1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4580215
    La pubblicità in una multa
    Nuova formula di una società canadese
    di Rossella Ivone

    Sorprendere i consumatori: uno degli obiettivi principali degli strateghi del marketing. Difficile riuscirci, soprattutto con spese ridotte e riscontri effettivi da parte del target di riferimento. A centrare appieno lo scopo è stata un'agenzia pubblicitaria canadese, la Impact Communication.

    Che, per promuovere una serie di concerti a Bishop's Landing, quartiere residenziale di Halifax, ha dato vita al multa-advertising: sui tergicristalli delle macchine parcheggiate nella zona ha sistemato fac-simili di multe, tanto realistici da provocare impulsi di rabbia e paura negli automobilisti.

    Impossibile non accorgersi della finta contravvenzione e non prendere il flyer per leggerne le motivazioni, ritrovandosi poi tra le mani un messaggio promozionale. Tirando un sospiro di sollievo.

    "Bishop's Landing è una zona difficile per comunicare" hanno sottolineato i creativi della Impact Communication "perchè i residenti sono restii a sollecitazioni pubblicitarie come affissioni e volantini. Per attirare l'attenzione abbiamo dovuto studiare un tipo di advertising d'impatto, capace di suscitare curiosità riguardo agli eventi promossi. Di qui l'idea del multa-advertising".

    Idea che, dopo lo spavento iniziale, ha colpito gli abitanti delle 206 suites più belle di Halifax, i quali godono dalle loro case di uno dei panorami più suggestivi della città e, forse per questo, amano poco socializzare coi vicini.

    Ad animare i concerti, tutti gratuiti e sponsorizzati da quindici negozi extra lusso del centro commerciale "The Piazza at Bishop's Landing", sono stati chiamati nomi prestigiosi della musica canadese, da Antony Rissesco ai Los Flamencos, da Susan Crowe a Jill Barber: otto appuntamenti in tutto, ogni sabato pomeriggio, all'ingresso del "The Piazza".

    "L'iniziativa è stata presa dai commercianti della zona per favorire la conoscenza tra i residenti e attrarre gente nei negozi, in un giorno della settimana in cui molti vanno via per il weekend e chi resta non ha attrattive per guardare le vetrine" ha chiarito Doug Wasowki, direttore creativo della Impact e copywriter della campagna.

    E se lo scherzo non fosse bastato, i malcapitati automobilisti che si sono presentati nei punti vendita con i ticket trovati sui tergicristalli e opportunamente numerati, hanno potuto approfittare di uno sconto del 5% su tutti gli acquisti effettuati di sabato.

    "Dopo questa trovata" commentano dall'agenzia "non ci resta che sperare che gli abitanti ora non confondano le multe reali in multe-adv, sottovalutandone la portata. L'effetto sorpresa non sarebbe tanto piacevole come nel caso dei concerti gratuiti".
    La prima Legge del Giornalismo: confermare i pregiudizi esistenti, piuttosto che contraddirli.
    Alexander Cockburn
    Il mio blog
  2.     Mi trovi su: Homepage #4580217
    Originally posted by Mike75

    Impossibile non accorgersi della finta contravvenzione e non prendere il flyer per leggerne le motivazioni, ritrovandosi poi tra le mani un messaggio promozionale. Tirando un sospiro di sollievo.


    si si come no :asd:

    hanno tirato quella dozzina di bestemmie :asd:
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"

  Una multa pubblicitaria

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina