1.     Mi trovi su: Homepage #4659714
    La cura di Ronie si tinge di giallo
    Capo antidoping: "E' pratica illecita"

    Si tinge sempre più di giallo la questione Ronaldo. Le polemiche adesso si sono spostate dall'entità dell'infortunio alla pratica della terapia di recupero. Secondo il presidente della commissione antidoping del Coni, Luigi Frati, la cura con i "fattori di crescita" sarebbe illecita. "E' una pratica non ammessa - ha precisato - lo dice la Wada". Ed ancora: "Ronaldo in Brasile per questo motivo? Credo sia una fantasia".

    Una vera corsa a evitare ostacoli, non ha ancora pace Ronaldo che non solo ha dovuto accusare il responso di un ulteriore mese di stop, ma che adesso deve fare i conti con la posizione assunta dalla commissione antidoping in merito all'ipotetica cura a cui il Fenomeno sarebbe in procinto di sottoporsi per guarire del tutto dal problema al tendine del muscolo riscontrato poco prima dell'inizio del campionato. Infatti secondo Luigi Frati, capo della commissione del Coni, la cura con il fattore di crescita sarebbe non ammessa dalla Wada oltre che dannosa per l'atleta. "Dire che la pratica sia lecita in Italia è una inesattezza - ha affermato - la Wada stabilisce che tutto ciò che ti consente di guarire ma ti procura un vantaggio agonistico è doping. Quindi bisogna bloccare l'attività agonistica di un atleta finché non è rientrato nei parametri normali".

    Ed ancora: "Se Ronaldo la volesse fare dovrebbe mandare preventivamente a noi dell'antidoping una richiesta che verrebbe esaminata. Ma c'è quel comma della Wada che parla chiaro - ha ribadito - Chiariamo poi un'altra questione. I fattori di crescita, se si tratta del PDGF, ossia il 'platelet derived growth factor', non servono a niente, sono una cavolata, Ronaldo in Brasile per questa terapia? Credo che sia una fantasia".

    In seguito Frati ha anche enumerato gli effetti collaterali che tale cura potrebbe provocare: "Se è andato per il PDGF si è fatto fregare - ha continuato - Anche perché nessuno è così sciocco che si fa iniettare una sostanza che ha effetti collaterali importanti. Perché per gestirlo bisogna usare dei retrovirus di espansione: è come sparare con una pistola in un pagliaio, non sai cosa finisce là dentro. Può causare anche un tumore. Non credo che si possa usare come applicazione terapeutica: se hai un tumore te lo sviluppa'", ha spiegato. Infine sulla linea da adottare nei confronti del Fenomeno glissa: "Quando tornerà ne parleremo". Ronaldo è avvisato

    tgcom.it

    -------------

    :rolleyes:
  2.     Mi trovi su: Homepage #4659716
    Caso Ronaldo, Ancelotti perplesso
    "Come sta? Non so, chiedete ai medici"
    Ancelotti è perplesso, Galliani comprensivo, l'antidoping curiosa. Il caso Ronaldo fa discutere, ma nonostante la stizza del tecnico rossonero, il Milan sembra intenzionato a dare fiducia al Fenomeno. Il rientro in Italia appare imminente, forse già mercoledì, e così la polemica si sposta a Milanello, dove Ancelotti ha bacchettato lo staff medico. "Come sta Ronie? Chiedetelo a Meersseman: doveva essere pronto per lunedì...".

    tgcom.it
  3.     Mi trovi su: Homepage #4659720
    credo che abbia avuto il tempo di fare tutte le cure strane che voleva; una delle quali era la centrifugazione del suo stesso sangue per arricchirla (solo di ossigeno?) e reimmetterla nel suo organismo

    E la Auto-emo trasfusione è vietata in Italia perchè considerata Dopante

    ma se avesse fatto delle cure in Brasile, senza dirlo alla Società .. credo sarà lui e solo lui il colpevole ..

    mica possono mettergli l'investigatore alle calcagna ??

    ... non è che torna tra un mese perchè quello è il tempo necessario a far sparire le tracce di quella cura ?
  4.     Mi trovi su: Homepage #4659722
    Originally posted by common
    credo che abbia avuto il tempo di fare tutte le cure strane che voleva; una delle quali era la centrifugazione del suo stesso sangue per arricchirla (solo di ossigeno?) e reimmetterla nel suo organismo

    E la Auto-emo trasfusione è vietata in Italia perchè considerata Dopante

    ma se avesse fatto delle cure in Brasile, senza dirlo alla Società .. credo sarà lui e solo lui il colpevole ..

    mica possono mettergli l'investigatore alle calcagna ??

    ... non è che torna tra un mese perchè quello è il tempo necessario a far sparire le tracce di quella cura ?
    è considerata Doping se gioca.. se si "dopa" senza giocare.. è reato ugualmente? cioè.. giocherà tra un mese.. dunque? gli effetti di un eventuale test come sono a considerarsi?:confused:
  5.     Mi trovi su: Homepage #4659725
    Originally posted by Canemacchina
    è considerata Doping se gioca.. se si "dopa" senza giocare.. è reato ugualmente? cioè.. giocherà tra un mese.. dunque? gli effetti di un eventuale test come sono a considerarsi?:confused:
    E dove sta scritto che torna tra un mese ? perchè l'ha detto il milan ? avevan detto pure che sarebbe tornato per la supercoppa... stanno facendo il gioco delle tre carte.... ronaldo gioca, ronaldo infortunato, ronaldo non c'è... aèèèèèèèèèèè dove sta ronaldo ? e nel frattempo quello se bomba...


    :asd: :asd:
  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4659726
    Originally posted by LaBiRiNtO
    E dove sta scritto che torna tra un mese ? perchè l'ha detto il milan ? avevan detto pure che sarebbe tornato per la supercoppa... stanno facendo il gioco delle tre carte.... ronaldo gioca, ronaldo infortunato, ronaldo non c'è... aèèèèèèèèèèè dove sta ronaldo ?

    :asd: :asd:
    scelgo la carta in mezzo:cool:
  7.     Mi trovi su: Homepage #4659727
    Originally posted by Canemacchina
    è considerata Doping se gioca.. se si "dopa" senza giocare.. è reato ugualmente? cioè.. giocherà tra un mese.. dunque? gli effetti di un eventuale test come sono a considerarsi?:confused:


    ______________________________
    Prima dell’avvento dell’eritropoietina (EPO), la tecnica dell’autoemotrasfusione era piuttosto diffusa nel mondo dello sport.

    Tramite questo procedimento era possibile incrementare il numero di globuli rossi assicurando una maggiore disponibilità di ossigeno ai muscoli. Grazie a tale proprietà l’autoemotrasfusione era in grado di innalzare il livello prestativo dell’atleta.

    ______________________________

    In questo caso c'è stata una pubblica dichiarazione di voler seguire quella cura e quindi CREDO (dipende se anche nel calcio sono previsti i controlli a sorpresa) inevitabilmente lo sottoporranno a visite se la praticherà e tornerà in Italia prima del tempo. Quindi sarà soggetto all'accusa di aver fatto ricorso a pratiche dopanti (perchè difficilmente gli daranno l'autorizzazione ad una cura del genere)

    Se è una cura che dopo tempo esaurisce i suoi effetti NON so dirtelo .. ma dato la pubblica dichiarazione di volerla seguire non potrà mica far finta di niente.

    Alla fine il Milan non credo che consentirà una cura del genere (sempre che non ci sia già stata)

  La cura di Ronie si tinge di giallo

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina