1. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4584983
    Il tabellino della partita

    VICENZA - NAPOLI 3-0

    Marcatori : 20' Maini, 118' M. Rossi, 120' Iannuzzi

    Vicenza : Brivio; Sartor, Viviani, Lopez, Beghetto M.; Gentilini (97' M. Rossi), Di Carlo, Maini, Ambrosetti (18' Iannuzzi); Murgita, Cornacchini (72' D'Ignazio).
    Allenatore: Guidolin
    -------------------------------
    Napoli : Taglialatela; Ayala, Boghossian, Baldini F., Milanese; Crasson, (98' Panarelli), Bordin (62' Aglietti), Longo R. (72' Altomare), Esposito M. Pecchia, Caccia.
    Allenatore: Montefusco
    -------------------------------
    Arbitro: Braschi di Prato


    29 maggio 1997

    :cry: :cry: :cry:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  2. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4584986
    Originally posted by digital_boy84
    menzionerei anche Gustavo Mendez e Marcelo Otero che non giocarono quella partita :D


    Ci saranno pure loro alla festa...... :D :D :D Marcelo me lo limono caxxo...... lo amo quell'uomo! :)
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  3.     Mi trovi su: Homepage #4584989
    Originally posted by razorbladeromance
    Ecco bravi allora mandate via quel pilla di Reja.... :sbam: :sbam: :sbam:
    anche io mi ha fatto vincere i miei primi campionati di fantacalcio ...quando parecchia gente qui era ancora in fasce :asd: :asd:
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te
  4. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4584990
    Originally posted by razorbladeromance
    Ci saranno pure loro alla festa...... :D :D :D Marcelo me lo limono caxxo...... lo amo quell'uomo! :)




    Otero..... :muhehe:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  5. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4584991
    Originally posted by TonyManero
    Otero..... :muhehe:


    Era la prima di campionato e io ero andato con tutti gli amici, a un torneo fuori paese......

    Nessuna radio, e niente tv perchè il torneo ci aveva impegnati tutto il pomeriggio.....

    C'era Fiorentina-Vicenza....

    Torno la sera (con la coppa del torneo vinta :cool: ), trovo mio zio all'entrata di casa.... e gli chiedo subito: "Allora? Il Vicenza????" e lui mi risponde "Vinto!" e io "Seeee a Firenze! Dai scemo, quanto abbiamo fatto???" e lui "4 a 2".

    Immaginate la mia faccia seccata: gli richiedo incazzato "dai pirla quanto abbiamo fatto????" e lui "ancora? ti ho detto 4 a 2" al che gli stavo quasi per credere, ma aggiunge subito: "quattro gol di Otero!"

    Io mi incazzo come una biscia, credendo che mi prenda per il cubo e salgo a vedere il televideo...... dopo 2 secondi e mezzo, credo che i simografi abbiano registrato la più forte scossa di terremoto della storia, in Veneto! :D :D :D
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  6. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #4584993
    brutti ricordi....per Noi ovvio:cool:
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  7. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4584994
    Il Vicenza alza di nuovo la Coppa Italia, dieci anni dopo (e per beneficenza)

    Simpatica iniziativa della squadra che nel 1997 conquistò il titolo contro il Napoli.

    I protagonisti della vittoria in coppa Italia, conquistata il 29 maggio 1997, tornano in campo per celebrare il decennale della conquista del trofeo che ha fatto sognare migliaia di tifosi biancorossi. Domenica 27 maggio al Menti alle 17,30 la squadra che ha vinto la Coppa sfiderà una rappresentativa composta da giocatori che hanno militato nelle fila del Vicenza tra il 1992 e il 1995. L’idea è stata di Di Carlo e Viviani, che l’hanno messa in pratica attraverso la DiVi Sport.

    Da una parte Di Carlo, Viviani, Brivio, Mendez, Otero, Ambrosetti, Lopez, Murgita, solo per citarne alcuni. Avrebbero dovuto essere guidati da Francesco Guidolin, l’allenatore della Coppa, richiamato però sulla panchina del Palermo. Dall’altra altre ex biancorossi quali Frascella, Gasparini o Albarello, guidati per l’occasione da Renzo Ulivieri.

    Il biglietto d’ingresso costerà 5 euro per la tribuna e 3 euro per gli altri settori; i bambini fino agli otto anni potranno invece accedere al Menti gratuitamente. Le prevendite sono già state attivate: è possibile acquistare i tagliandi al Centro di coordinamento dei club biancorossi, al bar dello stadio, nella sede dei Vigilantes e al centro DiVi di Altavilla.

    Domenica 27 maggio l’appuntamento prenderà il via alle 15 con il triangolare "DiVi Sport" tra le rappresentative di Vicenza Press, della Banca Popolare di Vicenza e del colorificio BBM. A partire dalle 17,15 si entrerà nel vivo dell’evento con la presentazione delle iniziative di solidarietà e l’estrazione di alcuni cedolini dei biglietti venduti. Quattro spettatori potranno scendere in campo e giocare al fianco di Otero e compagni, indossando la divisa biancorossa, che verrà donata ai quattro fortunati.

    Alle 17,30 il calcio d’inizio dell’incontro tra i vincitori della coppa Italia e la rappresentativa del Vicenza ’92-’95. Infine il momento emozionante della nuova consegna di una perfetta copia della coppa Italia. Alla sera (ore 20,30), a conclusione della giornata, al centro DiVi di Altavilla la cena con i campioni. Gli introiti di tutte le manifestazioni saranno devoluti a scopo benefico al Gruppo Ninos, all’Associazione italiana progeria Sammy Basso e alla famiglia di Diego Munari.
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  8. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4584995
    Lopez, capitano del Vicenza con la Coppa Italia in mano: "Anche dopo sette mesi senza stipendi lavoravamo tutti uniti!"

    L'ex difensore della squadra del 1997 racconta le sue sensazioni nel decennale della vittoria.

    Vicenza - Come si fa in questi giorni di vigilia del decennale della vittoria in Coppa Italia a non farsi prendere dai ricordi e dalle emozioni? Come si fa se a parlare è lui, il capitano, Gianni Lopez? E sì che lui ce la mette tutta per far quasi finta di nulla, per non lasciarsi andare alle emozioni; cerca il capitano di darsi un contegno quando lo raggiungiamo telefonicamente, di fare il duro, ma poi in alcuni momenti della chiacchierata scivola e lo si sente arrancare emozionato nel cercare di spiegare quella mitica sera del 29 maggio 1997. Gianni Lopez ha legato il suo nome ad un periodo d’oro del calcio biancorosso, capitano
    di tante battaglie a cui la curva Sud tributò per anni l’onore di un coro speciale: «Un capitano, c’è solo un capitano». Parlare con lui è come ritrovare davvero un vecchio amico ed è piacevole ascoltarlo. «Che ve devo di’? A Vicenza ho passato gli anni più belli della mia vita, basta?».

    - Così, senza pensarci troppo, quale immagine di quella sera le viene per prima alla mente se chiude gli occhi?
    «Io che alzo la Coppa al cielo, la tribuna davanti, lo stadio gremito, i cori della curva».

    - Emozioni forti.
    «Ma in quei momenti mica ti rendi conto bene di dove sei arrivato, la tensione della gara finalmente ti lascia, la morsa si allenta e ti pare di fluttuare».

    - I suoi compagni hanno sempre detto che lei quella sera la Coppa non la voleva passare a nessuno...
    «È vero, solo un paio di secondi non so chi me l’ha portata via, ma poi me la sono ripresa... che ve devo di’? Non mi si staccava proprio dalle mani...».

    - Ma alla vigilia di una gara così importante lei sentiva che il sogno era a portata di mano?
    «Io ne ero convinto. Mo’ vi spiego. Nella gara d’andata a Napoli io non avevo potuto giocare perchè ero squalificato e la vidi dalla tribuna. Quando poi ci ritrovammo in aeroporto dissi al tecnico Guidolin: mister,
    mi creda, si può vincere al ritorno».

    - Di quella squadra straordinaria lei, Di Carlo, Viviani e Murgita siete i quattro giocatori...
    «Eh no, piano, Murgita no».

    - Ancora con questa storia? Già allora fece ammattire Murgita...
    «Ma è la verità. Roby, sia chiaro bravissima persona e buon giocatore, arrivò che la pappa era già quasi pronta, gli anni della sofferenza vera sono stati quelli della C1, il riuscire ad arrivare in serie B. Ma lo sapete che per un periodo siamo stati senza stipendio per 6-7 mesi? Eppure siamo andati avanti, zitti, dando sempre il massimo. Tutto quello che abbiamo conquistato ce lo siamo meritato sul campo e fuori, per questo ne andiamo fieri».
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.

  Festa decennale coppa italia....

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina