1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4598146
    IL SENO COME
    ARMA LETALE

    Perfezionata una tecnica di difesa personale chiamata Karatette.


    Cremona. Una campionessa d’arti marziali sta insegnando alle donne prosperose, nella città del Torrazzo, come difendersi da violentatori, rapinatori e da altri malintenzionati, mediante il seno. In una nuova forma d’arte marziale battezzata Karatette, le mammelle, usate per schiaffeggiare, soffocare e colpire, neutralizzano ogni eventuale aggressore. "Alle donne con un seno abbondante è sempre stato detto che la loro dotazione le rendeva facilmente bersaglio di molestie ed era necessario proteggerlo" spiega Cinzia Gazonga, già campionessa di Judo e Kung-fu che ha sviluppato il Karatette, o combattimento toracico.
    "Io insegno che la donna può usare il proprio petto per vincere un avversario maschile, molto più forte e pesante di lei".
    Le statistiche indicano chiaramente quanto le signore e signorine, che indossano un reggiseno superiore della quarta misura, siano più soggette ad attacchi di tipo sessuale. Le stesse, però, sono anche in grado di trarre vantaggio dalla tecnica del Karatette.
    La prima parte del corso è teso alla desensibilizzazione della parte, per evitare il dolore, attraverso un allenamento misto di metodi di tipo occidentale, come il training autogeno e di tipo orientale come lo Yoga ed il Chi Qong. Dopo si passa alle tecniche di combattimento.
    "Purtroppo, diventando meno sensibili, le tette ci perdono come zone erogene ed i partner dovranno, in futuro tenerne conto, ma è un prezzo che vale la pena di pagare" spiega Cinzia.


    Ecco alcune delle mosse insegnate in palestra:


    Lo schiacciamento.

    Quando il molestatore si avvicina, aprite la camicia e lasciate che metta la sua mano tra i seni. Usando entrambe le mani, schiacciate rapidamente e con forza le due mammelle una contro l’altra in modo che non riesca a liberarsi. Nel contempo, dategli una ginocchiata nei testicoli e una testata sui denti.

    La provocazione.

    Spogliatevi a metà, rimanendo a torso nudo. L’aggressore rimarrà un attimo perplesso, ma voi ne approfitterete per lanciare con forza, alternativamente, i seni in faccia all’avversario. Bisogna imparare a usare la spinta delle spalle e di tutto il corpo unita a quella delle braccia. L’effetto è micidiale, specie per chi indossa dalla quarta misura di reggiseno in su.

    L’accecamento.

    Mostrate i seni e chiedete all’aggressore se gli piacciono. Quando si avvicina per osservarli meglio, prendetegli le mani e ficcategli il capezzolo destro nel suo occhio sinistro e poi l’altro nel destro. Bisogna, ovviamente, imparare a controllarne la durezza, ma questo avviene attraverso le speciali tecniche della Gazonga.

    Il soffocamento.

    Afferrate l’avversario per la nuca e schiacciategli la faccia tra i seni. Tenetegli la testa in questo modo finché non sviene.


    -------------------------------------



    :sbav: :sbav: :mmh: :mmh: :asd: :asd:
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4598147
    La prima tecnica mi sembra fattibile le altre strombolate.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  3.     Mi trovi su: Homepage #4598148
    ma .. non è che qualcuno aggredirà una donna sperando di trovarsi di fronte proprio ad una che metta in pratica questi suggerimenti ??

    mi sembra più una istigazione a delinquere ..

    Cmq io Voglio essere sopraffatto con la seconda la terza o la quarta tecnica .. mi sembrano taaaanto efficaci :shocked:

  Il seno come arma letale

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina