1.     Mi trovi su: Homepage #4576221
    I dirigenti del club madridista preoccupati per un interessamento del Chelsea verso il tecnico. Il presidente Calderon: "Fabio ha dovuto lottare contro tanti problemi. È un uomo forte e lo ha dimostrato. È un vincente"

    MADRID, 09 maggio 2007 - E adesso al Real Madrid temono addirittura che Fabio Capello possa piantarli in asso. Due mesi e mezzo fa il club si è riunì per ratificare le dimissioni concordate del tecnico italiano, oggi quello stesso club sarebbe preoccupato per un interessamento del Chelsea per Capello. La voce arriva da As, e seppur non confermata serve a dare un'idea di come le sorti dell'allenatore friulano siano cambiate nel giro di poche settimane. Secondo il quotidiano sportivo madrileno il Chelsea si sarebbe fatto vivo con Capello, e la cosa sarebbe arrivata alle orecchie del Madrid, con un po' di ritardo, sembra lecito ipotizzare: la posizione di Josè Mourinho, pur sempre ondivaga, oggi sembra decisamente più salda.

    ACQUE TRANQUILLE - Un mese fa però, quando il feeling tra il tecnico portoghese e il patron Roman Abramovch era ai minimi storici, ogni giorno spuntava un nome nuovo per la panchina del Chelsea 2007-2008: Lippi e Vialli, Hiddink, Klinsmann, Juande Ramos, Mark Hughes, Deschamps, Koeman, persino Benitez. Perché non Capello? Al momento le acque Blues sembrano più tranquille, ma tutto può cambiare molto rapidamente, e non è detto che un'eventuale vittoria nella finale di Coppa d'Inghilterra con il Manchester Uniited (non esattamente un partita qualsiasi) possa bastare a calmare l'enorme sete di successo di Abramovich. "Calderon sa che il Chelsea vuole Capello se Mourinho dovesse abbandonare il club di Stamford Bridge", dicono quelli di As.

    MARCIA INDIETRO - Il presidente della Casa Blanca, che ha già raggiunto un accordo con Bernd Schuster, ora al Getafe, per la prossima stagione, si sta rendendo conto sia del valore di Capello che della pochezza delle alternative. Da qui la preoccupazione per le voci inglesi, e la marcia indietro: "La cosa più semplice da fare sarebbe stata quella di destituire l'allenatore il giorno dopo la sconfitta con il Levante - ha detto il presidente alla radio City Fm -. Dopo aver visto la panolada ho deciso di non reagire come un presidente qualsiasi. I fatti hanno dimostrato che le cose quest'anno non sono state fatte poi così male. Fabio ha dovuto lottare contro tanti problemi, 8 giocatori nuovi, molti che sono andati via... è un uomo forte, e lo ha dimostrato. È un vincente". Qualità che magari fanno gola ad altri.


    :asd: :asd:

  Ora il Real ha paura di perdere Capello

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina