1.     Mi trovi su: Homepage #4567809
    Il tecnico viola sfida il Parma da ex: "Se Toni e la società decideranno a giugno di dividere le loro strade la Fiorentina punterà su Giampaolo. È cresciuto molto, ha saputo aspettare"

    FIRENZE, 17 aprile 2007 - Uno scherzo fra amici, un’ammissione, una promessa. Cesare Prandelli e Luca Toni prima di Parma-Fiorentina. L’allenatore con la panchina d’oro torna nella città dove per due volte di seguito ha conquistato il quinto posto in classifica, stagioni 2002-03 e 2003-04: "Anche grazie a quei risultati sono potuto arrivare alla Fiorentina" sorride avvolto da una tuta viola e con un laccio dello stesso colore che stringe nella mano destra. Prandelli continua: "Sarò emozionato al momento di scendere in campo. Prima invece voglio salutare il presidente Ghirardi, un amico vero. Agli amici però si fa anche qualche scherzo, e domani spero di essere io a farglielo. Voglio ritrovare il Parma in serie A anche l’anno prossimo, ma la partita di domani deve farla la Fiorentina".

    L’AMMISSIONE – Una Fiorentina che cambierà parecchio rispetto a quella vittoriosa domenica scorsa contro il Siena. Mancherà Gamberini squalificato, ma gli avvicendamenti riguarderanno anche gli altri reparti come centrocampo e attacco. "Toni ha speso molto due giorni fa, oggi valuteremo le condizioni sue e degli altri giocatori che hanno qualche problemino" continua il tecnico viola. Che poi si sbilancia e guarda al futuro del centravanti campione del mondo "Se Toni e la società decideranno a giugno di dividere le loro strade la Fiorentina andrà avanti puntando su Giampaolo Pazzini. E’cresciuto molto, ha saputo aspettare".

    LA PROMESSA – Aria di addio, ma la società ribadisce che ogni decisione in merito verrà presa solo al termine della stagione in corso. Intanto i due attaccanti chiamati in causa, Toni e Pazzini, salgono sul palco del Teatro Verdi di Firenze. Ospiti d’eccezione de "Il Mago di Oz" spettacolo messo in scena da un gruppo di 98 studenti, incassi devoluti all’ospedalino Meyer. "Mi sento di promettere l’Europa ai nostri tifosi" dice Toni, "ha ragione Luca, faremo tutto il possibile" continua Pazzini.

    QUALE EUROPA? - L’Uefa è alla portata, ma il sogno è la Champions. Qui riprende la parola Cesare Prandelli: "In estate non ci hanno tolto solo quanto avevamo conquistato, ma anche l’entusiasmo e la soddisfazione per l’impresa che avevamo compiuto. Ci piacerebbe riprenderci tutto adesso. La Champions è lontana, ma ci proveremo lo stesso, la voglia è veramente tanta. Ma anche se manteniamo questa posizione resta un campionato straordinario, nessuno a inizio stagione avrebbe scommesso sull’Europa". Uno scherzo, un’ammissione, una promessa, una scommessa già vinta.

  Prandelli: "Il futuro è Pazzini"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina