1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4546490
    OSCAR 2007 NEL SEGNO DI MARTIN SCORSESE

    OSCAR: MIGLIOR FILM 'THE DEPARTED'
    LOS ANGELES - 'The Departed', di Martin Scorsese, ha vinto l'Oscar come miglior film.

    MIGLIOR REGISTA MARTIN SCORSESE
    Martin Scorsese ha vinto l' Oscar come miglior regista, per 'The Departed'.

    MIGLIOR ATTORE FOREST WHITAKER
    Forest Whitaker ha vinto l' Oscar come miglior attore, per 'L'ultimo re di Scozia'.

    MIGLIORE ATTRICE HELEN MIRREN
    Helen Mirren ha vinto l'Oscar come migliore attrice, per 'The Queen'.


    MARTIN SCORSESE, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE
    ''Grazie, grazie, grazie, grazie, grazie'', Martin Scorsese non la finisce piu' di ringraziare tutti, cast, attori, montatore e sceneggiatore appena ricevuto il premio alla regia per 'The Departed' e prima ancora di saper che il suo film aveva vinto anche il premio piu' ambito quello di miglior film. Per il regista italo-americano e' il suo grande riscatto, nonostante le sue cinque nomination non aveva mai avuto il riconoscimento dell'Academy. ''Tutti mi chiedevano quando l'avrei vinto. Me lo chiedevano in ascensore, me lo chiedeva il medico quando mi facevo le radiografie, me lo chiedevano per strada''. E, infine, rivolto al figlio di sette anni Francesco:''ora puoi cominciare a saltare sul letto. Fai un sacco di casino in albergo''. 'The Departed' si e' aggiudicato ben quattro Oscar (il film che ha ottenuto piu' statuette in questa 79ma edizione), oltre miglior film e regia, anche montaggio e sceneggiatura non originale.

    STANDING OVATION PER MORRICONE COMMOSSO,AMO MIA MOGLIE
    ''Dedico questo Oscar a mia moglie Maria che mi ama tanto e che io amo. Questo e' un premio anche per lei''. E la voce di Ennio Morricone si rompe per l'emozione, mentre la moglie gli fa un saluto dalla platea. Il musicista italiano che, dopo cinque nomination, ha ottenuto finalmente l'Oscar alla carriera dall'Academy parla in italiano con un inedito Clint Eastwood nelle vesti di interprete. Dopo un filmato a lui dedicato e aver ricevuto la prima standing ovation della serata, Morricone si e' inchinato alla platea con in mano la statuetta ringraziando l'Academy per l'onore e, ancora in italiano, ha detto:''devo ringraziare fortemente tutti quelli che hanno consentito di concedermelo e anche i registi che mi hanno dato la loro fiducia''. Ma poi aggiunge:'' il mio pensiero va anche a tutti quegli artisti che hanno meritato questo premio e che non l'hanno mai avuto. Questo Oscar sia per me non un punto di arrivo, ma un punto di partenza per migliorarmi al servizio del cinema e della mia personale estetica sulla musica applicata''.

    MIGLIORI COSTUMI MILENA CANONERO
    L'italiana Milena Canonero ha vinto l'Oscar per i migliori costumi, per 'Marie Antoinette'. ''Non credo che vinceremo'', aveva detto pochi giorni fa, forse per scaramanzia, Milena Canonero. ''E' un peccato che 'Maria Antonietta' abbia avuto una sola nomination, il mio e' stato un lavoro di squadra con lo scenografo e il direttore della fotografia, dovevano essere nominati anche loro (...) il nostro e' stato un lavoro nel quale una cosa si incastrava nell altra'', aveva lamentato. ''Non sono mai contenta del mio lavoro. Alla fine di ogni singola scena vorrei tornare indietro e rifare tutto. Purtroppo con i film non c'é mai il tempo. I grandi pittori del passato tornavano sempre sulle loro scelte, come e' stato scoperto oggi, usando i raggi X. Tutto poteva essere fatto meglio anche in questo film'', aveva aggiunto, sottolineando comunque di essersi trovata molto bene con Sofia Coppola, con la quale ha lavorato per la prima volta. Alcuni degli abiti di scena di 'Marie Antoinette', dalle tinte pastello e dallo stile che mescola classico e moderno, saranno esposti fino al 5 aprile al Fashion Institute of Design and Merchandising Museum di Los Angeles, insieme con quelli dei rivali 'Il Diavolo veste Prada' e 'The Queen', che concorrevano (insieme a 'Dreamgirls' e 'Curse of the golden flower') alla statuetta per i migliori costumi.

    CANONERO, DEDICO PREMIO A MIA MADRE, KUBRICK E HUDSON
    ROMA -''Tanto spaventata di essere qui. Perche' da un lato volevo tanto prendere la statuetta, ma lo temevo anche. E grazie a Coppola che mi ha fatto conoscere la figlia quando era solo una ragazzina''. Cosi' Milena Canonero, vincitrice del premio Oscar per i migliori costumi per 'Marie Antoniette' di Sophia Coppola, commenta a caldo il premio. La costumista italiana al suo terzo Oscar ( dopo 'Barry Lindon', 1976, e 'Momenti di gloria', 1982) ha poi dedicato il premio ''a mia madre e poi a Hugh Hudson e Stanley Kubrick. Senza di loro non sarei qui''

    MIGLIORE SCENOGRAFIA 'IL LABIRINTO DEL FAUNO'
    Il primo Oscar assegnato e' quello per la scenografia, vinto da Eugenio Caballero e Pilar Revuelta, per 'Il labirinto del fauno'.

    MIGLIOR TRUCCO 'IL LABIRINTO DEL FAUNO'
    L'Oscar per il miglior trucco e' stato vinto da David Marti e Montse' Ribe', per 'Il labirinto del fauno'. Non ce l'hanno fatta gli italiani Aldo Signoretti e Vittorio Sodano, che erano candidati per 'Apocalypto'. 'Il labirinto del fauno', del regista Guillermo Del Toro, che parte con sei nomination - tra cui quella per il miglior film straniero - e' quindi alla sua seconda statuetta, essendosi gia' aggiudicato quella per la migliore scenografia.

    ATTORE NON PROTAGONISTA ALAN ARKIN
    Alan Arkin, 72 anni, vince finalmente un Oscar alla terza nomination come 'miglior attore non protagonista' con 'Miss Sunshine' (quattro candidature) in cui interpreta il ruolo di un nonno del tutto non politicamente corretto. '''Non si dovrebbe mai leggere - esordisce l'attore newyorchese visibilmente commosso - ma lo faccio perche' altrimenti non riuscirei a spiccicare una parola. E' un film semplice e il frutto di un lavoro di squadra, ma piu' che altro rappresenta la gioia e la fiducia negli altri di cui tutti abbiamo bisogno''.

    MIGLIOR FILM STRANIERO 'LA VITA DEGLI ALTRI '
    'La vita degli altri', di Florian Henckel von Donnersmarck (Germania), ha vinto l'Oscar come miglior film straniero.

    ATTRICE NON PROTAGONISTA JENNIFER HUDSON
    Jennifer Hudson ha vinto l' Oscar come migliore attrice non protagonista, per 'Dreamgirls'. ''Vorrei che mia nonna fosse qui. Era una grande cantante di talento, ma lei non ha mai avuto una chance come me''. Una stordita Jennifer Hudson, 25 anni, attrice esordiente ed ex partecipante di un reality show (American Idol) riceve con queste parole l'Oscar come miglior attrice non protagonista in 'Dreamgirls'. E infine la cantante e attrice di colore dice:''grazie a tutti quelli che sul set hanno voluto che fossi me stessa anche quando non volevo farlo''.

    MIGLIOR DOCUMENTARIO 'UNA SCOMODA VERITA''
    'Una scomoda verita'', di Davis Guggenheim, ha vinto l'Oscar come migliore documentario. . Il documentario racconta la crociata lanciata dall'ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore per ammonire l'umanita' sulla minaccia catastrofica del riscaldamento del pianeta provocato dalla emissione di gas a effetto serra. La statuetta e' stata ritirata da Guggenheim, ma Gore e' salito con lui sul palco ed ha preso brevemente la parola, per la seconda volta nel corso della serata degli Oscar, lanciando un appello per trovare i mezzi e la volonta' di risolvere il problema. In precedenza, assieme all'attore Leonardo DiCaprio, Gore aveva fatto un piccolo show pro-ecologia e finto anche un annuncio ufficiale della sua discesa in campo per la corsa alla Casa Bianca nel 2008.

    AL GORE FA FINTO ANNUNCIO SUA CANDIDATURA CASA BIANCA
    Al Gore e Leonardo DiCaprio fanno un piccolo show pro-ecologia al Kodak Theatre e l'ex vicepresidente degli Stati Uniti finge anche un annuncio ufficiale della sua discesa in campo per la corsa alla Casa Bianca nel 2008. ''Il cinema americano ancora una volta si sta impegnando stasera in uno show ecologico in tutti gli aspetti pratici di questa manifestazione. Tutti noi possiamo far qualcosa sull'ambiente''. Dice DiCaprio facendo riferimento alla organizzazione nel segno dell'ecologica di questa 79ma edizione Mentre Al Gore, in corsa per l'Oscar con il documentario 'Una verita', sulla minaccia catastrofica del riscaldamento del pianeta provocato dalla emissione di gas inquinanti, fa finta di annunciare la sua candidatura alla Presidenza (''una grande occasione di fronte a un miliardo di persone'', dice serio), ma poi, prima dell'annuncio, si ritira con un sorriso dalla scena del Kodak insieme a DiCaprio.


    [ansa.it]:cool: :cool:

  Oscar 2007 nel segno di Martin Scorsese

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina