1.     Mi trovi su: Homepage #4571277
    Le pagelle di Moratti

    Da Julio Cesar a Figo: il "capo" giudica tutti e promuove ciascuno dei protagonisti dello scudetto, incoraggiando i giocatori in difficoltà. Con una promessa: provare a trattenere il portoghese

    MILANO, 24 aprile 2007 - Sulla scia delle pagelle di rendimento stilate ieri dalla Gazzetta, abbiamo chiesto a Massimo Moratti un giudizio che racchiudesse la stagione di ciascun giocatore nerazzurro sia sul piano tecnico che comportamentale. Il presidente ha accettato di buon grado, cominciando naturalmente da Mancini ("splendida guida, ha avuto felici intuizioni, ha fatto scelte fondamentali").

    IBRAHIMOVIC - "Il calcio è anche divertimento e lui ci dà questo piacere. In più si è calato nell’Inter giustificando quello che mi avevano detto: da piccolo girava per Malmoe con la maglia nerazzurra addosso. Penso sia vero, per come si è impegnato e per quello che ci ha fatto vedere. Aspetto tanti bis".
    MATERAZZI - "Ha continuato a giocare la finale di Berlino. E il fatto che ci sia la sua firma in calce alla doppietta dello scudetto non è un destino, ma semplicemente la conseguenza della sua personalità. Con l’arrivo all’Inter di altri bravi difensori invece di andarsene è esploso. Applausi".
    STANKOVIC - "Ha avuto un rendimento super, molto legato al carattere sensibile, partecipe. Anni fa stavo comprando Emerson, mi fermò Mancini, non ancora nostro allenatore: ma no, Stankovic è più completo. Vuole dimostrare sempre di essere il più bravo, corre, lotta, ha qualità".
    MAICON - "E’ la nostra centrale elettrica. Non pensavo fosse così forte anche a livello morale: a Siena ha giocato con uno stiramento, si è messo all’ala ma non ha chiesto di uscire. Anche lui è merito del fiuto di Branca. E dire che i 5 milioni spesi mi sembravano troppi: oggi vale il triplo".
    J. ZANETTI - "E’ la serietà fatta persona ed è fisicamente indistruttibile, anzi con gli anni migliora. Ha un fisico spaventoso e una capacità di adattamento unica. Lo hanno messo in mediana mancina e lui ha preso a giocare come se avesse fatto sempre quel ruolo".
    VIEIRA - "Stile e forza fisica. C’è mancato a Valencia, e si è visto: peccato. Del resto con una ferita di 11 centimetri nella coscia... Però è inevitabile notare come nel momento decisivo della stagione abbiamo dovuto fare a meno di lui e di Cambiasso".
    CRESPO - "Con lui vai sul sicuro, professionista al cento per cento, fa il suo dovere, cioè i gol, in ogni circostanza. Mi piacerebbe tenerlo, so che lui vuole restare e dico che non dipenderà solo dal Chelsea ma pure dalla sua e dalla nostra volontà. Dunque la partita, in questo caso, rimane aperta".
    BURDISSO - "Ha un carattere forte che gli ha permesso di rivoluzionare ogni progetto fatto su di lui. Lo definirei un autentico titolare che solo casualmente non gioca. Ho notato che è tra i protagonisti dello spogliatoio. Mi ha presentato la figlia. Era raggiante".
    CORDOBA - "E’ uno dei cuori pulsanti della squadra e della società. Ha un modo di pensare che si sposa in pieno con l’Inter, a Mancini ricorda quel Vierchowod che ha avuto compagno nella Sampdoria. E per quel che riguarda me, credo che Ivan Ramiro resterà nell’Inter per tanti altri anni".
    CAMBIASSO - "Altro giocatore preso a costo zero da Branca. Ha vissuto un anno non all’altezza del precedente, perché lui ha bisogno della continuità di impiego e alcuni infortuni lo hanno appiedato. Però ultimamente si sta risollevando e per i meccanismi di gioco resta una sicurezza".
    DACOURT - "Avevo chiesto un parere a un grande del calcio e la risposta è stata: un signorino del centrocampo. Caspita che granchio! Se c’è uno che va sempre in pressing è questo francese, tipo tosto e combattivo. Oltretutto amatissimo dai compagni".
    JULIO CESAR - "E' la grande scommessa vinta da Marco Branca, che lo ha voluto fortissimamente. Questo portiere si è rivelato affidabile tra i pali e caratterialmente assai utile allo spogliatoio e alla società. Ci ha fatto vedere diverse prodezze e sono convinto che migliorerà ancora con l’esperienza".
    MAXWELL - "L’allenatore dell’Arsenal, Arsene Wenger, che io stimo molto, mi aveva detto: avete fatto un colpo eccezionale. Anche qui giro i complimenti a Branca, perché il ragazzo veniva da un infortunio devastante. Si tratta di un uomo intelligente, serissimo, che trasmette entusiasmo e convinzione."
    SAMUEL - "E’ un mio pallino. Lo ritengo un elemento completo nel suo ruolo, per esperienza, duttilità, fisico, grinta. Uno dei migliori interpreti della fase difensiva. Quest’anno ha giocato in maniera discontinua e comunque ci è stato utile. Ma punto forte su di lui per i prossimi traguardi."
    FIGO - "Volete proprio saperlo? Insisterò una volta di più affinché rinunci all’offerta araba: Luis con quel calcio non c’entra assolutamente niente. So che lo copriranno d’oro, capisco, ma non mi rassegno. Oltre alla qualità ci ha dato umiltà, voglia di sacrificarsi. Un esempio."
    GROSSO - "L’altro campione del Mondo ha accusato lo sforzo tedesco ed era normale, naturale che potesse accadere. C’era pure da mettere nel conto l’impatto con San Siro. Ma faccio pieno affidamento su di lui. Da settembre sarà quello del rigore decisivo."
    CRUZ - "Ha una forza fisica che impressiona, grazie alla quale diventa il più continuo nel rendimento. Sta fuori tre settimane, rientra e tu sei tranquillo perché sai che lui riprende a giocare esattamente come faceva prima. Merito pure di una sicurezza mentale e di una serietà uniche".
    ADRIANO - "Si è espresso ai suoi livelli solo in certe occasioni. Non tante. Continuo a difenderlo perché conosco le sue potenzialità, il calcio però esige una dimostrazione continua. Così il futuro dipende da lui, dalla sua voglia di tornare tra i top ten. L’età lo aiuta. Moltissimo."

    Qui di seguito vi proponiamo invece i giudizi espressi sui giocatori utilizzati meno.
    TOLDO - "Ha tutta la mia stima e riconoscenza sia come uomo che come giocatore, si è comportato da grande interista e quando è entrato si è confermato all’altezza".
    RECOBA - "Per me resta un grande e resta pure all’Inter.... Mai mi priverei del talento di questo autentico fuoriclasse. E non mi risulta che voglia andarsene, chiede solo di giocare di più. Com’è logico e naturale che sia".
    SOLARI - "Ha fatto sempre bene, si è distinto per intelligenza assicurando una partecipazione accorata. Mi spiace che non abbia potuto giocare di più".
    GONZALEZ - "Scampoli di partite durante i quali si sono intraviste le sue qualità".
    ANDREOLLI - "Poche presenze, ma lo confermo perché so che se lo metti in campo la sua parte la farà bene. So pure che vuole giocare di più, ma ci serve".
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4571278
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Le pagelle di Moratti


    [B]RECOBA
    - "Per me resta un grande e resta pure all’Inter.... Mai mi priverei del talento di questo autentico fuoriclasse. E non mi risulta che voglia andarsene, chiede solo di giocare di più. Com’è logico e naturale che sia".
    [/B]
    .

    Complimenti :asd: :asd: :asd:
  3.     Mi trovi su: Homepage #4571279
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Le pagelle di Moratti

    [B]IBRAHIMOVIC
    - "Il calcio è anche divertimento e lui ci dà questo piacere. In più si è calato nell’Inter giustificando quello che mi avevano detto: da piccolo girava per Malmoe con la maglia nerazzurra addosso. Penso sia vero, per come si è impegnato e per quello che ci ha fatto vedere. Aspetto tanti bis".


    girava per malmoe con una maglia nerazzurra, solo che era quella del djurgarden :D
  4.     Mi trovi su: Homepage #4571288
    Forse non mi sono spiegato ... ed inizio a sospettare anche su problemi di daltonismo (si dice cosi?), di utenti in questo forum :asd:

    La maglia che ha indosso nella foto, che poi è la stessa nel sito, è azzurra con strisce blu scure, non sono per niente nere. Ma che ci vedete bene? :asd:



    (a dimostrazione, nel sito, dove c'è scritto kom ombytt è piuttosto evidente che siano azzurro e blu scuro e non nero... )
  5.     Mi trovi su: Homepage #4571289
    Originally posted by Nomak
    Forse non mi sono spiegato ... ed inizio a sospettare anche su problemi di daltonismo (si dice cosi?), di utenti in questo forum :asd:

    La maglia che ha indosso nella foto, che poi è la stessa nel sito, è azzurra con strisce blu scure, non sono per niente nere. Ma che ci vedete bene? :asd:



    (a dimostrazione, nel sito, dove c'è scritto kom ombytt è piuttosto evidente che siano azzurro e blu scuro e non nero... )


    sottigliezze :asd:

  Le pagelle del Nostro Presidente

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina