1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4634159
    Replica La Russa: demagogica e sconcia chiamata alle armi

    Roma, 1 ago. (Apcom) - Decine di parlamentari di FI, Lega e Udc sono in fila da stamane per il test antidroga in piazza Montecitorio. Il test anti-droga - fanno sapere dall'Udc - è un successo tanto che sarà prolungato fino alle ore 17, "vista la grande partecipazione e le numerosissime prenotazioni da parte dei parlamentari, che al momento hanno superato la centinaia".

    E in effetti sono in molti i parlamentari dell'Udc in fila per sottoporsi al test e a rivendicare la guida della battaglia contro gli stupefacenti. Accanto a loro molti deputati azzurri, tanti leghisti, pochi quelli di An, nessuno o quasi del centrosinistra. L'assenza di An non è passata inosservata, tanto che sollecitato sull'argomento Pier Ferdinando Casini risponde secco: "Già abbiamo votato da soli la legge in Parlamento (quella sui test per i parlamentari, respinta), chi è assente è coerente con l'assenza in Parlamento...".

    Replica Ignazio La Russa, capogruppo di An alla Camera: "Sono molto in polemica con Casini, bisogna imparare a non essere demagogici. Casini dice che non è venuto nessuno di An a fare il test? Eccoci qui, siamo venuti per rispondere alla sconcia chiamata alle armi di Casini". A ribattere è poi il segretario Udc Cesa: "Noi non abbiamo precettato nessuno. Abbiamo solo mandato mail a tutti i parlamentari, chi voleva poteva fare il test".

    I parlamentari prendono un numero, come al supermercato. Il test è triplice: della saliva, dell'urina o del sangue. Ci vogliono 5 minuti per farlo, molto di più occorre invece attendere in fila. Tanti i parlamentari presenti, fin dalle 9:30 di stamattina. Fra i dirigenti Udc Casini, Cesa, Buttiglione, Tassone, Volontè, D'Onofrio, Dionisi, Libè, D'Alia, Pionati, Vietti, Drago, Ciocchetti. Fra i parlamentari di FI Osvaldo Napoli e Guido Crosetto, i leghisti Roberto Cota, Andrea Gibelli, Davide Caparini, Adolfo Urso e Riccardo Pedrizzi di An.

    Lorenzo Cesa è in fila per il test antidroga in piazza Montecitorio e sta spiegando ai cronisti che l'Udc proseguirà la battaglia dei valori nonostante la vicenda del deputato Mele e della sua notte brava, quando un suo collega di partito lo invita stizzito a non parlarne più, a guardare avanti: "E basta, con sto Mele...".

    La fila ordinata è poi turbata dal blitz antiproibizionista. I Verdi Paolo Cento, Grazia Francescato, Luana Zanella e Paola Balducci, Franco Grillini (Sd) e Donatella Poretti (Rnp) hanno fatto irruzione fra i parlamentari di centrodestra 'armati' di mele, pere e preservativi. "Meglio mangiare pere che farsele - spiega Cento - mentre i profilattici servono per fare una campagna di diffusione dei condom anche in Parlamento. Denunciamo l'ipocrisia di questo test: come i test antidoping bisognerebbe farli al sabato, non di mercoledì. La sfida all'Udc è di fare il test a sorpresa, un sabato deciso dai giornalisti....".

    Oliviero Diliberto dal canto suo mostra stupore in piazza Montecitorio quando, fermandosi a chiedere conto delle persone in fila sotto un gazebo, un presente lo informa che sono 'i deputati dell'Udc che fanno il test antidroga'. Attimo di silenzio, poi il leader del Pdci commenta con sarcasmo: "Solo il test antidroga? E la Wassermann no? Mi sembrerebbe un'elementare precauzione sanitaria, viste le frequentazioni...".

  Deputati Cdl In Fila Per Test Antidroga, Casini Contro Assenza An

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina