1.     Mi trovi su: Homepage #4593728
    Calum, figlio del grande attaccante del Manchester, racconta la sua vita piena di eccessi. "Sono un tossicodipendente, devo risolvere i miei problemi prima che sia troppo tardi: ho paura di morire come un vecchio uomo solo, alcolizzato e drogato"

    LONDRA, 31 maggio 2007 - Calum Best è un tossicodipendente. É lo stesso figlio del leggendario George a confessarlo in un’intervista al "Sun", nella quale racconta la sua vita tutta sesso, droga e feste fino all’alba.

    SESSO E DROGA - "Sono un depravato. Quando esco, mi ubriaco, sniffo coca da sei anni per andare su di giri, e vado con le donne sbagliate". Il riferimento è all’ultima bravata, immortalata dallo stesso tabloid, quando il bel Calum è stato beccato in una stanza d’hotel a Londra con due prostitute, mentre era impegnato in un’orgia a base di sesso e cocaina. Da qui, la presa di coscienza della sua condizione di "addict" (ovvero "dipendente") da droga, alcool e sesso, e la decisione di entrare in un centro specializzato per curarsi. La sua paura più grande è, infatti, quella di fare la fine del suo celebre padre: "Il suo sangue scorre nelle mie vene, ma io non voglio essere come lui. Devo risolvere i miei problemi prima che sia troppo tardi, perché ho paura di morire come un vecchio uomo solo, alcolizzato e drogato".

    LE CONQUISTE - Eppure il suo carnet di conquiste è lungo un chilometro e comprende alcune fra le più belle ragazze del mondo (da Sarah Harding delle "Girls Aloud" alla modella Abi Titmuss, fino alla figlia di MickJagger, Elizabeth), che gli cadono letteralmente ai piedi. L’ultima della serie è l’attrice Lindsay Lohan, con la quale ha passato una settimana di passione fra le Bahamas e New York. Sembrava la volta buona per una storia seria, ma a quanto pare la relazione è già entrata in crisi e, di certo, farsi pizzicare con Casey James, ragazza-squillo da 1000 sterline a notte (circa 1500 euro), e l’altra amica di lei in un maratona di tre ore sotto le lenzuola, non è sembrato il modo migliore per salvare il rapporto che, per il momento, resta ancora in via di definizione. "Non posso dire che Lindsay sia la mia fidanzata, vedremo quello che succederà. Non sono mai stato innamorato e come potrei esserlo a 26 anni? Ma un giorno mi piacerebbe sposarmi e farla finita con questa vita sballata. Mi vergogno di quello che ho fatto. Bevo sempre troppo e questo mi fa perdere il controllo. L’alcool porta alla droga e la droga mi porta poi alla depravazione, così faccio cose sbagliate con le donne sbagliate. Sono un malato di sesso: a volte finisco con una donna, altre volte con due. Questo mi fa sembrare una persona squallida, ma io non sono così. Sono un ragazzo rispettabile, ma quando bevo vado su di giri".

    COME IL PADRE - Il ricordo del padre George, morto nel 2005 a 59 anni a causa dei suoi problemi con la bottiglia, lo perseguita ogni giorno. "La dipendenza da qualcosa è parte di me, della mia vita. Non voglio incolpare mio padre per questo, ma lui era uguale. Sarà anche stato un leggendario giocatore di football e una persona eccezionale, ma è tragico vedere come gli alcolici possano fregarti nella vita. Anche lui faceva cose indecenti, ma nessuno lo vedeva perché allora non c’erano i telefonini con le fotocamere. Mio padre era un alcolizzato ed è morto per quel motivo, ma io non voglio finire come lui". Il prossimo passo sarà entrare in clinica per iniziare la strada che porta alla disintossicazione. Niente Los Angeles, però, magari nella stessa "Promises" di Malibù dove ha fatto ritorno la Lohan dopo essere stata sorpresa dai poliziotti ubriaca al volante (e con tracce di cocaina nella sua Mercedes). Probabilmente, Best jr. sceglierà una struttura di Londra. Di certo, ha deciso: "Mi devo dare una mossa, devo finalmente prendere la responsabilità della mia vita".

  Sesso, alcol e droga nel destino dei Best

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina