1.     Mi trovi su: Homepage #4610092
    MILANO - Alberto Gilardino non sa più segnare come una volta? A giudicare dai freddi dati statistici, sarebbe proprio così. Se, infatti, si va ad analizzare con attenzione il “fatturato” dell’attaccante del Milan si nota, non senza un certo stupore, che qualcosa non funziona più come una volta. Una crisi complessa, che merita un’analisi attenta.
    Andiamo con ordine. Dopo due stagioni di ambientamento in serie A (Verona, campionato 2001/02, e Parma 2002/03), con, rispettivamente, 2 e 4 gol all’attivo, il centravanti nativo di Biella esplode la stagione successiva, sempre in quel di Parma, segnando 23 gol in 34 giornate (più 3 gol nelle Coppe Europee). Roba da non credere, vista anche la giovane età. Il bottino dell’anno successivo, stagione 2004/05, è altrettanto impressionante con 24 gol in 39 gare (spareggio salvezza compreso), anche se la percentuale gol a partita scende da un incredibile 0,67 gol a partita a un comunque più che discreto 0,61. Numeri che valgono la chiamata del Milan. Il primo anno al Diavolo termina con 17 centri in 34 gare con una media gol di 0,50 ad allacciata di scarpe. Penoso il rendimento in Champions League con zero reti in 10 presenze. In tanti parlano di “periodo di ambientamento” e lasciano correre senza dubbi.
    La stagione 2006/07 dovrebbe essere quella della rinascita e invece Gilardino continua a peggiorare il suo rendimento sottoporta, segnando “solo” 12 gol in 30 gare (0,4 gol a partita). In particolare, avendo disputato 2275’ in campionato, il bomber rossonero segna un gol ogni 189’ (al suo primo anno al Milan segnava ogni 159’, con il Parma la percentuale scende ancor di più). Una media non da Gilardino. Anche in Champions non c’è da sorridere con il Gila che mette dentro una rete ogni 335’ (2 gol in 11 gare). Numeri impietosi: tutto sembra confermare un fatto. L’attaccante di Biella non è più quel cinico rapinatore d’area di un tempo. Cosa è successo? Difficile capirlo… (ass)

    Un anno no. Anche le statistiche lo confermano. Quella di Adriano è stata la peggior stagione nerazzurra di sempre. In 30 presenze totali (23 in campionato), il brasiliano ha messo a segno solo 6 reti (5 in campionato). Solo 1.900 minuti in campo, di cui 1.495 in serie A (... solo l’anno passato erano stati 3.789). Insomma, cifre deludenti per uno che aveva un pedigree di tutto rispetto.
    Meglio tentare di far chiarezza. Stagione 2003/04, Adriano, giunto alla Pinetina solo a gennaio (direttamente dal Parma dove stava facendo faville), si mette subito al lavoro con grande determinazione, mettendo a segno 9 reti in sole 16 gare di campionato. Va ancora meglio l’anno seguente con l’Imperatore che riesce a giungere ad un bottino impressionante: 28 gol totali (16 in 30 partite di campionato) in 42 partite ufficiali. Anche nella precedente stagione il rendimento è più che buono: 13 le reti in campionato, più 6 nelle coppe europee. Insomma un rendimento decisamente positivo anche se non straordinario come i precedenti. Ma poi, di colpo, qualcosa si è inceppato. Adriano inizia la stagione appena conclusa in maniera più che deludente.
    Il brasiliano non riesce a sbloccarsi davanti alla porta. Le gare senza gol aumentano in maniera esponenziale, tanto che bisogna attendere fino alla 18ª giornata per vedere il suo nome tra i marcatori di una gara dell’Inter (segna contro l’Atalanta il 23 dicembre).
    Non era mai successo. Nel 2005/06 la punta nerazzurra aveva segnato ben 15 reti prima della fine di dicembre. Era andata ancora meglio l’anno prima con ben 21 gol prima del mese di dicembre. Insomma mai Adriano aveva iniziato tanto male una stagione agonistica. Ma c’è un motivo? Forse, soprattutto se si tiene conto di un altro fatto statistico, ovvero che il brasiliano, quest’anno, è andato al tiro molto meno rispetto al recente passato. Circa 2,3 tiri, in media, verso la porta avversaria nelle stagioni 2004/05 e 2005/06, solo 1,2 nell’ultimo campionato. Meno tiri, meno gol? Un po’ troppo semplicistico ma potrebbe anche essere una valida motivazione e un punto da cui ripartire… (F.Pon./ass)

    (Fonte : Leggo)

    --------------

    In virtù di questi numeri (desolanti), come fa Gilardino a non essere svalutato dopo il suo arrivo a milanello ?... :confused:

    Infatti il prezzo di questo Adriano, è molto meno rispetto a qualche anno fa......com'è giusto che sia...

    :cool:
  2.     Mi trovi su: Homepage #4610093
    Originally posted by Vittore


    In virtù di questi numeri (desolanti), come fa Gilardino a non essere svalutato dopo il suo arrivo a milanello ?... :confused:

    Infatti il prezzo di questo Adriano, è molto meno rispetto a qualche anno fa......com'è giusto che sia...

    :cool:
    i prezzi li fa chi compra, non chi vende, quelli son solo indicativi.
    camoranesi ad esempio viene valutato dalla juve 60 milioni, ma credi davvero che qlc1 sarà disposto a pagarlo tanto o, in caso dovesse partire, le cifre reali saranno altre ?
  3.     Mi trovi su: Homepage #4610094
    Originally posted by LaBiRiNtO
    i prezzi li fa chi compra, non chi vende, quelli son solo indicativi.
    camoranesi ad esempio viene valutato dalla juve 60 milioni, ma credi davvero che qlc1 sarà disposto a pagarlo tanto o, in caso dovesse partire, le cifre reali saranno altre ?



    Lo so, ma non capisco se il milan ha pagato un giocatore due anni fa a 24 Milioni e in questi due anni ha deluso, come si può richiedere la stessa cifra ora ?.......è impensabile.... :unpazzo:

    per camoranesi, la valutazione che fa la società è puramente indicativa e non reale......
    anche perchè se si presenta una società con dei contanti (molti di meno di 60), non penso che si impuntino...... :yy:

    Comunque io ho sentito della valutazione di Buffon sui 80 (esagerata) detta da Cobolli, ma non su camoranesi....

    :cool:
  4.     Mi trovi su: Homepage #4610095
    Originally posted by Vittore
    Lo so, ma non capisco se il milan ha pagato un giocatore due anni fa a 24 Milioni e in questi due anni ha deluso, come si può richiedere la stessa cifra ora ?.......è impensabile.... :unpazzo:

    per camoranesi, la valutazione che fa la società è puramente indicativa e non reale......
    anche perchè se si presenta una società con dei contanti (molti di meno di 60), non penso che si impuntino...... :yy:

    Comunque io ho sentito della valutazione di Buffon sui 80 (esagerata) detta da Cobolli, ma non su camoranesi....

    :cool:
    Non è folle che il milan chieda 24 milioni per Gilardino, ma che ci sia una fiorentina che sarebbe pure disposta a darglieli... :rolleyes:

  Gila & Adriano, numeri da crisi...

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina