1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4538885
    Si gioca a porte chiuse ma la squadra di casa viene multata perche` i suoi sostenitori insultano l`arbitro. E` capitato domenica a Messina, quando al San Filippo andava in scena Messina-Catania. Ai peloritani e` stata inflitta un`ammenda da 4.000 euro perche` i suoi sostenitori hanno `nel corso della gara, rivolto delle frasi volgarmente offensive nei confronti del direttore di gara`.

    Insomma, il `San Filippo`, sprangato dal decreto d`urgenza del governo, si e` reso responsabile di ingiurie nei confronti di Paparesta, fischietto del tribolato derby tra i peloritani e il Catania. Da Messina fanno pero` sapere che, in occasione dipartite a porte chiuse, in realta` la squadra di casa ha la possibilita` di fornire un numero minimo di tagliandi omaggio (circa 70-100). Quindi, oltre gli addetti ai lavori, nello stadio c`e` sempre una rappresentanza di tifosi anche sugli spalti. E in una partita cominciata con un`ora di ritardo sotto la pioggia battente, a un presunto rigore negato alla squadra di casa, i sostenitori giallorossi hanno contestato il direttore di gara, il barese Paparesta. che ha puntualmente annotato a referto gli insulti subiti. Insomma, il San Filippo resta colpevole, anche se e` vuoto.
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Messina: insulti all`arbitro, multa a stadio vuoto

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina