1. Stramazzarri torna  
        Mi trovi su: Homepage #4552911
    "I trucchi del mago Pantaleo": Intervista a Corvino


    09/03/2007


    IL SUO cellulare non fa che squillare. E parte Obsesion, tormentone di qualche stagione fa. Corvino sorride, fa battute. Ma nonostante l´incessante ritornello musicale riusciamo a scambiare due chiacchiere. Per parlare di uno degli argomenti che più gli stanno a cuore: i giovani. Di cui si intende, con otto titoli giovanili vinti tra Lecce e Casarano.

    Allora, Corvino, come si scovano i giovani calciatori?
    «Le potenzialità vanno cercate in ogni parte del mondo, non solo vicino a te. E quando si parla di potenzialità non si tratta di vedere, ma di intravedere».

    Ma come ci riesce?
    «Come posso spiegarlo. È come uno che con un bastone riesce a trovare l´acqua a cinquanta metri sotto terra. Sono doti naturali».

    Come fa a capire se un ragazzo può diventare un calciatore?
    «Ci sono dei parametri, da cui poi emergono delle qualità».

    Come la grandezza delle cosce, tanto per fare un esempio?
    «Ok, parliamo delle cosce. Qui c´è una forza muscolare che viene evidenziata dalla grandezza del muscolo. Poi c´è un´altra forza, che è quella nervosa, meno evidente ma lo stesso importante».

    E di Kuzmanovic, Lupoli e Vanden Borre cosa l´ha colpita?
    «Si intravedono le potenzialità perché possano diventare giocatori importanti nel proprio ruolo».

    Poi cosa guarda?
    «C´è l´aspetto mentale, psicologico. Sono fattori importanti, come quello comportamentale. Quest´ultimo spesso dipende anche dalle persone che stanno vicino al giocatore. Non per nulla se ne perdono tanti di giovani per strada».

    Quanto conta la famiglia in tutto questo?
    «Rientra nel discorso sulle persone che stanno intorno al ragazzo. È chiaramente molto importante».

    Come si fa ad aver cura di questi ragazzi?
    «Sono importanti i tecnici, i preparatori, tutto lo staff intorno. Noi abbiamo il compito di non rovinare questi ragazzi. Abbiamo il dovere di tirare fuori da loro il meglio».

    C´è qualche ragazzo di cui va particolarmente fiero?
    «Ce ne sono tanti».

    E qualcuno che invece l´ha delusa?
    «Anche in questa lista ce ne sono tanti».

    C´è una frase che le piace dire quando accoglie un giovane?
    «Dico che noi abbiamo il compito di non rovinarlo e che lui ha il dovere di seguirci. Facendo questo le potenzialità diventano qualità».

    E con i tanti soldi come la mettiamo?
    «Il calcio ha sempre creato illusioni. Questa è la cosa più grave di questo sport. Infatti noi facciamo valutazioni annuali. Come responsabili abbiamo il dovere di togliere quelle illusioni».

    Come dire ad un ragazzino che non sarà mai un professionista?
    «Già a dodici, tredici anni va fatto. A diciassette è già tardi. Se non c´è la possibilità, gli va detto che deve pensare a studiare. E in genere i primi che non riescono ad accettare la cosa sono proprio i genitori. Che poi magari ho incontrato più avanti e mi hanno offerto un caffè ringraziandomi».

    Passiamo all´attualità e al prossimo mercato. I giovani li avete presi e li state prendendo. Poi toccherà ai giocatori già affermati?
    «Ci stiamo muovendo. Per prendere i giovani devi agire in anticipo, per i giocatori affermati i tempi sono invece differenti. Comunque noi abbiamo già fatto molto, creando un gruppo incredibile e prendendo uno degli allenatori più bravi».

    A proposito di Prandelli. Cosa ci dice?
    «Che è assolutamente un punto fermo e continuerà ad esserlo».

    Ma non la preoccupa il fatto che una grande squadra se lo possa portare via?
    «Dovrebbe preoccuparmi anche se avesse un contratto di cinque o dieci anni. Sarebbe la stessa identica cosa».

    E Toni?
    «Non posso parlare dove ci sono situazioni a media, lunga scadenza. Non è giusto. Pensiamo al finale di campionato».



    Di Alessandro Di Maria

    FONTE LA REPUBBLICA




    :cool:
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #4552914
    per me Corvinon trova i giocatori...giocando a football manager 2007:asd:


    cmq è un ottimo manager...ma per lupoli...è stato un ladro:muhehe:







    :asd:
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose

  "I trucchi del mago Pantaleo": Intervista a Corvino

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina