1.     Mi trovi su: Homepage #4540488
    Clamorosa prova del brasiliano, che con una doppietta apre la strada alla vittoria rossonera a Siena

    Artemio Franchi a porte aperte e tutto esaurito a Siena per assistere all'esordio di Ronaldo dal primo minuto nell'anticipo della 24° giornata di serie A, anticipo dovuto all'impegno dei rossoneri martedì ad Hampden Park contro il Celtic. Proprio in vista Champions Ancelotti lascia a casa Seedorf, proponendo in avanti il trio verde-oro Kakà-Ronaldo-Oliveira con Brocchi e Gattuso a supportare il centrocampo. Beretta risponde con un 4-4-2 che vede riconfermati in avanti Corvia e Maccarrone appoggiati da Cozza e Codrea come registi. Locatelli va in panchina.

    Ritmo basso nei primi dieci minuti di gioco, con i toscani ben disposti in campo che creano qualche grattacapo grazie alla vivacità di Corvia e Maccarrone, molto mobili su entrambi i lati del campo. Il Milan, che tenta di imbastire la manovra soprattutto sulla parte sinistra del campo con Brocchi e Kaka' che si alternano nelle posizioni, non trova spazi e sembra concedere qualche ripartenza di troppo ai bianconeri. Ma al 15 minuto accade cio' che tutti stavano aspettando: stavolta sono i rossoneri a ripartire in velocita' su una palla rubata a centrocampo; Pirlo dal limite dell'area pennella per Ronaldo, che di testa infila la palla all'angolino opposto, è l'1-0, ed il primo gol del brasiliano in rossonero. Il Siena però, passato in svantaggio, continua nella sua ottima partita ed ottiene il pareggio dopo soli tre minuti: cross dalla destra di Antonini, Kaladze e Corvia si ostacolano, la palla arriva al limite dell'area a Vergassola, che di piatto insacca di precisione, è 1-1.

    Ristabilito l'equilibrio la partita ritorna sui suoi soliti ritmi, ma è scossa sempre dal fenomeno brasiliano che si segnala prima al 25° minuto per una bella serpentina sulla sinistra, poi per una bella triangolazione con Kaka' e infine al 29° minuto quando su un'altra ripartenza rossonera regala un'assist ad Oliveira che a pochi passi dalla porta batte Manninger per il 2-1. Ma se l'attacco rossonero appare aver raddoppiato il suo potenziale, lo stesso non puo' dirsi per il reparto difensivo: dopo solo un minuto infatti su una palla messa al centro da Cozza, Corvia stacca di testa anticipando ancora il disattento Kaladze e regala a Maccarrone la palla del pareggio, che l'attaccante ex-Middlesbrough non si fa scappare, trafiggendo con un diagonale destro l'incolpevole Storari per il secondo immediato pareggio senese. La prima altalenante frazione di gioco si conclude con una caparbia azione di Brocchi, che serve Ronaldo che pero', dopo un grande primo tempo, di piatto mette incredibilmente fuori da pochi passi. Bella partita a sprazzi con un caparbio Siena, e i rossoneri devastanti in avanti ma distratti in difesa.

    Nella ripresa gli uomini di Beretta rientrano in campo con ancor maggiore convinzione, e con Molinaro e Antonini rispettivamente sulle fasce sinistra e destra mettono in difficoltà la sempre piu' spaesata difesa rossonera, dove si salva solo Bonera. I rossoneri nei primi 25 minuti della ripresa si vedono solo con due punizioni di Pirlo, la prima alta sulla traversa, sulla seconda Ronaldo schiaccia troppo di testa e mette anche lui alto. Visto che il match non si sblocca entrambi gli allenatori operano una girandola di sostituzioni, ma è dal campo che arriva l'ennesima svolta della partita: Kaka', dopo una partita opaca decide di mettere la sua impronta; il brasiliano parte dalla destra, supera prima in tunnel Codrea, poi anche Gastaldello e mette al centro dove Ronaldo deve solo spingere in rete per la sua incredibile doppietta. I rossoneri, poco meritatamente in vantaggio, devono inoltre affrontare gli ultimi 10 minuti di partita in 10 per l'esagerata espulsione di Brocchi per fallo su Cozza, e subiscono il pareggio ad un minuto dalla fine: Ronaldo si trova a bordocampo dopo aver subito una botta, ed coi rossoneri in nove il Siena ne approfitta: palla a centro area, Ambrosini non arriva di testa, e ancora Maccarrone da solo batte per la seconda volta Storari, incredibile 3-3 ad un minuto dalla fine.

    Ma le emozioni non sono ancora finite: il biondo centrocampista pesarese, ad un minuto dalla fine stacca di testa prima su cross di Kaladze, ma Manninger è miracoloso; un minuto dopo regala i tre punti al Milan staccando ancora di testa su calcio d'angolo ostacolato da Molinaro(che forse lo anticipa), Vergassola non arriva e palla in rete, 3-4 al 93' minuto. Si conclude cosi' un'emozionante partita al Franchi, col Milan che non molto meritatamente coglie la vittoria e si proietta ancora di piu' alla conquista del quarto posto; da limare pero' un'eccessiva disattenzione difensiva, che in Champions potrebbe costar cara. Fa clamore pero' in positivo la splendida prova del “Fenomeno”, che realizza una doppietta, regala l'assist a Oliveira per il secondo e sembra avere una voglia di giocare al calcio mostrata solo a inizio carriera; peccato non possa giocare in Champions League. Ottima anche la prova del Siena, che paga però troppe ingenuita' difensive; troppo lo spazio concesso a Ronaldo, e troppo facile per i rossoneri passare in vantaggio nonostante l’inferiorità numerica.

    Flavio Sirna


    IL TABELLINO:

    SIENA- MILAN 3-4 ( primo tempo 2-2 )

    Marcatori: 15° Ronaldo, 18° Vergassola, 29° Oliveira, 30° Maccarrone, 80° Ronaldo, 89° Maccarrone, 93° Ambrosini.

    SIENA(4-3-1-2): Manninger 6,5, Bertotto 6, Portanova 6, Gastaldello 5, Molinaro6,5, Antonini 6,5, Codrea 5,5( 85° Galloppa sv), Vergassola 6,5, Cozza 5,5( 80° Locatelli sv), Corvia 6( 58° Frick 6), Maccarrone 7.( Benussi, Negro, Eremenko, Brevi). All: Beretta

    MILAN(4-3-1-2): Storari 6, Cafu 5( 73° Oddo sv), Bonera 6,5, Kaladze 5,5, Jankulovsky 5,5, Pirlo 5,5( 73° Gourcuff 6), Gattuso 6,5, Brocchi 6,5, Kakà 6,5, Ronaldo 8, Oliveira 6( 78° Ambrosini 7).( Kalac. Simic, Maldini, Aubameyang). All: Ancelotti

    Arbitro: Messina di Bergamo

    Ammoniti: Oliveira(M), Gastaldello(S), Pirlo(M), Codrea(S), Maccarrone(S), Galloppa(S).

    Espulsi: Brocchi(M).

    Recupero: 1 e 4.
    DALL'ULTIMA VOLTA IL CALCIO E' CAMBIATO , MA ESSER ULTRAS E' ANCORA REATO.

    Memento Audere Semper
  2.     Mi trovi su: Homepage #4540491
    Stavolta non e' la BUFALA VIERI : RONNY C'E' ...

    Ha gia' fatto piu' di Vieri rossonero in una partita sola...
    chi ha un' idea GIUSTA, e' un FOLLE, finche' tutti non capiscono che e' GIUSTA, poi diventa un GENIO, ma lui lo sapeva fin dall' inizio di esserlo, per cui ...

    Bresciani si NASCE, smerdostrisciati SI DIVENTA : c'e' una bella differenza, poveretti

  Siena-Milan 3-4: Il Fenomeno è tornato!

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina