1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4687728
    Ha rischiato di uscire fuori di testa, Vincent Pericard, in forza alla Juventus dal 2000 al 2002, durante le cinque settimane passate in prigione. L’attaccante dello Stoke City è tornato da poco in libertà, dopo oltre un mese trascorso nel penitenziario di Exeter, dove era stato imprigionato per aver mentito su chi fosse davvero al volante della sua auto quando era stato fermato per eccesso di velocità. “Ho avuto tanta paura per la mia salute mentale – ha raccontato il 25enne ex juventino al “Daily Mirror” – perché sono stato molto vicino a perdere la testa, a diventare matto. Ero claustrofobico e non riuscivo più a esprimermi, tanto che temevo davvero di esplodere”.
    DURA LA VITA - A farlo andare in tilt, la routine quotidiana, fatta di orari precisi e regole fisse. “Mi svegliavo alle 7,30 per la colazione, che era veramente pessima: una tazza di latte e dei cereali che sembravano plastica. Mangiavamo nelle nostre celle, dove dovevamo stare rinchiusi fino alle 11, poi uscivamo a prendere il pranzo, che però dovevamo sempre consumare dietro le sbarre. E la stessa scena si ripeteva anche per la cena”. Insomma, un incubo. Come pure la misera “paghetta” settimanale che spettava ai detenuti: “Ci davano circa 7 sterline (10 euro) che usavo per ricaricare il telefono, comprare vestiti o cibo extra. E se stavi a letto tutto il giorno, non avevi abbastanza da mangiare”.
    CAVIGLIERA - L’esperienza in carcere ha traumatizzato l’ex stella dell’Under 21 francese, soprattutto dopo che il compagno della cella a fianco si è impiccato: “La prigione è un mondo totalmente a parte, un posto dove nessuno vorrebbe mai finirci – ha proseguito Pericard – perché è il regno dei criminali, che hanno un modo di pensare tutto loro e leggi e regole proprie. Ero in mezzo a spacciatori, pedofili, stupratori, assassini… Ce n’era davvero per tutti i gusti. Gente che non fa più parte della società civile, ma io non voglio fare la loro fine. E’ stata senza dubbio la cosa più dura che abbia mai fatto per sopravvivere”. Ora Pericard è in libertà condizionata (era stato condannato a 4 mesi) e dovrà sempre indossare una cavigliera elettronica, fedele compagna anche durante gli allenamenti con lo Stoke.
    ESEMPIO - “Il giudice che ha stabilito la sentenza doveva davvero essere di cattivo umore quel giorno e con me ha voluto dare un esempio – ha ammesso il camerunese, naturalizzato francese -. Quando ha letto la sentenza, non sapevo cosa fare, ricordo solo che arrivò il poliziotto a mettermi le manette e a portarmi via. Sono rimasto sotto choc per giorni. In cella, ho imparato che la tua vita può davvero cambiare in un attimo. Avrei dovuto essere felice, con i miei amici e la mia libertà, invece, improvvisamente, mi hanno tolto tutto: nessun contatto, niente telefono, nulla di nulla. E’ stata una lezione dura per me, ma ho imparato la lezione: d’ora in vanti rispetterò la legge e consiglio a tutti di fare lo stesso”.
    GRAZIE STOKE - Ad aiutarlo in quelle terribili cinque settimane sono stati il suo vecchio allenatore al Portsmouth, Harry Redknapp, e l’ex compagno di squadra Teddy Sheringham. Ma il ringraziamento più grande va allo Stoke City, che gli ha offerto una seconda possibilità: “Il club avrebbe potuto facilmente cancellare il mio contratto e risparmiare i soldi, invece non l’hanno fatto, hanno avuto fiducia in me e questo è servito a ridarmi speranza. Per me, adesso, è Natale tutti i giorni, perché sono tornato insieme ai miei amici e ai miei compagni e non sono più in mezzo ai galeotti”.


    http://www.tuttomercatoweb.com/index.php?action=read&id=77136

    :eek:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  2. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4687730
    Originally posted by digital_boy84
    poteva pensarci prima di fare il criminale :cool:



    :rolleyes: criminale?? fare due anni così per una palla raccontata è davvero troppo!!

    ma che cazz di giustizia è questa?? :rolleyes:

    queste sono solo pene punitive si abbadnonano soggetti in cella dove i + forti resistono e gli altri sono "invitati" al suicidio!


    :rolleyes:
  3.     Mi trovi su: Homepage #4687731
    Originally posted by wfw
    :rolleyes: criminale?? fare due anni così per una palla raccontata è davvero troppo!!

    ma che cazz di giustizia è questa?? :rolleyes:

    queste sono solo pene punitive si abbadnonano soggetti in cella dove i + forti resistono e gli altri sono "invitati" al suicidio!


    :rolleyes:


    ma che due anni, è stato dentro un mese
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  4. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4687732
    Originally posted by digital_boy84
    ma che due anni, è stato dentro un mese



    vero, mi sono fatto ingannare dei "due anni in forza.... alla juventus!" :asd:


    cmq anche un mese che sono almeno 30 giorni così devono essere un incubo per una ragazzo!


    In questi casi cmq sono per i servizi sociali. Rendersi utili per la società, una punizione come quella della prigione quasi da isolamento come raccontato è proprio barbara!
  5. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4687733
    Vincent Pericard torna in carcere: l'ex juventino, 24 anni, era da poco uscito dopo 5 settimane di reclusione ma è stato arrestato nuovamente questa notte dalla polizia britannica per motivi ancora sconosciuti. Pericard, ex grande promessa del calcio francese, gioca ora nello Stoke City.

    http://www.tuttomercatoweb.com/index.php?action=read&id=77713

    :( :eek:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  L'ex-Juve Pericard: "In prigione un inferno"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina