1. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609257
    E, visto che questo week-end a Indianapolis saranno di scena i motori, seguiremo con voi,come di consueto il Gp di F1:cool:



    Domenica si corre a Indianapolis il GP degli Stati Uniti. Un appuntamento su un circuito ricco di fascino e insidie.
    Tortuoso, complesso, accattivante, impegnativo. E soprattutto con alle spalle un grande bagaglio di tradizioni. Questo è l'Indianapolis Motor Speedway, il circuito dove domenica si correrà il Gp degli Stati Uniti. Un tempo terra di conquista prediletta di Michael Schumacher e in generale della Ferrari, che ora spera di riconquistare negli States il terreno perduto dalla rivale McLaren. Tuttavia Indy non è amato da molti piloti, timorosi delle sue multiformi e insidiose caratteristiche.

    Da una parte infatti i due lunghissimi rettilinei, dove spingere al massimo la monoposto. Dall'altra un dedalo di curve lente e tortuose (sono 13 in tutto, 4 a sinistra e 9 a destra, su un tracciato di 4,192 chilometri). Dunque, nel weekend i team sono chiamati a bilanciare le opposte esigenze. La scelta del setup è fondamentale, bisogna avere una buona velocità sul rettilineo e la giusta stabilità nelle curve lente.

    Da una parte bisogna avere un basso effetto suolo in modo che la monoposto sia libera di correre sui rettilinei e sia competitiva nella guerra dei sorpassi. Dall'altra è decisivo mantenere un carico aereodinamico sufficiente a ottenere il giusto grip nelle parti più lente. Esigenze chiaramente contrapposte, da pacificare con un giusto compromesso.

    Un'altra questione chiave a Indianapolis sono le gomme. Qualche anno fa i team gommati Michelin furono costretti a restare ai box: la casa francese non era in grado di assicurare loro le necessarie garanzie di sicurezza. Sul circuito americano spesso si è costretti a forti accelerazioni partendo da velocità molto basse, generalmente in uscita dalle curve più lente. Questo favorisce una forte usura dei pneumatici, soprattutto quelli posteriori.

    Usurata nelle gomme e fiaccata dallo sforzo di dover 'reggere' l'alternarsi di parti veloci e lenti, da metà gara in poi la monoposto diventa piuttosto difficile da guidare. Così facendo però si apre una gara nella gara. E' l'occasione per i piloti di salire in cattedra e di gestire il Gran Premio con il talento e l'intelligenza individuale. Inoltre le numerose occasioni di sorpasso rendono la gara solitamente molto vivace.


    Gli orari del GP
    Questi il programma e la copertura tv del GP degli Stati Uniti di F.1, in programma domenica a Indianapolis (l'orario espresso è quello italiano):

    VENERDI
    16-17.30 - Prove libere
    20-21.30 - Prove libere
    (diretta su Sky Sport 2 dalle 16)

    SABATO
    16-17 - Prove libere
    19 - Qualifiche
    (diretta Sky Sport 2 dalle 16, Rai2 dalle 18.45)

    DOMENICA
    19 - GP degli Usa
    (diretta Rai1 e Sky Sport 2)


    -----------------
    DATI DEL CIRCUITO
    Primo GP disputato: 30/05/1950
    Lunghezza: 4.192 m
    Velocita` massima: 350 Km/h
    Curve a destra: 9
    Curve a sinistra: 4
    Vittoria GP 2006: M. Schumacher
    Pole Position GP 2006: M. Schumacher - 1`10``832

    STATISTICHE DEL TRACCIATO

    Maggior numero di vittorie
    5 Michael Schumacher (Ger)
    2 Sergei Vukovich (Urs)
    1 Rubens Barrichello (Bra)
    1 Jimmy Bryan (Usa)
    1 Pat Flaherty (Usa)
    1 Mika Hakkinen (Fin)
    1 Sam Hanks (Usa)
    1 John Parsons (Usa)
    1 Jim (Richard) Rathmann (Usa)
    1 Troy Ruttman (Usa)

    6 Ferrari
    2 Belond Exaust
    2 Fuel Injection
    2 John Zink
    1 Agajanian
    1 Belanger
    1 Ken Paul
    1 Leader Car
    1 McLaren
    1 Wynn

    Maggior numero di Pole Position
    4 Michael Schumacher (Ger)
    1 Fred Agabashian (Usa)
    1 Rubens Barrichello (Bra)
    1 Walt Faulkner (Usa)
    1 Pat Flaherty (Usa)
    1 Jerry Hoyt (Usa)
    1 Jack Mc Grath (Usa)
    1 Duke Nalon (Usa)
    1 Pat O'Connor (Usa)
    1 Kimi Raikkonen (Fin)

    5 Ferrari
    1 Cummins Diesel
    1 Dean Van Lines
    1 Fuel Injection
    1 Grant Piston Ring
    1 Hinkle
    1 Jim Robbins
    1 John Zink
    1 McLaren
    1 McNamara

    Maggior numero di Podi
    7 Michael Schumacher (Ger)
    4 Rubens Barrichello (Bra)
    4 Sam Hanks (Usa)
    4 Jim (Richard) Rathmann (Usa)
    3 Jimmy Bryan (Usa)
    2 David Coulthard (Gb)
    2 Heinz - Harald Frentzen (Ger)
    2 Jack Mc Grath (Usa)
    2 Sergei Vukovich (Urs)
    2 Rodger Ward (Usa)

    12 Ferrari
    4 McLaren
    3 Bardahl
    3 Hinkle
    2 Belond Exaust
    2 Chapman
    2 Dean Van Lines
    2 Demler
    2 Fuel Injection
    2 John Zink

    Maggior numero di giri veloci
    3 Michael Schumacher (Ger)
    3 Sergei Vukovich (Urs)
    2 Rubens Barrichello (Bra)
    2 Jim (Richard) Rathmann (Usa)
    1 Tony Bettenhausen (Usa)
    1 David Coulthard (Gb)
    1 Bill Holland (Usa)
    1 Jack Mc Grath (Usa)
    1 Juan Pablo Montoya (Col)
    1 Paul Russo (Usa)

    5 Ferrari
    2 Fuel Injection
    1 Belanger
    1 Blue Crown Spark Plug
    1 Chiropractic
    1 Hinkle
    1 Hopkins
    1 Jones & Maley
    1 Ken Paul
    1 McLaren


    Video: Un giro di pista
  2. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609259
    Vettel sostituirà Kubica ad Indianapolis
    La FIA non ha dato l’ok al polacco


    Robert Kubica non ha ottenuto semaforo verde da parte del delegato medico della FIA per disputare il Gran Premio degli USA 2007. La BMW Sauber ha di conseguenza nominato Sebastian Vettel secondo pilota della squadra di Hinwill al fianco di Nick Heidfeld per la corsa di Indianapolis.

    Vettel disputerà in questo weekend la sua prima gara ai massimi livelli. "Sono impaziente di correre la mia prima gara in F1, ma avrei voluto che fosse accaduto in circostanze diverse. Non è mai bello se un compagno di squadra non è in grado di guidare a causa di un incidente. Per me lo Speedway di Indianapolis è territorio sconosciuto, ma mi sono preparato per questa situazione e avrò due sessioni di 90 minuti. Conosco la vettura molto bene, ho coperto diversi km nei test," ha commentato Vettel.


    "Naturalmente sono deluso perché ero pronto a correre. Ma rispetto la decisione. E’ stata presa perché era troppo grande il rischio di subire un altro incidente e quindi un altro impatto subito dopo quello di Montreal. Adesso andrò a casa, auguro a Sebastian il meglio. Sono sicuro che svolgerà un buon lavoro," ha dichiarato Kubica.

    -----------------
    L’India accoglierà un GP nel 2009
    Ecclestone lo avrebbe confermato


    Nel 2009 l’India organizzerà il suo primo Gran Premio di Formula 1, a New Delhi, ha annunciato giovedì alla stampa il presidente del comitato olimpico indiano Suresh Kalmadi.

    "Abbiamo ricevuto una lettera a questo proposito da parte di Bernie Ecclestone," ha dichiarato Suresh Kalmadi a proposito dell’accordo firmato col grande patron della Formula 1.

    "Il comitato olimpico indiano sarà l’organizzatore di questo evento che verrà disputato per la prima volta nel 2009.
    "

    Bernie Ecclestone aveva dichiarato l’anno scorso che l’India sarebbe stato uno dei futuri mercati dello sport automobilistico dopo che l’indiano Narain Karthikeyan guidò una Jordan nel 2005.
  3. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609260
    GP del Canada - Lo sfogo di Alonso


    GP del Canada - Il pilota spagnolo si è sfogato con la stampa del suo paese e ha criticato duramente il suo team, reo di tifare per Hamilton. Alonso ha inoltre dichiarato di non sentirsi a suo agio, ma è sicuro di poter vincere il mondiale


    Mastica amaro Fernando Alonso. Dopo la vittoria di Lewis Hamilton, suo compagno di scuderia, il pilota spagnolo si è sfogato con la stampa del suo paese e ha ammesso di sentirsi un po" a disagio con la McLaren rea, a suo dire, di tifare per Hamilton.

    In realtà le indiscrezioni che arrivavano dal paddock avevano fatto pensare già nei giorni scorsi a un Alonso un po' sotto tono. E, puntuale, è arrivata la viva voce dell'interessato a confermare il tutto: "Sin dal primo momento - ha precisato lo spagnolo, intervenendo a una trasmissione radiofonica spagnola- non sono mai stato completamente a mio agio. Sono in una scuderia inglese, con un pilota inglese che sta facendo tutto nella maniera più brillante. Sapevamo tutti che tipo d'aiuto e di sostegno avrebbe avuto ed è qualcosa che capisco e di cui non mi lamento. D'altra parte io ho vinto due corse su sei, ho fatto quattro podi e ho conquistato 40 punti. Alla fine della stagione sarò nuovamente in lotta per il titolo".

    Alonso si è sfogato dopo le critiche della stampa inglese per il settimo posto nel Gp del Canada: "La stampa britannica coccola Hamilton? -ha proseguito - sono completamente indifferente a queste cose. Sono gli stessi giornalisti e giornali che non avrebbero potuto dire niente se la Safety car a Montreal fosse entrata al 23esimo giro anzichè al 24esimo, quando Hamilton non avrebbe avuto abbastanza benzina per fare un altro giro. La stampa spagnola ha più rispetto di quella britannica".

    Alla fine lo spagnolo ha comunque rassicurato i suoi tifosi: "Sono calmo, sto bene ma sono impaziente di ritornare al top e dominare. Ma sono secondo in campionato, staccato di 8 punti. Sarebbe stato peggio se fossi stato alla Renault o alla Honda o qualsiasi altra squadra. Al momento sono nella posizione dove mi aspettavo di essere e con una buona possibilità di vincere il titolo all'ultima gara, e non ora, che è solo la sesta".

    -----------------------------

    GP degli Stati Uniti - Hamilton risponde ad Alonso

    GP degli Stati Uniti - Vigilia movimentata in casa McLaren. Hamilton ha risposto alle accuse di Alonso e lo spagnolo, dal canto suo, ha analizzato il circuito di Indianapolis con una speranza: tornare a vincere

    Umori contrastanti in casa McLaren alla vigilia del Gp di Indianapolis. Se, da una parte, Fernando Alonso ha movimentato la settimana con le dichiarazioni sul suo team, dall'altro Lewis Hamilton è al settimo cielo.

    L'inglese si sta godendo il meritato primo posto in classifica ma non risparmia frecciatine al compagno:"Le parole di Fernando mi hanno sorpreso - ha spiegato Hamilton - e non condivido quello che ha detto. Forse parla così perché non si aspettava che andassi così bene". Bravo Hamilton. Talmente bravo da essere solo in testa alla classifica dopo sei gare, al primo anno in Formula 1. ''Dubito che si aspettasse simili risultati da parte mia - spiega ancora Hamilton -. Non so, però, se questo è il motivo per cui parla in un certo modo. Lui ha vinto il Mondiale negli ultimi due anni, non è mai stato in grosse difficoltà. Ha avuto rivali, chiaro. Ma non ne ha mai avuto uno così vicino, all'interno della squadra, e non ne ha mai avuto uno che è un buon amico fuori dalla pista. E' una situazione difficile".

    Le dichiarazioni di Alonso hanno fatto scalpore a tal punto che sono circolate anche le voci di un possibile, clamoroso, scambio Ferrari - McLaren con lo spagnolo alla Rossa al posto di Raikkonen che tornerebbe così in McLaren.

    Intanto Hamilton si sta abituando al primato in classifica: - Mi sento su un altro pianeta - ha dichiarato l'inglese con il sorriso a fior di labbra - Sono contento per i tifosi inglesi. A New York ho conosciuto di tifosi spagnoli che tifano per me". Chissà cosa avrà pensato Alonso. Lo spagnolo invece ha preferito analizzare il circuito americano: "A me basta solo che a Indy non ci siano tutte le safety car di Montreal - ha detto lo spagnolo - ho le carte in regola per vincere. Qui non ci sono mai riuscito ma ci terrei ad una vittoria in un circuito che è la storia dell'automobilismo. La macchina c'é, sono ottimista". Ma da parte sua neanche un sorriso, né una parola su un suo possibile futuro in Ferrari.


    ------------------------

    GP degli Stati Uniti - Kimi sfida Hamilton

    GP degli Stati Uniti - Il ferrarista vuole tornare a dire la sua dopo i recenti deludenti risultati: a Indy ci sono tutte le premesse per dare filo da torcere alla McLaren



    "Le ultime tre gare non sono state all'altezza delle aspettative. Stiamo facendo il massimo per ritornare al livello delle prime gare. Vorrei davvero vincere perché ci aiuterebbe tantissimo." Kimi Raikkonen è perfettamente consapevole del momento di crisi che sta attraversando: partito bene in Australia dove ha vinto, il finlandese della Ferrari ha ottenuto due podi, in Malesia e Bahrain, per poi arenarsi inanellando una serie di prestazioni poco illuminate in Spagna, a Montecarlo e in Canada. Quarto in classifica, Raikkonen rimane tuttavia ottimista: "Cercheremo con tutte le nostre forze di migliorare il pacchetto per la prossima gara a Indianapolis, vedremo i risultati dopo le libere".

    Questo week-end l'ostacolo sarà rappresentato dallo storico circuito di Indianapolis, teatro della settima prova iridata della stagione, il Gran Premio degli Stati Uniti. "Difficile dire cosa possiamo aspettarci all'Indianapolis Motor Speedway. La pista mi piace ed è tradizionalmente favorevole alla Ferrari. C'è un lunghissimo rettilineo dove bisogna avere una buona velocità ma, allo stesso tempo, la parte interna è molto tortuosa, con curve dove si devono usare le marce più basse. Per fortuna, si può sorpassare in fondo al rettilineo."

    In recupero sul compagno Felipe Massa e sull'iridato in carica Fernando Alonso, il finlandese ha visto invece andare in fuga Lewis Hamilton: "Ora ha 21 punti di vantaggio su di me. Mi sarebbe piaciuto essere in testa, ma sono sicuro che anche Hamilton avrà un periodo di gare non buone". Insomma, la ruota della fortuna gira per tutti...
  4. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609261
    McLaren-Ferrari, il potere logora chi ce l'ha
    Le polemiche di Alonso con la scuderia di Woking, i problemi in casa Ferrari: calda la vigilia di Indy per i due big team.


    Indianapolis come punto d’incrocio di diversi destini e nodi, che pure dovranno venire al pettine. Le guerre intestine in casa McLaren, i problemi della Ferrari, le incertezze di Raikkonen. Il GP degli Stati Uniti, appuntamento di chiusura della trasferta nordamericana, allora probabilmente schiarirà alcune nubi o, al contrario, rischia di ingarbugliare ancora di più un Mondiale già parecchio complicato.

    Se Atene piange, Sparta non ride: questa la costante del raffronto incrociato Ferrari-McLaren. Il team di Woking primeggia ovunque, nella classifica costruttori e nella classifica piloti. Le prospettive sembrano rosee, con una monoposto ben progettata ma soprattutto ben sviluppata che è riuscita a recuperare il gap iniziale con la Ferrari e anzi a rovesciarlo a proprio favore. Però le dichiarazioni di Alonso hanno percosso come un tuono la quiete della capolista.

    E Ron Dennis si è dovuto travestire da pompiere: “Non è vero che Hamilton gode di trattamento privilegiato. Anzi, ribadisco che i piloti vengono trattati ugualmente: stesse apparecchiature per entrambi, stesso supporto del team e stesse possibilità di vincere. Fernando è nuovo qui, il nostro rapporto non potrà che crescere e migliorare nel tempo”.

    Sonni infranti pure alla Ferrari, dove la scarsa resa della F2007 preoccupa e soprattutto preoccupa la sensazione che Felipe Massa e Kimi Raikkonen non siano proprio i piloti adatti per sviluppare una macchina dalle potenzialità ancora non del tutto esplorate. Soprattutto il finlandese, caricato della nomea di Successore-di-un-certo-Michael-Schumacher deve giustificare attese e investimento.

    Per ora non c’è altro da fare che mostrare una fiducia di maniera: “Anche Montreal dopo Montecarlo è andata male per noi. Dobbiamo migliorare il pacchetto e provare a conoscere più a fondo la macchina. Lo dico senza nascondermi: finora non sono andato benissimo. Così come nelle ultime gare la McLaren ha fatto decisamente meglio di noi. Noi, io e il team, dobbiamo tornare a vincere quanto prima, ma io non mi deprimo: momenti così capiteranno anche ai nostri avversari”.
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609262
    Effettuati i primi test notturni
    Ieri ad Indianapolis


    La FIA non è formalmente opposta all’organizzazione eventuale di gare notturne di Formula 1, ma la federazione le autorizzerà finché il livello di sicurezza non sarà all’altezza degli standard della categoria regina delle quattro ruote.

    E’ quindi in tutta discrezione ieri sera a Indianapolis, che la FIA ha svolto le sue prime investigazioni facendo girare a partire dalle 21h30 la vettura medica e quella di sicurezza con le luci spente.

    Naturalmente per vederci qualcosa era stata create un’organizzazione in alcuni punti strategici del tracciato.
    Affinché la simulazione fosse perfetta, alcuni commissari hanno sventolato delle bandiere di diversi colori a bordo pista.

    La FIA adesso analizzerà questo primo test, al quale ne faranno certamente seguito altri, prima di dare l’ok per le corse di notte, molto care a Bernie Ecclestone.
    ---------------------------------

    Aonso, Heidfeld e Hamilton
    GP degli USA : Prove Libere 1


    I piloti sono stati accolti da un bel sole in occasione della prima sessione di prove libere di Indianapolis. I termometri indicavano 24°C nell’aria e 36°C sull’asfalto. Naturalmente in casa BMW Sebastian Vettel ha preso il testimone di Robert Kubica, il quale dovrebbe rientrare senza problemi in occasione del prossimo GP.

    In Williams, Alex Wurz ha ceduto solo provvisoriamente il proprio abitacolo al giapponese Nakajima, a Montreal era stato il turno di Nico Rosberg a dare un po’ di spazio al terzo pilota del team di Grove. All’apertura della pit lane i primi ad entrare in azione sono stati Sutil e Albers, per i quali è vietato commettere errori in questo weekend, Trulli, Heidfeld, Davidson, Sato e Vettel.

    Quest’ultimo ha cercato di imparare il più rapidamente possibile il Motor Speedway, in seguito passerà alle regolazioni della sua F1.07. Tutti i piloti, dopo un primo giro di controllo, sono rientrati ai rispettivi box. Le due Toyota si sono fatte rivedere poco dopo e Ralf si è installato dietro il compagno di squadra Trulli. Ralf ha poi preso la testa, mentre Vettel si è issato facilmente al terzo rango.

    Dopo mezz’ora è stato Hamilton a piazzarsi davanti a tutti con un primo acuto. Il britannico ha in seguito abbassato regolarmente il suo tempo, nonostante sia su un tracciato totalmente nuovo per lui. Nick Heidfeld si è portato nella scia del giovane pilota McLaren. Nella prima parte della sessione ci sono state diverse sbavature in quanto la pista era ancora piuttosto sporca.


    Dopo circa 40 minuti Kimi Raikkonen ha effettuato una piccola escursione fuori pista senza conseguenze. Dopo pochi minuti è stato Alonso a mettersi in evidenza : lo spagnolo è stato il primo a scendere sotto il muro dei 73 secondi. Dietro le due MP4-22 si sono inserite le due Ferrari, mentre Heidfeld era quinto. Il tedesco della BMW ha comunque spinto forte issandosi al secondo rango. Vettel dopo circa una cinquantina di minuti aveva già coperto 19 tornare del brickyard, essendo il più assiduo in pista.

    Ad un quarto d’ora dal termine, Vettel ha effettuato un run con le gomme tenere grazie al quale ha ottenuto il terzo miglior tempo con 31 giri al suo attivo ! Felipe Massa invece, in quel frangente era ancora in pista con la mescola dura di pneumatici ed il brasiliano faticava a tenere la sua F2007 sul tracciato.

    Alla fine è stato Alonso a concludere col miglior tempo. Lo spagnolo ha preceduto di circa mezzo secondo la BMW di Heidfeld e di sette decimi il compagno di squadra Hamilton. Vettel si è piazzato al quarto posto staccato di quasi un secondo. Quinta piazza per Raikkonen davanti a Rosberg, Massa, Coulthard e Button.
  6. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4609263
    Tutto pronto per il Gran Premio di Indianapolis :sbav:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  7. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609264
    Alonso rimane in vetta
    GP degli Usa : Prove Libere 2


    Anche le seconde libere di Indianapolis sono state disputate con un meteo perfetto e valori di temperature di 32°C nell’aria e 56°C sull’asfalto. Il primo a lanciarsi è stato Ralf Schumacher, seguito da Heidfeld, Davidson, Liuzzi, Speed, Sato e Vettel. Ralf è stato il pilota a segnare il primo tempo di riferimento.

    Il tedesco della Toyota è stato subito battuto da Liuzzi e poi da Vettel. La prima posizione ha cambiato spesso di proprietario in quanto un minuto più tardi è stato David Coulthard a sua volta ad installarsi al vertice con la sua RB3 motorizzata Renault.

    I piloti hanno fin dalle prime battute cercato di registrare dei buoni tempi. Fisichella si è inserito al secondo posto, prima che Alonso scaricasse i cavalli della sua McLaren-Mercedes issandosi al primo rango. Heidfeld ha effettuato un’innocua escursione fuori pista, dopo la quale il tedesco della BMW ha preferito rientrare al proprio garage. La leadership di Alonso è durata una decina di minuti : lo spagnolo è stato superato dal compagno di squadra Hamilton che continua ad essere incredibilmente veloce.

    Alla mezz’ora c’è stato l’acuto di Felipe Massa, che al suo primo tentativo si è portato in prima posizione montando gomme tenere.
    Oltre a Vettel, sono stati molto attivi anche i piloti Renault : dopo 51 minuti Kovalainen e Fisichella avevano già coperto rispettivamente 26 e 24 giri. Poco prima dell’ora di prove Heidfeld è uscito nuovamente di pista, il tedesco incontra qualche difficoltà al volante della sua F1.07.

    La sessione è proseguita con diversi errori da parte di vari piloti che molto probabilmente stavano cercando il limite delle loro monoposto e delle gomme. Al termine dei secondi 90 minuti è ancora Fernando Alonso ad emergere come il più veloce, davanti al compagno di squadra Hamilton.

    Terza piazza per la Ferrari di Massa, il quale ha preceduto l’altra Rossa affidata a Kimi Raikkonen. Sesto tempo per Heidfeld che ha preceduto Coulthard, Rosberg e Kovalainen. Sebastian Vettel ha chiuso all’undicesimo rango, staccato di circa un secondo da Alonso.
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4609265
    Todt: "Finché ci sarò io Ferrari senza Alonso

    Il responsabile della gestione sportiva di Maranello fa il punto sulla scuderia, confessa manie e indica gli scenari futuri di una monoposto alla ricerca di stabilità dopo l'addio di Schumacher. Al quale dà un consiglio: "Goditi il tempo libero"

    INDIANAPOLIS (Stati Uniti), 16 giugno 2007 - È una strana Ferrari. Ha vinto la metà dei gran premi disputati, ha ottenuto 4 pole position in 6 gare, eppure non convince. C'è Raikkonen, presunto erede di Schumacher, che sembra un pugile suonato: dopo un terzo di campionato non ha ancora capito la F2007. E c'è Massa che ha dato più di quanto ci si aspettasse: ma quando si parlava di maturità raggiunta, esce dai box di Montreal col semaforo rosso e impiega qualche giorno per capire che ha commesso un errore insostenibile per chi ha ambizioni iridate. Era scontato che il dopo-Schumi non sarebbe stato facile. Quindi Jean Todt, responsabile della Gestione Sportiva, ha qualche pensiero di troppo da affrontare proprio quando meditava di allontanarsi in modo dolce dalle corse. E anche dalla Ferrari, perché dopo 14 anni in cui ha visto solo piloti, piste e macchine, ha scoperto l'amore per Michelle Yeoh, la fidanzata attrice che lui, al telefono, chiama "my love".
    Personaggio difficile, in lotta col mondo e anche con se stesso, Todt ha accettato di fare il punto sulla Ferrari, sulle sue manie, sugli scenari futuri.
    Signor Todt, si aspettava da Raikkonen un periodo di adattamento tanto lungo?
    "Prima gara: pole e vittoria. Dopo 3 GP era a pari punti in testa al campionato, al quarto si sarebbe piazzato 2°-3°, ma si è fermato per colpa nostra. A Montecarlo, senza l'errore, avrebbe fatto una buona gara. Poi Montreal, una lotteria".
    Però non si è mai visto il vero Raikkonen.
    "Le nuove regole per le gomme e la relativa conoscenza possono essere un motivo. Per giudicarlo preferirei aspettare la fine della stagione".
    La Ferrari ha un pilota che passa col rosso e un altro avvolto nelle nebbie: con Schumacher dove sarebbe stata oggi la squadra?
    "Non lo so, ma Michael avrebbe corso da protagonista, come ha fatto sino all'ultima gara. Però abbiamo due piloti molto bravi. Schumi ha scelto di chiudere e l'abbiamo rispettato. Avesse voluto continuare per altri 3 anni, li avrebbe fatti. Ha deciso di dire basta al Nürburgring (maggio 2006, n.d.r.), ma l'abbiamo annunciato a Monza".
    A Montecarlo lei ha detto di considerare Schumacher il suo ideale successore alla Gestione Sportiva: in base a cosa?
    "Ho aggiunto che il problema non si pone, perché non si farà mai, anche se nella vita tutto può cambiare. Le qualità di Michael? Sa ascoltare, conosce le persone, sa metterle insieme, ha una grande sensibilità umana, ha personalità. È un leader".
    Sino a quando lei resterà a capo della Ferrari corse?
    "Non sono uno che fa proclami. Sarà una cosa che condividerò con Montezemolo e gli azionisti. Oggi sono amministratore delegato della Ferrari e, a interim, della F.1, di cui mi occupo per la maggior parte perché viviamo una evoluzione importante, con certi personaggi che non ci sono più e altri che hanno nuove responsabilità. Devo assicurare il passaggio e questo mi prende molto tempo. Nei prossimi mesi dovremo pensare a una gestione sportiva con un capo che non sarà più a interim".
    Qual è, oggi, il suo ruolo nelle strategie di gara?
    "M'informo, se non condivido lo dico, ma di solito decidono persone capaci sulla base di tanti elementi. Non sbagliano mai".
    E il suo coinvolgimento nella gestione industriale?
    "Partecipo alla vita quotidiana dell'azienda. C'è una persona di grande professionalità, Amedeo Felisa, che dirige in prima persona la parte industriale, poi c'è il global brand, con un neo assunto che si chiama Dany Bahar. Io coordino l'orchestra".
    Montezemolo parlava bene di Hamilton in tempi non sospetti: mai pensato di bloccarlo?
    "Conoscevo bene la situazione di Hamilton perché in GP2 correva con una squadra con cui ho certi contatti (la Art di suo figlio Nicolas, n.d.r.). Ed era già pagato dalla McLaren...".
    È vero che la Ferrari ha messo gli occhi su un pilota di 18 anni?
    "E' la prima volta che lo sento".
    Come vedrebbe l'acquisto della Toro Rosso da parte di suo figlio Nicolas?
    "È come se le chiedessi come sta programmando il suo viaggio sulla luna tra un mese. Una invenzione. Sono andato a Montreal con Berger, abbiamo scherzato su queste speculazioni senza fondo di verità. Ma se mi chiede se a mio figlio piacerebbe essere coinvolto in un team di F.1 le rispondo che penso di sì".
    Qualcuno ha chiesto di comprare i telai Ferrari del 2007 per utilizzarli l’anno prossimo?
    "Se ce lo chiederanno valuteremo. Non è una priorità".
    Le piacerebbe un giorno ingaggiare Alonso?
    "Per me è un gran pilota. Ci sono stati contatti ma non andarono in porto. Oggi abbiamo due piloti di 26 e 27 anni, a me non va di cambiare. Detto questo, la Ferrari non è mia. Un giorno, non so quando, il capitolo Todt si chiuderà e saranno altri a prendere le decisioni. Ma nel capitolo Todt non ci sarà Alonso".
    Che consiglio darebbe allo sperduto Schumacher, per la vita?
    "Godersela. E' contento di avere più tempo per la famiglia e per sè. È fantastico a 38 anni poter scegliere. Un team? Non lo vuole, non gli piace. Magari fra 3 anni non sarà più così".
  9. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609266
  10. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609267
    Lewis Hamilton in pole a Indy !
    GP degli USA : Qualifiche


    Continuando a brillare sul cielo di Indy, il sole ha fatto salire ulteriormente i valori di temperature. Le qualifiche del Gran Premio degli USA sono state disputate con ben 34°C nell’aria e 57°C sulla pista, macchine e uomini sono stati messi a dura prova.

    Il primo a lanciarsi nella prima parte è stato Coulthard, seguito da Albers il quale montava già le gomme tenere. Gli altri piloti non si sono fatti attendere molto. Lo scozzese ha segnato il primo tempo di riferimento, ma è stato Kovalainen poco dopo ad issarsi al vertice. Gomme tenere anche per Sutil ed i piloti Toro Rosso. Sutil ha effettuato una piccola escursione sull’erba…

    Fisichella si è portato al secondo rango dopo sette minuti, ma è stato Hamilton a piazzarsi provvisoriamente al comando delle ostilità montando le gomme più dure, come la maggior parte dei top team. Il britannico è stato subito superato dal compagno di squadra Alonso e le due McLaren si sono ritrovate prima e seconda davanti alle Ferrari ed alle BMW.

    Al termine del primo quarto d’ora le due Spyker di Albers e Sutil sono state subito eliminate… come anche le Toro Rosso di Liuzzi e Speed, Sato e Wurz. Grande delusione per questi ultimi due dopo aver disputato una grande gara domenica scorsa a Montreal.

    L’altro pilota Super Aguri invece, Anthony Davidson è riuscito ad accedere alla seconda fase nella quale si è battuto col coltello tra i denti, ma i suoi sforzi sono stati vani perché non ha potuto evitare l’eliminazione.
    Sono usciti di scena alla fine del secondo quarto d’ora anche le due Honda di Barrichello e Button, la Williams di Rosberg, la Red Bull di Coulthard e la Toyota di Ralf.

    Le prime cinque posizioni sono rimaste le stesse, essendo monopolizzate dai primi tre team del paddock : McLaren (Alonso davanti a Hamilton), Ferrari (Raikkonen davanti a Massa) e BMW con Heidfeld al quinto posto. Le due Renault di Kovalainen e Fisichella hanno ottenuto il sesto e settimo tempo nella seconda parte delle qualifiche, davanti alla BMW di Vettel, la Red Bull di Webber e la Toyota di Trulli.

    Nella terza parte di qualifiche Lewis Hamilton ha bruciato ancora una volta come a Montreal tutta la concorrenza segnando la sua seconda pole position consecutiva ! Il britannico ha preceduto di 169 millesimi la McLaren di Alonso e di poco meno di quattro decimi la Ferrari di Felipe Massa. Il brasiliano scatterà quindi dalla seconda fila al fianco del compagno di squadra Raikkonen.

    Terza fila per Heidfeld e Kovalainen, quarta per Vettel e Trulli, quinta per Webber e Fisichella.

    ------------------------
    Risultati completi qualifiche
  11. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609268
    GP degli Stati Uniti - Le parole dei protagonisti dopo le qualifiche del Gp degli Stati Uniti ad Indianapolis che ha visto Hamilton centrare la seconda pole position consecutiva


    LEWIS HAMILTON
    "Prima dell'inizio delle qualifiche non ero convinto che avessimo trovato il giusto set up.Sapevo che Fernando era molto veloce, ma l'importante è che con entrambe le vetture siamo riusciti a stare davanti alle Ferrari. Sapevo che avrei dovuto dare il massimo nelle sessioni di qualifiche e gli ultimi due giri nel Q3 sono stati perfetti. Mi sembra di essermi migliorato proprio all'ultimo giro".

    FERNANDO ALONSO
    "E' stato un ottimo week end per me sino ad adesso. Ho ottenuto il miglior tempo nelle tre libere e nelle prime due qualifiche, anche se non ce l'ho fatta nella sessione decisiva a essere il più veloce. Ma sono molto fiducioso in vista della gara."

    FELIPE MASSA
    "In questo gran premio partire dalla seconda fila non è un disastro come in altri. Sappiamo che le McLaren saranno fortissime in gara, come lo sono state in ogni sessione, abbiamo molto lavoro da fare, e non ci resta che lottare sino all'ultimo giro..."

    SEBASTIAN VETTEL
    "Dopo la tensione di ieri prima per le prove fatte, poi per l'attesa delle qualifiche ero talmente eccitato che ieri non sono riuscito a dormire. Spero che vada meglio domani. Ma non so: è tutto talmente eccitante qui, con tutte quelle migliaia di spettatori sugli spalti e la pista così veloce, con la parabolica da imparare e la macchina da capire, e intorno a te hai i piloti più bravi al mondo... E' un momento magico".
  12. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4609269
    Orari:

    DOMENICA

    19 - GP degli Usa
    (diretta Rai1 e Sky Sport 2)





    io sono via fino a lunedì mattina...se qualcuno riesce, può mettere risultati classifiche e interviste...
    altrimenti dovete attendere lunedì pomeriggio ;)

  F1: Gp degli USA

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina