1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4558275
    Dietro le parole del tifoso juventino, il sospetto di una provocazione studiata per mettere in difficoltà il presidente.

    Una storia avvelenata. Lo scudetto 2006, assegnato all'Inter a tavolino, non è più un tema di dibattito infinito o di continui sfottò. Il gioco si è fatto perfido ed è diventato l'occasione per un atto non certo lieve, sul quale la società ha cercato di mantenere uno stretto riserbo, per evitare allarmismi o strumentalizzazioni, ma che è diventato oggetto di un fascicolo aperto dalla Procura di Milano. Una decina di giorni fa, nelle sede nerazzurra sarebbe arrivata una busta con una lettera anonima di insulti e minacce a Moratti, ad altri dirigenti e alle loro famiglie, accompagnata da un bossolo di pistola di grosso calibro e da alcuni pallini da fucile. È da otto mesi che in via Durini ricevono, sotto varie forme, messaggi di forte protesta, dopo le due sentenze di Calciopoli. Adesso a quelle parole sono seguiti fatti inquietanti, in un momento in cui il calcio si dice impegnato a sconfiggere la violenza. Per questo l'Inter si è vista costretta a denunciare l'episodio alla polizia, anche se accertare la provenienza della lettera e del suo contenuto appare quantomai difficile.

    L'episodio può aiutare a comprendere anche lo stato d'animo di Moratti e la sua reazione, lunedì pomeriggio, di fronte alle urla scomposte di Salvatore Cozzolino contro «lo scudetto di cartone». Più passano le ore e più appare evidente, anche se non ci potrà mai essere la certezza assoluta, che l'episodio fosse stato preparato nei dettagli ad uso delle telecamere e dei microfoni delle tv locali, tutte presenti, come peraltro avviene ogni giorno, quando aspettano il presidente sotto l'ufficio, salvo criticarlo in trasmissione perché «parla troppo». Cozzolino ieri ha ricevuto anche l'ambito riconoscimento «utente del mese» da parte del sito juventino «j1897.com». Agente di Borsa, residente a Milano, Cozzolino è uno dei collaboratori del sito «Magazine bianconero», nato a fine ottobre, ed è molto vicino ad un paio di giornalisti di «Italia 7 Gold», emittente da sempre schierata in una urlata opposizione a Moratti prima ancora che all'Inter. Con queste premesse, diventa faticoso accettare l'idea che lo show di Cozzolino, così solerte nel trasferirsi lunedì sera a Torino per assistere a Juve-Triestina e a farsi intervistare (casualmente da «Italia 7 Gold») senza perdere tempo, sia stato un semplice scherzo del caso. È evidente che, in questa situazione esasperata nei toni e nelle maniere, nessuno potrà poi scappare dalle proprie responsabilità mediatiche.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4558277
    Originally posted by Vittore
    Ma si può per il calcio ?......:confused:


    Ebbeh, che c'è da stupirsi? L'invidia gioca brutti scherzi, indipendentemente dall'ambito in cui essa colpisce.....

    Ormai è così, c'è poco da farci. Non mi stupisce per nulla ciò che ho letto. C'è chi si limita a farlo solo a parole, c'è chi da codardo passa anche alle buste anonime con proiettili. Ma fa tutto parte dell'attacco messo in atto da chi non è capace di perdere e dimostra la sua bassezza giorno per giorno.
    Ma è solo l'ennesima dimostrazione di quanto si aveva ragione quando si diceva che Moggi era stato salvato per assurdo proprio dai suoi tifosi. Anzichè prendersela con lui e con la dirigenza c'è chi se l'è presa con l'Inter e Moratti, autori di questo mega complotto. Parte tutto da lì. Poi si sa che la mamma degli imbecilli è sempre incinta....
  3.     Mi trovi su: Homepage #4558278
    Originally posted by lucafiQo
    L'episodio può aiutare a comprendere anche lo stato d'animo di Moratti e la sua reazione, lunedì pomeriggio, di fronte alle urla scomposte di Salvatore Cozzolino contro «lo scudetto di cartone». Più passano le ore e più appare evidente, anche se non ci potrà mai essere la certezza assoluta, che l'episodio fosse stato preparato nei dettagli ad uso delle telecamere e dei microfoni delle tv locali, tutte presenti, come peraltro avviene ogni giorno, quando aspettano il presidente sotto l'ufficio, salvo criticarlo in trasmissione perché «parla troppo». Cozzolino ieri ha ricevuto anche l'ambito riconoscimento «utente del mese» da parte del sito juventino «j1897.com». Agente di Borsa, residente a Milano, Cozzolino è uno dei collaboratori del sito «Magazine bianconero», nato a fine ottobre, ed è molto vicino ad un paio di giornalisti di «Italia 7 Gold», emittente da sempre schierata in una urlata opposizione a Moratti prima ancora che all'Inter. Con queste premesse, diventa faticoso accettare l'idea che lo show di Cozzolino, così solerte nel trasferirsi lunedì sera a Torino per assistere a Juve-Triestina e a farsi intervistare (casualmente da «Italia 7 Gold») senza perdere tempo, sia stato un semplice scherzo del caso. È evidente che, in questa situazione esasperata nei toni e nelle maniere, nessuno potrà poi scappare dalle proprie responsabilità mediatiche.


    Al di là di Inter e Juve....cosa non fa un cretino x diventare famoso :azz:
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  4. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4558280
    Purtroppo è il mondo al contrario: il condannato è osannato, l'innocente perseguitato. Lancio un appello: perché i dirigenti di Juventus, Lazio, Fiorentina e Milan non vanno davanti ai microfoni a dire che le sentenze vanno rispettate e che le decisioni di Lega e FIGC vanno accettate?
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #4558281
    Originally posted by ScudettoWeb
    Purtroppo è il mondo al contrario: il condannato è osannato, l'innocente perseguitato. Lancio un appello: perché i dirigenti di Juventus, Lazio, Fiorentina e Milan non vanno davanti ai microfoni a dire che le sentenze vanno rispettate e che le decisioni di Lega e FIGC vanno accettate?


    i dirigenti del milan??:lol2: :lol2: :lol2: :lol2: :lol2:

    questa è bella

    ma nn è il thread delle barzellette però:asd: :asd:

    se facessero questo significherebbe che il mondo del calcio è un mondo serio...ma questo poi lo allontanerebbe dal mondo reale:D
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4558282
    "Le minacce a Moratti? Spero siano solo una bravata"

    "Abbiamo toccato il fondo: spero solo si tratti di una bravata".Cosi' Marco Materazzi commenta le minacce al presidente dell'Inter Moratti. "Moratti - dice il difensore nerazzurro - e' una delle persone piu' limpide del nostro calcio, alle volte queste situazioni hanno anche spiegazioni extrasportive, ci sono episodi che servono a sviare l'attenzione da altro". Poi Materazzi parla dell'impegno con la Scozia: "E' una gara decisiva per la nostra qualificazione. Credo che andremo agli Europei".

  Busta con proiettile e nuove minacce a Moratti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina