1.     Mi trovi su: Homepage #4672992
    - I tabloid britannici, si sa, hanno un intuito particolare per gli scoop, documentati con dovizia di particolari ma soprattutto verificati tramite l'ausilio di testimoni casuali o diretti. Ciò che è emerso stamattina assume contorni perlomeno buffi, con il solito 'The Sun' in prima linea nel racconto dell'ultimo litigio in casa Chelsea dell'ormai celeberrimo Josè Mourinho. L'episodio, che sarebbe stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso delle intenzioni dimissionarie di Mourinho, è stato sbattuto in prima pagina dal giornale inglese, ma il dettaglio più gustoso è che a rivelarlo è stato un bambino di sei anni. Inutile farsi congetture da romanzo giallo, il violento diverbio con protagonista l'allenatore portoghese sarebbe avvenuto in un poco simpatico face to face con Andriy Shevchenko, pietra dello scandalo nel rapporto fra l'ex tecnico dei Blues e il plenipotenziario Roman Abramovich, ammiratore per niente nascosto dell'attaccante ucraino, approdato in Inghilterra unicamente con l'avallo del patron russo. Ma veniamo all'episodio. Il piccolo Kai Needs-Boreham, grande tifoso del Chelsea, qualche giorno fa era stato invitato allo 'Stamford Bridge' per incontrare Mourinho e il resto della squadra in occasione della gara di Champions League contro il Rosenborg. Accompagnati da un addetto del Chelsea, Kai e la mamma (voce rivelatrice dell'episodio) hanno prima incontrato alcuni giocatori tra cui Ashley Cole e John Terry, ma negli spogliatoi mancava Shevhcenko. La guida ha dunque portato Kai davanti all'ufficio di Mourinho, nel quale si stava consumando l'ultimo atto della storia infinita fra Josè e Sheva. "Quando siamo arrivati - ha raccontato la signora Needs-Boreham - si potevano sentire le loro urla nonostante la porta chiusa, e il dirigente che ci accompagnava (in verità un po' troppo chiaccherone, ndr) ha detto a Kai che era in corso una grossa lite. Quando la porta si è aperta Mourinho era visibilmente rabbuiato, ma si è ripreso quando ha visto mio figlio e ha abbozzato un sorriso prima di stringergli la mano. Shevchenko si trovava nella stanza - ha proseguito la donna - e Kai voleva il suo autografo ma il nostro accompagnatore gli ha spiegato che non era il momento opportuno". L'epilogo è ben noto a tutti, con il pareggio casalingo dei 'Blues' contro i non irresistibili norvegesi e l'abbandono "consensuale" fra sodalizio londinese e allenatore. I tifosi sembrano schierati dalla parte del trainer lusitano, con Shevchenko fischiato al momento dell'uscita dal campo nel match perso ieri all''Old Trafford' contro i rivali del Manchester United. Ma più della disapprovazione dei supporters del Chelsea conta un solo applauso, ma più potente di tutto il resto. L'applauso di Roman Abramovich.

  Clamoroso: Bambino Rivela Litigio Mourinho-sheva

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina