1. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4596410
    Poco tempo fa si è festeggiato il cinquantesimo anniversario della musica rock, innovativa e sempre attuale, con diversi stili e con gruppi che hanno storie molto differenti sparse per tutti i decenni in cui questo genere è stato il protagonista genere musicale.
    La storia del rock è costellata di grandissime produzioni che caratterizzano tutti i protagonisti, ma c’è un disco in particolare che riassume la storia del rock in quasi quaranta minuti di musica.
    Il gruppo è più importante di sempre, caratterizzato da un grande successo di massa per la musica definita Beat all’inizio della loro carriera, decide di cambiare strada e sperimentare nuovi suoni, rischiando di perdere la faccia in poco tempo. Per la registrazione di questo LP vennero usati per la prima volta due registratori multitraccia da quattro piste, un’innovazione a Londra in quanto gli 8-piste non erano ancora arrivati sul commercio. Negli arrangiamenti troviamo invece un largo uso di effetti come eco, riverbero e il nastro che si riavvolge. Venne introdotto l’uso di strumenti che vengono dal lontano oriente come il sitar, o dall’est Europa, come la tambura. Oltre a questi strumenti, venne fatto un uso massiccio di piano e Hammond, cosa ancora non molto diffusa all’epoca. Quasi cinque mesi di lavorazione passati vicino ad un gruppo che stava registrando in un’altra stanza un album pieno di visioni galattiche, spaziali, fuori dal comune, o altrimenti dette psichedeliche, guidati da uno mezzo sconosciuto chiamato Roger Keith Barrett, ma che la scena underground londinese chiama più semplicemente Syd.
    Il mix di sonorità mischiate con la loro derivazione Beat è il risultato inaspettato di “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”. Questa pubblicazione divenne famosa anche per la copertina, in cui spiccano uomini con personalità, idee e arti molto diverse tra loro. Uscirono due versioni: una mono e una stereo, molto più ambiziosa e godibile.
    Dopo qualche secondo di sound check della banda, parte la title track, caratterizzata da sonorità molto più rock rispetto al passato dei Beatles, caratterizzata da un riff rock-blues semplice quanto immediato. La struttura del pezzo è innovativa anch’essa, in quanto è divisa in 6 parti comprendente dei piccoli “ponti strumentali” che uniscono strofa da ritornello o viceversa. Alla fine della canzone c’è un ulteriore ponte fatto da archi a cui segue “With A Little Help From My Friends”, una canzone classica del gruppo sia per il successo ottenuto sia per la musica tipica.
    Arriviamo alla traccia numero tre “Lucy In The Sky With Diamonds”, un pezzo con tantissima storia. La leggenda narra che questa canzone sia stata scritta da John Lennon in seguito ad assunzione di LSD, in quanto narra di un viaggio fatto su una nave che attraversa una terra fantastica di "rocking horse people", "newspaper taxis" e "marshmallow pies”, intervallato dai vari ritornelli in cui viene ripetuto il titolo del pezzo, ovvero “Lucy In The Sky With Diamonds”, in cui le tre iniziali delle parole più importanti che lo compongono vanno a formare la sigla LSD. Tuttavia, l’autore del pezzo dice di essere stato ispirato da un disegno di suo figlio Julian.
    “Getting Better” è un pezzo segnato dal testo che contrappone pessimismo e ottimismo e dalla musica volutamente creata per colpire immediatamente l'ascoltatore. “Fixing A Hole” è stata interpretata in chiave psichedelica, in quanto il testo contiene il verbo “To Fix”, utilizzato anche per indicare il bucarsi.
    “She’s Leaving Home” è una canzone lenta e triste in cui il tema principale è la solitudine e quella incomprensione dei giovani di allora vista anche dal lato parentale. La canzone fu scritta da McCartney prendendo spunto da una notizia sul giornale, in cui c’era scritto che una ragazza era scappata da casa.
    Lennon poi alla fine del primo lato(che belli i vecchi LP!!!) ci porta in un circo psichedelico grazie alla sua "Being for the benefit of Mr. Kite!". Il testo è stato preso da un manifesto dell’era vittoriana e la musica è trascinante e ti lascia stordito, come la psichedelica vuole che sia. Anche questa canzone è stata criticata perché incitava il consumo di droghe, almeno secondo la BBC. Anche qui l’autore dovette smentire le voci, e la frase "Henry the Horse" presente sul testo non ha niente a che vedere con l’eroina.
    George Harrison ci regala la sua "Within you without you", la più orientaleggiante dell’intero LP, grazie alla presenza di sitar e alla rinominata cultura orientale dell’autore.
    Quest’anno è tornata di moda anche “When I’m Sixty-four” in quanto l’autore Paul McCartney ha compiuto l’età citata nel titolo, ma quando è stata pubblicata era dedicata a suo padre. “Lovely Rita” racconta di una storia d’amore nata tra un’addetta ai parchimetri che consegna una multa al sir. Da qui parte la storia d’amore raccontata nel testo.
    La Lennoniana “Good Morning Good Morning” fa da apri-pista a due tracce che sono entrate nella storia per diversi fattori. La prima è "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band (Reprise)", la prima Reprise della storia della musica. Questa traccia vuole dare continuità e fare da filo conduttore all’album riproponendo un pezzo in una chiave diversa. Da qui in poi verrà utilizzata in alcuni degli album più importanti della storia della musica.
    La traccia si conclude con congedo della banda del sergente seguita dagli applausi del pubblico e fanno da apri-pista dal capolavoro assoluto del gruppo di Liverpool e di una traccia importantissima per il continuo cambio di tempo, struttura e ovviamente per una qualità compositiva che è unica nel suo genere.
    La traccia si apre con un piano che cambia continuamente tempo e il cantante che canta un testo scritto in maniera insolita che narra la morte di un componente della camera dei Lords appresa da un giornale.Finita la prima e lunga strofa la base iniziale viene fermata dall’orchestra che prende il sopravvento in un crescendo mastodontico e ossessivo, interrotto da una nota di pianoforte con un tempo ritmico superiore alla precedente strofa che permette di cambiare atmosfera, seguita da una sorta di intermezzo musicale in cui si miscela il tempo della prima parte e la musica scritta per la strofa appena conclusa. Questo cambiamento di tempo, sempre con l’aiuto dell’orchestra, permette ad arrivare alla conclusione del pezzo riprendendo ancora una volta la prima strofa con seguente crescendo orchestrale che stavolta suona ancora più ossessivamente fino ad arrivare ad una nota di pianoforte che sfuma nel giro di un minuto, quindi una nota ossessiva e lunghissima . Una nota che oggi si potrebbe fare con una Bontempi, ma che nel 1967 ha occupato giornate intere al produttore George Martin. Il cd viene concluso da ultrasuoni non udibili dall’uomo, seguito da un loop con voci senza senso e nella versione il vinile questo loop era stato registrato sulla parte finale, permettendo così di far ascoltare questi pochi secondi all’infinito finchè qualcuno non avrebbe tolto la puntina del giradischi. Nella versione cd si può sentire solo qualche secondo che finisce col dissolversi.
    I Beatles con questa produzione musicale sono riusciti ad aprire nuove porte alla musica, portando alla ribalta psichedelica e rock sperimentale, che da li a poco tempo sarebbero diventati generi di ispirazione per l’hard rock, genere fondatore del rock più ruvido.
    Quest’album fu in testa alle classifiche per mesi e mesi nelle classifiche di tutto il mondo, permise ai fab-four di portare a casa quattro Grammy Awards in un colpo solo(Album dell’anno, Miglior copertina, Miglior album contemporaneo e Miglior registrazione), ma soprattutto è stato inserito nella Rock And Roll Hall Of Fame come “Most Definitive Rock And Roll Album”.

    Servono altri aggettivi per descriverlo?!No, solo la musica può parlare adesso!!!

    AUGURI SGT. PEPPER’S
    IO il 25 Agosto 1970 C'ERO :cool:
  2. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4596411
    Tracklist

    1. "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band" – 2:04
    2. "With a Little Help from My Friends" – 2:46
    3. "Lucy in the Sky with Diamonds" – 3:30
    4. "Getting Better" – 2:49
    5. "Fixing a Hole" – 2:38
    6. "She's Leaving Home" – 3:37
    7. "Being for the Benefit of Mr. Kite!" – 2:39
    8. "Within You Without You" – 5:07
    9. "When I'm Sixty-Four" – 2:37
    10. "Lovely Rita" – 2:44
    11. "Good Morning Good Morning" – 2:43
    12. "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band (Reprise)" – 1:20
    13. "A Day in the Life" – 5:33

    Voto 5/5


    :cool: :cool: :cool:
    IO il 25 Agosto 1970 C'ERO :cool:

  Disco Da Avere Di Giugno 2007:"Beatles - Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band"(1967)

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina