1.     Mi trovi su: Homepage #4635399
    - E’ un Adriano Galliani molto più tranquillo e rilassato quello che si concede ai media il giorno dopo il primo grande acquisto rossonero in questa estate di calciomercato. Dopo circa due mesi di trattative il Milan era ancora a secco, uno ‘0’ inequivocabile faceva mostra in tutti i quotidiani nel prospetto della colonna ‘acquisti’, con i tifosi del Diavolo che già mostravano segni di insofferenza, ingelositi dai ‘botti’ di mercato della altre rivali pretendenti allo scudetto, Inter e Juve in primis. L’acquisto del giovane talento brasiliano, proveniente dall’Internacional di Porto Alegre, se non rappresenta una marcia in più nell’immediato presente, sarà sicuramente un ‘gioiello’ da indossare a lungo termine, uno dei ‘totem’ del Milan del futuro. La dirigenza di via Turati non si è fatta sfuggire l’occasione, cogliendo al volo l’attimo fuggente, portandosi a casa il fuoriclasse del futuro, un Ronaldinho da crescere e far maturare tra le mura domestiche di Milanello.


    'MISTER X' ? PATO...

    L’amministratore delegato rossonero, sprizza, ovviamente, felicità da tutti i pori: “Il nostro ‘Mister X’ era lui - afferma alla ‘Gazzetta dello Sport’ – Abbiano un po’ giocato con questa storia, ma il nostro obiettivo è sempre stato Pato. Sono estremamente soddisfatto che questa operazione sia andata finalmente in porto – continua Galliani - Tutto l’ambiente era d’accordo sulle qualità di questo ragazzo, in primis il presidente Berlusconi, il più deciso sulla scelta di portare Pato a Milano. Il presidente, fin dalle primissime battute, ne parlava già con toni entusiastici. Per portarlo in rossonero abbiamo superato la concorrenza delle altre grandi d’Europa: Inter e Real erano molto interessate, ma è stato il Chelsea che fino all’ultimo a tentato di fare il colpo grosso. Pato nuovo Kakà? Pato è il miglior Under 18 in circolazione, ma al momento è un ‘progetto di campione’ e non un ‘campione fatto’ come Kakà – spiega – Seguiremo Pato con la dovuta attenzione ed è stato un bene per lui che possa essere a Milano già da settembre”.


    NIENTE 'BIS'

    Con l’acquisto di Pato, Galliani chiude la porta ad altri acquisti eccellenti: “Con Pato abbiamo concluso la nostra campagna acquisti – sottolinea - Abbiamo detto al Real Madrid che ci ritiriamo per Baptista. E’ un ottimo giocatore, ma così nella nostra rosa ci sono già troppe punte”. Niente da fare neanche per Eto’o e Ronaldinho, gli obiettivi di sempre: “Non mi sono mai illuso, a maggior ragione ora. Questo per il Milan è un discorso chiuso”. Galliani risponde anche a quella critica che giudica la coperta milanista troppo corta: “Non avevamo alternative, se avessimo lasciato Pato sarebbe andato a un’altra big d’Europa. Poi, della nostra rosa siamo più che soddisfatti. E’ competitiva in tutti i reparti e in attacco ancor di più. Perché il sempre verde Inzaghi resta un grande: pensate, anche mio nipote Adrian va in giro con la maglietta di Pippo-gol... Poi, Gilardino non si discute, e non dimenticate Ronaldo… Non mi chieda il motivo, ma ho i miei buoni motivi per credere che Ronie sarà la sorpresa della prossima stagione. Ne riparliamo tra un paio di mesi”.


    SCUDETTO E CHAMPIONS

    Infine, Galliani parla anche della corsa al prossimo Campionato di Serie A e alla ‘riconferma’ sempre più difficile in Champions League: “Per il campionato la Juve ha il vantaggio di non fare le coppe, ma mi auguro che il derby milanese di ritorno, a 2 turni dalla fine, valga lo scudetto. E che lo vinciamo noi, ovviamente. Per quanto riguarda l’Europa, invece, Barcellona e Inter saranno le rivali più temibili, in particolare quest’ultima si è rafforzata notevolmente, acquistando due giocatori di assoluto valore come Chivu e Suazo. Mi fa piacere come milanese che l'Inter sia così forte, nessuna città in Europa può contare su due squadre di questa levatura”.

  Milan, Galliani A 360 Gradi: "mister X Era..."

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina