre gli hooligans hanno portato principalmente violenza, gli Ultras hanno fatto molto di più. L'atmosfera, il colore, le coreografie e il costante sostegno per le loro squadre hanno influenzato i tifosi attraverso l'intero continente e per tutto il mondo. Quando le autorità in Italia decideranno di dar corso all'azione decisa, è necessario che stiano molto attente al porsi dei limiti, in modo di non distruggere qualsiasi altra cosa che rende i tifosi Italiani i migliori d'Europa.
    Un saluto,
    David, Norwich.
    asromaultras.org



    davvero un ottimo articolo che piega bene cosa è il "modello inglese" modello assolutamente da non seguire e che qualcuno spieghi anche da dove nasce il movimento ACAB.... visto che ingorantoni informatori di mediaset lo davano come un gruppo di ultrà del Livorno!! :rolleyes:
  4.     Mi trovi su: Homepage #4535826
    Originally posted by wfw
    davvero un ottimo articolo che piega bene cosa è il "modello inglese" modello assolutamente da non seguire e che qualcuno spieghi anche da dove nasce il movimento ACAB.... visto che ingorantoni informatori di mediaset lo davano come un gruppo di ultrà del Livorno!! :rolleyes:


    L'ACAB è un movimento nato in inghilterra a metà degli anni 80 da un gruppo punk inglese, che ora non mi ricordo bene come si chiami, mi pare 4 Skins, un gruppo skinhead che cantava questa canzone ACAB che non è altro che l'acronimo di All Cops Are Bastards (trad. tutti i poliziotti sono bastardi) (quello di cui è seguace Simo Juve tanto per intenderci). E' partito dall'inghilterra ma ha spopolato in tutto il mondo, in Italia è arrivato soprattutto grazie (o per colpa) del G8 di Genova. Da allora anche le curve si sono riempite di questi personaggi il cui unico scopo sembra quello di colpire l'uomo in divisa considerandolo come emblema di una qualche ingiustizia. non c'entrano nulla col calcio, infatti si infiltrano in qualsiasi manifestazione e scrivono i loro motti sui muri, ma hanno trovato terreno fertile nelle curve, quella terra di nessuno che ha permesso a questa gente di moltiplicarsi.
  5. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4535829
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    poi mi porti un articolo scritto a asromaultras.org, è come se uno scrivesse qualcosa contro Berlusconi al Manifesto o all'Unità e io dovrei prenderlo per verità assoluta? :asd:



    :rolleyes: :rolleyes:


    magari è gente che ci vive in Inghilterra!! :rolleyes:


    e non è tanto lontano dalla relatà: biglietti costosissimi, alcool e risse non negli stadi ma + in la, repressione ovunque.


    Fin tanto si sente solo studio aperto è difficile da recepire!

    Altri mondi e vie di informazioni sono possibili.;)
  6.     Mi trovi su: Homepage #4535830
    Originally posted by ScudettoWeb
    Un saluto delirante, direi. :asd:
    sara' anche delirante ma io in una settimana di Londra senza muovermi dal centro ho visto piu' di un episodio simile con giovani (singoli ed in gruppo) parecchio ubriachi ed alcuni anche abbastanza molesti :)
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te
  7. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4535831
    Originally posted by lallo
    sara' anche delirante ma io in una settimana di Londra senza muovermi dal centro ho visto piu' di un episodio simile con giovani (singoli ed in gruppo) parecchio ubriachi ed alcuni anche abbastanza molesti :)


    in Iralnda è anche peggio!!


    ragazzi tenuti nell'ingoranza collettiva e accerchiati da pubblicità di alcool e birre... già a pomeriggio sono devastati... alcuni addirittura (scena vista a Belfast) buttati in un cimitero pronti a romperti i maroni appena passi....
  8. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4535832
    Originally posted by lallo
    sara' anche delirante ma io in una settimana di Londra senza muovermi dal centro ho visto piu' di un episodio simile con giovani (singoli ed in gruppo) parecchio ubriachi ed alcuni anche abbastanza molesti :)


    Questo non lo discuto. Ma stiamo cercando di mettere ordine nel calcio o di cambiare il tessuto sociale? Le critiche al sistema sarebbero:
    a) Che adesso dopo anni di funzionamento lo cambiano per ammorbidirlo un po'. Come dire che visto che noi siamo in una situaziona drammatica dovremmo ammorbidirci perché lo fa chi invece è messo bene.
    b) Che c'è violenza lontano dallo stadio. Embeh? Che novità è, da noi lontano dallo stadio ammazzano i ragazzini in motorino durante un agguato mafioso. Il problema contingente è sistemare la violenza negli stadi, non trasformare il Paese nel mondo dei balocchi. A quello dovrà pensare successivamente lo Stato.
    c) C'è una velata, neanche troppo, esaltazione del modello violento italiano. Occhio, dice, che se invece che mettere in galera gli assassini mettete in galera anche quelli che "solo" tirano oggetti esplosivi o infiammati distruggete il calcio. Ma de che? Ma che venissero presi anche quelli che tirano UN sasso.
  9.     Mi trovi su: Homepage #4535833
    per me si sta cercando di sviare il problema. Io l'ho ripetuto più di una volta: se i casini fossero successi fuori dallo stadio e basta, in centro per esempio, non saremo arrivati a questo problema. Gli scontri sono successi sotto lo stadio Massimino e gli aggressori si erano nascosti tra gli ultrà, senza contare che è stata buttata roba anche dalle gradinate. Prima cosa togliamogli lo spazio a queste persone. Visto che i gruppi organizzati non ci sono riusciti bisogna farlo in qualche altra maniera. Innanzitutto per permettere a chi interessa VERAMENTE il calcio di poter assistere ad una partita e non ad una guerriglia urbana.
    Esempio: Inter-Atalanta di fine 2006. Atalanta in vantaggio, Inter che ribalta la situazione, tifosi atalantini che lanciano di tutto in campo, persino una spranga che se non si infilava nella rete colpiva in testa Julio Cesar. Mia soluzione? Sospensione definitiva della partita, 3 a 0 a tavolino per l'Inter, mai più biglietti per le trasferte ai gruppi organizzati atalantini. Ho portato questo esempio perchè ero presente allo stadio e la partita è stata sospesa per più di 5 minuti. Come in Catania - Palermo. Il primo a lanciare un qualcosa è stato un tifoso del Palermo? Niente più biglietti per le trasferte al Palermo :) A meno che i tifosi o dell'atalanta o del palermo denuncino di loro spontanea volontà chi ha tirato l'oggetto in campo.
  10. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4535834
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    per me si sta cercando di sviare il problema. Io l'ho ripetuto più di una volta: se i casini fossero successi fuori dallo stadio e basta, in centro per esempio, non saremo arrivati a questo problema. Gli scontri sono successi sotto lo stadio Massimino e gli aggressori si erano nascosti tra gli ultrà, senza contare che è stata buttata roba anche dalle gradinate. Prima cosa togliamogli lo spazio a queste persone. Visto che i gruppi organizzati non ci sono riusciti bisogna farlo in qualche altra maniera. Innanzitutto per permettere a chi interessa VERAMENTE il calcio di poter assistere ad una partita e non ad una guerriglia urbana.
    Esempio: Inter-Atalanta di fine 2006. Atalanta in vantaggio, Inter che ribalta la situazione, tifosi atalantini che lanciano di tutto in campo, persino una spranga che se non si infilava nella rete colpiva in testa Julio Cesar. Mia soluzione? Sospensione definitiva della partita, 3 a 0 a tavolino per l'Inter, mai più biglietti per le trasferte ai gruppi organizzati atalantini. Ho portato questo esempio perchè ero presente allo stadio e la partita è stata sospesa per più di 5 minuti. Come in Catania - Palermo. Il primo a lanciare un qualcosa è stato un tifoso del Palermo? Niente più biglietti per le trasferte al Palermo :) A meno che i tifosi o dell'atalanta o del palermo denuncino di loro spontanea volontà chi ha tirato l'oggetto in campo.



    in un altro celebre inter atalanta i boys hanno lanciato un motorino!! dico UN MOTORINO!!! E CHE minkia si è fatto??

    e sopratutto come può passare un motorino?? ok la colpa è dei dementi che l'hanno portato su??

    me è solo loro la responsabilità?? o di chi l'ha fatto passare?? così come le spranghe non sono cose invisibili... e allora... se io non LAVORO bene vengo allontanato dal mio posto di lavoro..

    forse c'è davvero qualcosa che non va da ambo le parti!! Squarciamo questo velo di ipocrisia e diamo le giuste respèonsabilità a chi lo stadio lo vive o lo gestice o ci lavoro, perchè le fdo non sono li come volontari... se io vedo uno che porta al secondo anello uno SCOOTER lo DEVO bloccare!!
  11.     Mi trovi su: Homepage #4535835
    Originally posted by wfw
    in un altro celebre inter atalanta i boys hanno lanciato un motorino!! dico UN MOTORINO!!! E CHE minkia si è fatto??

    e sopratutto come può passare un motorino?? ok la colpa è dei dementi che l'hanno portato su??

    me è solo loro la responsabilità?? o di chi l'ha fatto passare?? così come le spranghe non sono cose invisibili... e allora... se io non LAVORO bene vengo allontanato dal mio posto di lavoro..

    forse c'è davvero qualcosa che non va da ambo le parti!! Squarciamo questo velo di ipocrisia e diamo le giuste respèonsabilità a chi lo stadio lo vive o lo gestice o ci lavoro, perchè le fdo non sono li come volontari... se io vedo uno che porta al secondo anello uno SCOOTER lo DEVO bloccare!!

    ma stavi pensando che il mio fosse un discorso di parte? No assolutamente, ho portato quell'esempio perchè c'ero e posso testimoniare di persona :)
    Non trovi da parte mia resistenza o contrarietà in quello che hai detto, assolutamente. Per me doveva essere sospesa la partita anche in quel momento. E 3 a 0 a tavolino per l'atalanta :)

    ma questo non cambia il mio modo di vedere. Nel momento in cui le cose si mettono così: "tu mi tagli i viveri, io ti faccio squalificare il campo" non vanno più benee bisogna eliminare alla radice questo problema. Come? Togliendo i gruppi organizzati.
  12.     Mi trovi su: Homepage #4535836
    Originally posted by ScudettoWeb
    Questo non lo discuto. Ma stiamo cercando di mettere ordine nel calcio o di cambiare il tessuto sociale? Le critiche al sistema sarebbero:
    a) Che adesso dopo anni di funzionamento lo cambiano per ammorbidirlo un po'. Come dire che visto che noi siamo in una situaziona drammatica dovremmo ammorbidirci perché lo fa chi invece è messo bene.
    b) Che c'è violenza lontano dallo stadio. Embeh? Che novità è, da noi lontano dallo stadio ammazzano i ragazzini in motorino durante un agguato mafioso. Il problema contingente è sistemare la violenza negli stadi, non trasformare il Paese nel mondo dei balocchi. A quello dovrà pensare successivamente lo Stato.
    c) C'è una velata, neanche troppo, esaltazione del modello violento italiano. Occhio, dice, che se invece che mettere in galera gli assassini mettete in galera anche quelli che "solo" tirano oggetti esplosivi o infiammati distruggete il calcio. Ma de che? Ma che venissero presi anche quelli che tirano UN sasso.
    ma infatti la mia era solo una personale testimonianza, per far notare come un modello realizzato in un paese vada analizzato nel contesto sociale di quel paese.
    I dubbi che nutro riguardo l'operazione calcio pulito sono proprio legati al fatto che se non si affrontano le cause sociali che portano a certi atteggiamenti violenti si mette solamente una "toppa" temporanea nello specifico settore ma nonsi risolve certo il problema :)
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te

  cosa ne pensano gli inglesi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina