1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4628348
    Fonte: scritto da Alvise Cagnazzo per Nesti Channel - carlonesti.it
    Nella fiera della vanità, dopo aver criticato Ibrahimovic, crocifisso Raiola ed imputato tutti i mali del mondo all’esperto procuratore Becali, al momento prigioniero di una “promessa” di matrimonio strappata all’Inter in merito al trasferimento di Chivu, questa volta il senso critico dell’Uomo nero si è posato su Corvino, direttore sportivo della Fiorentina, società sempre pronta a concludere operazioni di mercato con la Juventus. Da Maresca a Miccoli, da Chiellini sino a Balzaretti, elemento poco gradito al tecnico Ranieri. E sul caso Nocerino…

    Domanda – Dopo aver soppesato i richiami della “sirena” ammaliatrice Raiola, ed aver smontato il nobile segreto di pulcinella legato ai metodi, poco ortodossi, usati dall’Inter per contattare Suazo e Chivu, il suo obiettivo, gentile Uomo nero, non può che essere quello di far luce sui contorni della trattativa per Nocerino, sedotto e abbandonato dalla Fiorentina. Indovinato?

    Risposta – Avevo altre intenzioni, ma questo suo suggerimento, voglio coglierlo al volo. Prima di ogni altra cosa, l’obiettivo primario della Juventus è quello di sfoltire la rosa. Dopo la rescissione di Tacchinardi, che a me non sarebbe dispiaciuto come rincalzo, a partite sarà Giannichedda. Come le avevo anticipato, dopo aver sistemato Passoni al Mantova, ogni sforzo del Livorno sarà incentrato proprio sul suo acquisto. E le anticipo un’altra cosa. La Juventus non parteciperà, nemmeno in minima parte, alla retribuzione del suo stipendio, che sarà interamente a carico dei toscani. Preferisco però rispondere al suo iniziale quesito con un’altra domanda. Perché mai una squadra che deve sfoltire il centrocampo, convoca in ritiro un giocatore come Nocerino che a Firenze aveva già chiesto ed ottenuto di indossare la maglia numero trentadue, a conferma di una trattativa praticamente già definita in ogni dettaglio?

    Domanda – Allora, ho indovinato. Parleremo del ritorno di Nocerino a Torino, come richiesto dal neo tecnico Ranieri?

    Risposta – Sbaglia. Ranieri, è già entrato nell’ottica del dirigente informato, altruista e competente. Pronto a coprire ogni falla dell’amministrazione centrale, se in tale modo vogliamo chiamarla. Però, non si fatica a comprendere che questa situazione Ranieri non l'avrebbe mai voluta vivere. E' stato scaltro a farla apparire come opportuna, come necessaria per rinforzare il centrocampo. Ma ne avrebbe fatto volentieri a meno. Se qualcuno si fosse comportato in modo corretto, infatti, magari oggi la Juventus avrebbe incassato i cinque milioni pattuiti con i Della Valle, ed il giocatore sarebbe finito in comproprietà alla Fiorentina, consentendo a Ranieri di chiedere con serenità a Blanc un altro difensore. Adesso, o Nocerino si mette l’anima in pace, accettando il trasferimento all’Udinese, necessario per abbassare il prezzo di Iaquinta, o rimane alla Juventus.

    Domanda – Niente Napoli o Genoa?

    Risposta – No, niente. La Juventus vuole dirottare a Napoli uno fra Zalayeta, Blasi e Piccolo. Ed a Genova, probabilmente, andranno gli altri due. Per Legrottaglie, il discorso è diverso. Il suo accordo scade nel 2008. Ed è probabile che, senza acquirenti, la Juventus gli proponga la rescissione. Per quanto riguarda Nocerino, la verità è soltanto una. La dirigenza non vuole essere scavalcata da nessuno nella gestione della propria rosa. E lo ha sottolineato anche Blanc, pochi giorni fa. Anticipando la mia critica nei confronti del comportamento dell'Inter.

    Domanda – A chi si riferisce, quando parla di interferenze ed intromissioni?

    Risposta – Mi riferisco a Corvino. Il discorso sul direttore sportivo della Fiorentina è lo stesso fatto per Raiola e Becali. Insomma, basta dire che Moggi si comportava in maniera scorretta. Gli altri che ho appena citato non mi sembrano da meno. Se l’Inter commissiona a Raiola di portare via da Torino uno dei simboli della squadra, come ad esempio Nedved, tutti dicono che il suo mestiere è quello di offrire il meglio al suo assistito. Se Moggi porta a Torino un grande difensore come Ferrara, strappandolo alla Roma, come accadde anche per Paulo Sousa ed Oliseh, è invece per tutti scorretto. In un paese civile, esiste un peso ed una misura, unica. Non disparità di trattamento. Io, mi sentirei offeso.

    Domanda – Senza tergiversare, perché ha accusato Corvino di manovre scorrette?

    Risposta – Io, non ho accusato nessuno. Ho detto la verità. Secco, in tanti anni vicino alla Triade, ha compreso determinati meccanismi. E non ha sopportato l’interferenza di Corvino nel rapporto tra il mediano e la Juventus. E poi, con la Fiorentina, nelle comproprietà, la Juventus ci ha quasi sempre rimesso. Ha rischiato di perdere Chiellini. E non vuole fare la stessa fine con Nocerino. Poi, se non le dispiace, mi preme rivelare un aneddoto su Corvino.

    Domanda – Faccia pure.

    Risposta – Il direttore sportivo della Fiorentina, ha sempre avuto un debole per Miccoli. Credeva in maniera spropositata in lui. Ma, a mio avviso, Corvino proprio nel rapporto con Miccoli ha palesato un grave difetto caratteriale. A volte è geloso dei giocatori che stima ed apprezza, forse perché non sente riconoscenza o gratitudine da loro. Fu lui a volerlo a Firenze, con tutte le forze. Quando Moggi piazzò il colpo Ibrahimovic all’ultimo istante di mercato del trentuno agosto. Un’operazione da brividi, perché condotta sul filo delle scadenze temporali fissate. Rischiò di saltare sino all'ultimo. Poi, grazie anche ad Ibrahimovic, che si impuntò con l'Ajax, tutto si risolse. Ma come andò a finire per Miccoli? Fu trattato malissimo dalla società, proprio per via di Corvino che quasi in maniera ossessiva convinse, mediante pessime referenza, i fratelli Della Valle a non riscattarlo. Sa da quando non si parlano più, Miccoli e Corvino?

    Domanda – Da quando, Corvino offrì l’ennesima scortesia a Miccoli. Era stato male, Corvino. E Miccoli lo chiamò per sincerarsi delle sue condizioni di salute. Il direttore sportivo non gradì questa telefonata. Come fosse scocciato, di tanta cortesia. Traducendola in invadenza. E rispose in un modo tanto sgarbato da fare sbottare persino un tipo mite come Miccoli, il quale alla Juventus, tranne che per qualche sussulto con la curva per via di un tatuaggio un po’ troppo esplicito sul polpaccio, è sempre stato in sintonia con tutti. Ad esempio Zebina, fa sempre un po’ di vacanze a Gallipoli, l’estate. Ed a chi crede chieda il favore di noleggiargli la barca? Solo con Olivera, ha avuto qualche problema. Ricordo che una volta quasi vennero alle mani. Con Del Piero, ha un ottimo rapporto invece. Anche Moggi, però, litigò con Miccoli. Sappiamo tutti perchè. Ma dal punto di vista tecnico, credo non si possa discutere, Miccoli. Persino un esperto come Galbiati, e lo ricordo bene, nel primo giorno di ritiro con Capello in panchina, disse con sincerità di non aver mai visto palleggiare un giocatore in maniera tanto disinvolta.

    Domanda – Peraltro, Miccoli è andato al Palermo. Ed anche Nocerino, pareva destinato in Sicilia.

    Risposta – La Juventus, si è irritata proprio per questo. Sarebbe dovuto andare in Sicilia, forse per un anticipo sull’acquisto di Cavani, bomber uruguayano di grande talento. Ma l’intervento privato di Corvino, che avrebbe suggerito al centrocampista di non rinnovare il contratto, andando in scadenza con i bianconeri, intrapreso con il giocatore, non è piaciuto all’attuale dirigenza.

    Domanda - Cosa succederà?

    Risposta - Si farà largo ad una mini rivoluzione. Senza dimenticare che, senza l’intervento scorretto di Corvino, oggi il giocatore sarebbe a Firenze, insieme all’amico Montolivo.

    Domanda – Quale mini rivoluzione, scusi.

    Risposta – Se Nocerino non accetterà le condizioni della dirigenza bianconera, sarà Marchisio ad essere ceduto. E' richiesto dal Parma e dalla Sampdoria, oltre che dal Genoa. Anche se ritengo gli emiliani in leggero vantaggio, in quanto hanno a disposizione un ambiente più consono alla maturazione di un ragazzo di talento, ma un po’ timido, come Marchisio. E potrebbe presto essere ceduto anche Marchionni. Con una buona offerta, diventa un giocatore cedibile. Come Boumsong, d’altronde.

    Domanda – La prossima volta, di cosa parleremo?

    Risposta – E’ stata una giornata pesante, ma le concedo la solita frase. Non decido nulla, io racconto soltanto quello di cui sono a conoscenza

    http://www.tuttomercatoweb.com/index.php?action=read&id=67569

    :cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4628351
    Originally posted by TonyManero
    Uomo nero ammazzati :cool:


    E' già morto per questo è nero.:cool:

    E' un fantasma.:ghost:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  3. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4628352
    Corvino amareggiato per le critiche

    Ds Fiorentina: "Troppo scetticismo nei nostri confronti"

    CASTELROTTO, 15 LUG - "Sono amareggiato, troppe critiche, troppo scetticismo nei confronti del mio lavoro". Si sfoga cosi' il ds della Fiorentina Corvino. La partenza di Toni e Reginaldo, il caso-Bojinov, alcune trattative avviate ma saltate in extremis (Nocerino) o incapaci di sbloccarsi per vari motivi (Ljungberg, Semioli, Huntelaar) stanno creando un po' di apprensione fra i tifosi. "Ma da qui a definirci un cantiere aperto ce ne corre - sbotta Corvino -, io continuo ad essere fiducioso".
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  4. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4628355
    è lo stesso uomo nero che secondo Caliendo aveva buttato la pasta? :asd:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  L'uomo nero attacca Corvino

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina