1. Stramazzarri torna  
        Mi trovi su: Homepage #4618472
    Originally posted by Franky Crown
    ti giuro che conosco un pisano che parla uguale a zio tom e il bambino mi ricorda un mio amico del mare..di lucca!:asd: :asd: :asd:




    Il dialetto pisano e livornese in quacosa intercalare si assomigliano, ma nel complesso sono diversi quindi non so che dirti.

    Magari era un pisano travestito da livornese! :eek:
  2. Stramazzarri torna  
        Mi trovi su: Homepage #4618477
    http://www.nidodelcuculomagazine.it/

    I livornesi e ir cinema

    E’ inutile: i livornesi ar cinema vogliano vedé se stessi. Siamo un popolo talmente tanto egocentrico che si snobba e si sdegna tutto quello che non riproduce e non rispecchia “Livorno”. E così, ar posto di Supermèn si vorrebbe vedé, che ne so, SUPERDE’, un eroe in calzamaglia e mantellino che svolazza su Piazza Attias invece che su Metropolis; si vorrebbe sognà l’astronave grossa di “INDEPENCE DAY” che fa saltà in aria ir Gazebo alla Terrazza Mascagni al posto della ‘asa Bianca; si vorrebbero vedé gli animali de’ cartoni animati scappà a gambe levate dar Parterre sul viale Carducci invece che dallo Zoo di New York in un film intitolato, magari, “Capraia” o “Isola del Giglio” invece di “Madagascar”.
    Il livornese deve esse’, rigorosamente, al Centro del mondo: ner film di Wayne Wong “The Center of The World” chi pensate che ci trovino i protagonisti quando arrivano ner punto cruciale? Dé – manco a dillo – du’ livornesi! Che, un po’ sfavati, chiedano a quell’artri attori americani appena giunti: “O voi, qui, cosa ci fate?! Ci s’era prima noi!”.
    E’ questo ir Primato de’ livornesi in generale (e guai a chi ce lo tocca!): rivendicare una posizione centrale ner Mondo, anche se si parla del Mondo di Celluloide. E per giunge’ a questo risultato il livornese è disposto anche a creà dei falsi spudorati; come arrivare a sostenè che “The New World – Il Nuovo Mondo” parla della scoperta, da parte di un amministratore locale, di una nuova area edificabile dietro il quartiere di Salviano o che “Gli Intoccabili” son quattro bagnini de’ Pancaldi in trasferta a Marina di Pisa.
    La cultura cinematografica del livornese, capirete, è un po’ scarsina ma soprattutto è “livornocentrica” – per noi il TITANIC, in sostanza, era guidato da un livornese abbestia, e si narra che quando vide puntare l’iceberg diritto verso di sé e verso la su’ nave esclamò sorpreso: “Boia dé! O chi lo guida quer troiaio?!”. E in altri sogni cinematografici ‘locali’ ci immaginiamo mostri alieni in mondi lontani che, guardando ir cielo in direzione della Terra, si domandano preoccupati: “Ma te ci credi a’ pisani?”, temendo un’invasione di ‘ontadini (di Peccioli) su’ barrocci volanti ne’ loro pianeti.
    Il livornese scherza cor cinema perché sostanzialmente ci crede poo. A noi ci piacciono di più le cose concrete (del resto, ir Terzo Teorema del Livornese Briao più o meno suona così: “è meglio una donna bruttina ignuda accanto che una donna finta vestita sullo schermo”). Ir cinema è finzione e per quanto ‘esageri’ con l’effetti speciali e con l’esplosioni non supererà mai in fantasia (e in bombecarta) i livornesi. A Livorno, tanto per dirne un’altra, uno come Rambo non avrebbe mai fatto presa come in Ameria perché a Livorno siamo pieni di “Rambi” – basta vedé come il livornese va a fa’ funghi in autunno. A vederci partì per funghi la mattina tutti bardati pare che i porcini, i chiodini e i prataioli (e i finferli) siano più feroci de’ velociraptor!
    A Livorno se ne vede pochi di film, perché i veri film siamo di già noi! Guardatevi in giro! In confronto a’ nostri vigili urbani i “Chips” sembrano custodi dell’asilo! Guardate le nostre strade: i nostri motorini, a mezzo gas, possano seminà le macchine di “Fast & Furious”!
    In conclusione, Livorno è più hollywoodiana di Hollywood: qualche giorno ci si sveglia e sulle colline dietro di noi, alla Valle Benedetta, a lettere cubitali – bianche ed enormi – ci si trova scritto: “WELCOME IN THE TOWN OF THE TESTEDIAZZO” e sotto piccino: “Simpatiche abbestia – ma sempre un po’ testediazzo!”.
    Altro che Los Angeles!

    ...Hasta ‘r Ponce, Baby!

    :asd:
  3. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4618481
    Il bacio è una telefonata al pi...perchè si tenga pronto.:asd: :asd: :asd:

    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Quelli che il Vernacoliere. Il dialetto livornese...

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina