1.     Mi trovi su: Homepage #4605007
    Dalla comparazione dei dati sulla violenza negli stadi riferiti al periodo successivo ai tragici incidenti di Catania del 2 febbraio scorso, rispetto allo stesso periodo del campionato 2005-2006, "emerge un netto calo" dei fenomeni in occasione degli incontri di calcio. E' quanto emerge al termine della riunione dell'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive: le partite di calcio nel corso delle quali si sono verificati incidenti con feriti sono infatti diminuite del 70%.

    I feriti tra le forze di polizia sono diminuiti del 93% e del 44% tra i tifosi. La riunione dell'Osservatorio nazionale e' stata presieduta in via straordinaria dal prefetto Antonio Manganelli, vicedirettore generale vicario della pubblica sicurezza. Erano presenti tra gli altri il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete e i presidenti delle Leghe di A, B, C e D, Antonio Matarrese, Mario Macalli, e Carlo Tavecchio. Nel corso della riunione e' stato fatto il punto sull'efficacia delle strategie adottate dall'Osservatorio per dare attuazione alla recente normativa antiviolenza.

    Per quanto riguarda l'adeguamento degli impianti sportivi, un primo monitoraggio ha individuato 37 stadi con capienza superiore ai 7500 spettatori che, in base alle nuove norme, dovranno realizzare tutte le misure previste: si tratta di uan squadra di serie A, 7 di B, 23 di serie C, 3 di serie D e 3 dei campionati dilettantistici.

    L'Osservatorio ha chiarito che l'ambito di applicazione della normativa vigente riguardera' gli impianti sportivi che risulteranno di capienza superiore ai 7500 spettatori all'atto dell'iscrizione del prossimo campionato. Rientreranno quindi nella previsione tutte le squadre di A e di B mentre le squadre di serie C, il cui requisito minimo di riscrizione al campionato e' di 4 mila spettatori, potranno partecipare al prossimo campionato "con l'impegno della Lega Calcio di introdurre formule regolamentari che consentano, con progetti di medio periodo, di portare a norma gli impianti con la capienza registrata alla data di entrata in vigore della normativa antiviolenza".

    Anche sui 32 impianti gia' considerati a norma dopo l'entrata in vigore del decreto Amato, l'Osservatorio ha avviato ulteriori verifiche che hanno fatto registrare: "modeste criticita', superabili a livello territoriale anche con il supporto della sua commissione di esperti". Nel corso della prossima stagione "sara' costante" l'attivita' di vigilanza sulle misure che hanno consentito di considerare a norma gli impianti sportivi.

  Violenza: Dopo i fatti di Catania, 70% di incidenti in meno

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina