1.     Mi trovi su: Homepage #4577954
    Roberto Mancini parla del futuro dell'attaccante brasiliano: "Ho fiducia in lui, può migliorare nei suoi comportamenti, ma è presto per fare certi discorsi. Suazo? E' una possibilità"

    MILANO, 12 maggio 2007 - Domani Adriano non giocherà contro la Lazio per un problema al ginocchio. Ma a preoccupare l'ambiente nerazzurro è l'atteggiamento del brasiliano, il suo comportamento dentro e fuori dal campo. Roberto Mancini lo terrà a riposo in vista del ritorno della finale di coppa Italia, ma a tenere banco è sempre il futuro dell'Imperatore. "Aspettiamo per questi discorsi la fine del campionato e vediamo cosa accadrà, anche perché abbiamo diverse situazioni da considerare - replica il tecnico nerazzurro -. Dobbiamo anche capire cosa accadrà con Crespo, queste valutazioni le faremo più avanti quando avremo delle certezze". Le incertezze su Adriano sono tali che più volte è emerso il nome di Suazo come un possibile rinforzo per l'attacco. Mancini non si sbilancia: "Ha caratteristiche importanti ma è presto per fare nomi, è una possibilità".

    FIDUCIA - Tornando a parlare dell'Imperatore, a chi gli chiede se possa tornare quello di una volta, il tecnico campione d'Italia replica: "Sono fiducioso perché penso che una persona possa sempre cambiare, soprattutto quando non ha dei comportamenti giusti per il proprio lavoro". In attesa di capire qualcosa di più sul futuro di Adriano, più volte accostato al Real Madrid, il gruppo nerazzurro guarda alla sfida con la Lazio: "Ormai credo che abbiano centrato il loro obiettivo facendo una grandissima stagione - commenta il tecnico jesino -. È una squadra che sta molto bene fisicamente ma non so se potrà assomigliare come gara a quella di coppa Italia". I tifosi nerazzurri sperano di no anche perché il 6-2 dell'Olimpico brucia ancora. "Dopo una sconfitta così siamo noi i primi a capire che non abbiamo sicuramente fatto una buona prestazione e c'è grande dispiacere da parte della squadra per il risultato - dice Mancini - L'unica cosa positiva di quella partita è che c'è il ritorno da giocare. Il calcio però è strano, può sempre capitare di tutto, non sarà semplice fare quattro gol alla Roma anche se ci siamo già riusciti una volta in 47 minuti", conclude ricordando la grande rimonta nella finale di Supercoppa Italiana.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4577958
    Originally posted by massituo
    cambierà se cambierà squadra

    tu dici? Ci stavo pensando anche io qualche tempo fa. Ma è così scontato che un giocatore come Adriano cambi quando cambia squadra? Non lo so. Certo non me lo vedo ad essere il Kakà della situazione. La sua voglia di festa non la cambia passando da una sponda all'altra, credo possa anche arrivare continuamente a cambiare squadra, ma se non cambia lui è difficile. E' lui, dentro, che deve dare un'aggiustatina alla mira. Poi potrà cambiare mille squadre del mondo, ma se non ha voglia o quant'altro mi sa che rimarrà così.
    E allora sì ha ragione Nomak: cambierà al massimo discoteca :asd:
  3.     Mi trovi su: Homepage #4577959
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    tu dici? Ci stavo pensando anche io qualche tempo fa. Ma è così scontato che un giocatore come Adriano cambi quando cambia squadra? Non lo so. Certo non me lo vedo ad essere il Kakà della situazione. La sua voglia di festa non la cambia passando da una sponda all'altra, credo possa anche arrivare continuamente a cambiare squadra, ma se non cambia lui è difficile. E' lui, dentro, che deve dare un'aggiustatina alla mira. Poi potrà cambiare mille squadre del mondo, ma se non ha voglia o quant'altro mi sa che rimarrà così.
    E allora sì ha ragione Nomak: cambierà al massimo discoteca :asd:


    la sua voglia di festa cambia....a Parma non ci sono i locali fashion, infatti quando giocava al PArma Adriano andava bene...

    io cmq lo terrei, piuttosto che svenderlo o regalarlo x 6 milioni me lo tengo in panchina.
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  4.     Mi trovi su: Homepage #4577960
    Originally posted by digital_boy84
    la sua voglia di festa cambia....a Parma non ci sono i locali fashion, infatti quando giocava al PArma Adriano andava bene...

    io cmq lo terrei, piuttosto che svenderlo o regalarlo x 6 milioni me lo tengo in panchina.


    Io credo che anche tornando a Parma (per utilizzare il tuo esempio), la situazione non cambierebbe di una virgola (se non farsi qualche chilometro in più per cercare un locale fashion).

    Ciò che cambia ora dai tempi di Parma, è che prima Adriano non era nessuno, ora comunque si è fatto un'immagine ed ha uno stipendio da faraone... ed ovviamente si è montato la testa. E quando uno non ci sta più dentro, è difficile che torni indietro :)

  "Adriano? Resta se cambia"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina